5 domande difficili a cui dovrà rispondere la campagna di Bernie Sanders

In vista del 2020, Tinews esaminerà i favoriti in lizza per la nomina presidenziale del Partito Democratico. Prossimo: il senatore progressista del Vermont il cui programma sta rimodellando i Democratici davanti ai nostri occhi.

Dopo due anni di speculazioni su quale di loro sia più adatto a portare l'era Trump a una fine misericordiosa nel 2020, i politici democratici che hanno trascorso il loro tempo libero formando comitati esplorativi, sollecitando donazioni, tenendo discorsi stimolanti e frequentando i commensali dell'Iowa stanno finalmente annunciando offerte formali per diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti. Nelle prossime settimane, daremo un'occhiata a ciascuno dei favoriti: chi sono? Cosa rappresentano? E per avere una possibilità di vincere la nomination che cercano, a quali domande difficili dovranno rispondere prima? In precedenza, abbiamo esaminato Kamala Harris. Prossimo: senatore del Vermont Bernie Sanders , chi è dovrebbe annunciare la sua candidatura presidenziale qualunque giorno da oggi.

1. Può convincere gli elettori che non è stantio?

Bernie non avrebbe dovuto vincere niente nel maggio 2015, quando ha lanciato una campagna a lungo termine in una primaria che avrebbe dovuto essere un'incoronazione estesa per Hillary Clinton. A quanto pare, tuttavia, in uno dei paesi sviluppati più diseguali della terra, c'era un vero appetito per un socialista democratico sfacciato che prometteva una rivoluzione politica ed economica, e Sanders finì per vincere il 46 percento dei delegati promessi prima di concedere a Clinton al Convegno Nazionale Democratico.



Diventare un candidato del grande partito dopo che uno diventa quasi un candidato del grande partito non è inaudito: Mitt Romney, John McCain e Hillary Clinton hanno vinto ciascuno il cenno del capo dopo aver terminato come primo secondo classificato nelle precedenti primarie contestate del loro partito. Ma la stanchezza del candidato è una cosa reale e noterai che anche quei tre hanno qualcos'altro in comune. Parte del tiepido sostegno che Clinton ha ricevuto da alcuni democratici può essere attribuito al fatto che gli è stato chiesto, in effetti, di entusiasmarsi per un candidato di cui avevano letteralmente sentito parlare prima e sul quale avevano deciso di passare.



Forse Sanders non avrebbe subito lo stesso destino; a differenza delle proposte più moderate fatte da Romney, McCain e Clinton, la sua piattaforma è molto in aumento all'interno del partito. Ma non sarà l'unico potenziale candidato progressista nel 2020, il che significa che dovrà lavorare per guadagnare alcuni dei sostenitori che, l'ultima volta, gli sono andati di default. Cerca che si concentri pesantemente sulla sua difesa di lunga data per Medicare for All, nel tentativo di differenziarsi dai Johnny-come-ultimamente Democratici che hanno abbracciato solo l'assistenza sanitaria a pagamento singolo da quando è diventata una posizione dominante.



2. Riusciranno lui e il Partito Democratico a fare pace?

Sebbene Sanders abbia cercato la nomination democratica nel 2016, il tre volte senatore eletto non è e non è mai stato un democratico, un fatto che i suoi detrattori amano sottolineare. (Un indipendente che collabora con i Democratici, si è unito nel 2016 per partecipare alle primarie, e si è disiscritto dopo la fine della gara.) È la fonte di gran parte dell'amarezza residua su Sanders tra l'establishment del partito: si è avvalso se stesso di tutti i privilegi dell'appartenenza, sostiene l'argomento, ma non accettò alcuna responsabilità. E anche oggi lui ancora non si chiamerà uno di loro.

Da un lato, questa manovra ha senso: correre da democratico è ciò che lo porta sul palco del dibattito e gli consente di influenzare la proverbiale conversazione. E sa sicuramente che la presenza di un vero indipendente al ballottaggio non farebbe altro che consegnare l'elezione al candidato repubblicano. D'altra parte, alcune delle scelte di Sanders da quando è diventato una celebrità, il suo appoggio impenitente a un candidato sindaco democratico anti-scelta in Nebraska, per esempio, hanno irritato i membri di un partito che stanno ancora cercando di capire se e come si adatterà al suo futuro.