Lo stile di design di 200 anni che domina oggi

Lo stile di design di 200 anni ha ispirato tutti, da Donald Judd a Virgil Abloh.

Uno dei più memorabili le mostre d'arte degli ultimi cinque anni non presentavano dipinti da miliardi di dollari di Gerhard Richter o macchie specchiate di Anish Kapoor. Invece, la stanza era piena di mobili del XIX secolo semplici e splendidamente lavorati. La mostra è stata organizzata dalla Laffanour-Galerie Downtown di Parigi per la European Fine Art Fair nei Paesi Bassi. Sulla parete non c'era altro che una sedia laterale appesa a dei pioli, e in altre parti della galleria erano esposti altri 30 pezzi: un comò, una sedia a dondolo, un tavolo con larghe gambe a cavalletto artigliate. I mobili, in gran parte in prestito dallo Shaker Museum nello stato di New York, sono stati progettati e costruiti da una piccola denominazione di cristiani celibi fuggiti in America dall'Inghilterra nel 1770.

Ciò che ha reso la sala Shaker così memorabile non sono stati i prezzi astronomici o il ronzio dei social media, ma il modo in cui ha evidenziato la potente influenza che il design Shaker ha avuto sull'arte e sui mobili per oltre un secolo. Quasi tutti i principali movimenti di design da quando gli Shaker sono arrivati ​​in America sono stati ispirati in un modo o nell'altro dai loro principi fondamentali di onestà, utilità e semplicità. Le sedie e le scrivanie scarne e scarne di Donald Judd ricordano i mobili della custodia Shaker, e gli effetti domestici improvvisati di Tom Sachs evocano il brillante design degli strumenti della setta. Il maestro modernista Charles Sheeler ha prodotto un'intera epoca di dipinti di tali mobili, ispirati alle sedie da lui raccolte. E artisti (e collezionisti) come Jasper Johns ed Ellsworth Kelly riflettevano le nozioni di Shaker di proporzione e mancanza di abbellimenti nel loro lavoro.