5 grandi paesaggisti e foto dei loro giardini più spettacolari

I paesaggisti più creativi pensano oltre i fiori, gli arbusti e altre piante decorative per creare spazi esterni funzionali, unici e in sintonia con le gloriose armonie della natura. Qui celebriamo cinque dei nostri preferiti e li spingiamo per ottenere informazioni che ti aiuteranno a portare i tuoi spazi esterni in luoghi radicalmente nuovi.

L'oasi arida di YSL

Progettista: Madison Cox
Progetto chiave: Jardin Majorelle di Yves Saint Laurent, Marrakech

L'immagine può contenere vaso e fiore per ornamenti floreali, vasi per piante, arte, ikebana

I vasi di terracotta, dipinti in tonalità luminose da YSL, aggiungono colore al giardino prevalentemente verde.



quando è il momento migliore per abbronzarsi al sole
Shevaun Williams



Costruito negli anni '20 e '30 dal pittore francese Jacques Majorelle, il Jardin Majorelle è stato acquistato da Yves Saint Laurent e dal suo socio, Pierre Bergé, nel 1980. La coppia ha salvato la proprietà dall'essere demolita da uomini d'affari marocchini e l'ha trasformata nella loro fuga di vacanza riccamente decorata.



La prima volta che l'ho visto, era in uno stato spettinato, dice la paesaggista Madison Cox, che è stata assunta da Saint Laurent e Bergé per supervisionare il giardino e ora ne è il direttore. L'idea era di entrare e farla rivivere. Quello che ho cercato di fare è arricchire la varietà delle piante, per mantenere la tradizione sia delle piante autoctone che di quelle importate dall'estero.

Majorelle era un maniaco delle piante la cui ossessione per la ricerca di nuove specie lo ha portato a cacciare in tutto il Marocco e in tutto il mondo, importando piante, in particolare cactus, dagli Stati Uniti, dal Messico, dal Costa Rica, dal Guatemala e da altri paesi.



L'immagine può contenere Water Housing House Villa and Building

Il blu cobalto utilizzato per lo studio di pittura proviene dagli indigeni berberi del Nord Africa.

Jonathan Prime

Timmy Turner è una canzone del diavolo?

Oggi il giardino ospita piante provenienti dai cinque continenti. Ma la caratteristica più sorprendente, dice Cox, non è la folla di cactus o la fontana blu Majorelle, ma la giustapposizione del giardino e dei suoi dintorni. Quando si entra dal clima polveroso, caldo e molto secco, si entra in uno che è estremamente verdeggiante e simile a una giungla, dice. Vagare per il giardino è un tale sollievo. È un momento in cui all'improvviso ti trovi di fronte all'idea di un'oasi. Hai il canto degli uccelli e le ombre e senti il ​​senso di pace.