Ahmad Rashad ha ancora tutte le migliori storie su Michael Jordan

Dalla relazione in erba di MJ e Kobe al trash-talking del Dream Team, l'emittente di lunga data condivide i migliori ricordi del suo tempo con i Bulls degli anni '90.

Nel bel mezzo dei playoff NBA del 1993, a caccia del terzo titolo consecutivo per i suoi Chicago Bulls, Michael Jordan decise di boicottare i media. Il suo gioco d'azzardo era stato oggetto di un intenso esame pubblico dopo che era stato riferito che doveva più di $ 1,2 milioni per partite di golf perse, ma invece di parlare, l'atleta più famoso del pianeta ha evitato la stampa. Poi, prima della prima partita delle finali NBA, ha improvvisamente deciso di affrontare le voci, accettando inaspettatamente di rompere il silenzio e parlare. Ma solo a una persona: Ahmad Rashad della NBC.

Rashad (nato Robert Bobby Moore, ha cambiato nome dopo essersi convertito all'Islam) era un ex wide receiver del Pro Bowl per i Minnesota Vikings e un'emittente televisiva per la NBC, ma è meglio descritto come uno dei tizi più ben collegati in rete nello sport. Alle finali del 1993, era diventato amico di Jordan e, dal momento che sarebbe stato a Phoenix a coprire la prima partita, Jordan gli ha chiesto di fare l'intervista. Questo è diventato il biglietto da visita di Rashad: come giornalista secondario e presentatore di NBA Inside Stuff, si è fatto un nome ottenendo il tipo di accesso che nessun altro poteva.



Data la sua amicizia con Jordan (e con l'allora allenatore dei Bulls Phil Jackson) e il suo lavoro in televisione, è stato legato ai Chicago Bulls degli anni '90 come un sidecar. Il documentario di ESPN L'ultimo ballo , che racconta l'ultima stagione di Jordan a Chicago, è rivelatore a causa del suo profondo serbatoio di filmati mai visti prima da un'epoca di spogliatoi chiusi e prima dei social media. Ma quello che vediamo per un paio d'ore di domenica è solo una piccola parte di ciò che Ahmad ha vissuto negli anni novanta.



Anche se è apparso come una testa parlante e la sua famigerata intervista del 1993 ha avuto un ruolo centrale in uno degli episodi di domenica scorsa, l'intuizione di Rashad su quella squadra e quegli anni va oltre ciò che è entrato nel documentario. La sua amicizia con Michael continua ancora oggi. E poiché L'ultimo ballo ha sostituito i giochi dal vivo come contenuti sportivi per gli appuntamenti solitari del paese, abbiamo pensato di aver chiesto a Rashad di aiutarci a esplorare il mito di Michael. Qui, parla di giocare a Jordan uno contro uno nel cortile di casa, di rispondere alle domande relative a MJ da un giovane Kobe Bryant e di vedere il G.O.A.T. dì a una stanza di Dream Teamers e futuri Hall of Famer di prepararsi per un calcio nel culo.



il modo più semplice per radersi la testa

Hai guardato insieme la domenica sera?

Guardo ogni settimana. Ricorda un tempo più di ogni altra cosa, un tempo in cui ero lì, quel periodo in cui i Bulls hanno davvero investito tutti. Ogni domenica [sulla NBC] avevamo la partita della settimana—non era come adesso dove hanno partite per tutta la settimana—e la maggior parte delle volte era Chicago. Il mio lavoro come giornalista secondario era quello di ottenere approfondimenti e intervistare la star del gioco dopo la partita, che per caso era Michael, che per caso era uno dei miei migliori amici.



Ha fissato l'asticella così in alto ed è stata all'altezza di quell'asticella ogni singola volta. Questa è la parte affascinante. Nessuno è mai stato così grande per così tanto tempo e ha dominato il campionato in quel modo. C'è stato un tempo in cui, se eri al top della tua attività, eri il Michael Jordan delle banche, o il Michael Jordan dei venditori di assicurazioni. Se eri il più grande, eri il Michael Jordan di qualunque attività ti trovassi.

quando entrerà in carica doug jones?

Al giorno d'oggi, quando LeBron parte per una partita di playoff, puoi saltare su Twitter e vedere gli atleti che commentano. Non lo avevi allora. Come qualcuno che conosceva atleti e coetanei o contemporanei di Jordan, tanto quanto lui li conosceva, sono curioso di sapere come fosse la conversazione intorno a lui.