Anthony Hopkins non si aspetta nulla e accetta tutto

Una conversazione sulla felicità con il due volte premio Oscar.

Verso la fine dello scorso anno, quando Anthony Hopkins stava promuovendo il suo film allora imminente Il padre , ha parlato con tinews dalla casa di Los Angeles dove era stato rinchiuso con sua moglie negli otto mesi precedenti. L'apparente l'oggetto della conversazione era la felicità , e questo era ciò di cui parlava, ma così facendo ha offerto un ricco ritratto di cosa significasse essere un uomo del genere con i suoi talenti e le sue conquiste nei suoi ultimi anni; di chi era stato e di chi era diventato; di come ora si avvicina non solo al suo lavoro, incluso Il padre , ma qualsiasi plauso che ne potrebbe derivare; di lezioni e umiltà apprese mentre guardava indietro a una vita che stava ancora andando avanti.

1 libbra di grasso equivale a quante calorie

Domenica Anthony Hopkins, che ha compiuto 83 anni l'ultimo giorno del 2020, è diventato la persona più anziana ad aver mai ricevuto un Academy Award per la recitazione - il suo secondo Oscar - quando è stato nominato miglior attore per la sua straordinaria interpretazione di un uomo nei vortici in arrivo di demenza. Ma Hopkins non era alla cerimonia per ricevere il premio. Quando finalmente si sentì in grado di lasciare la casa mentre questa pandemia iniziava a diminuire, Hopkins aveva viaggiato nei luoghi della sua infanzia in Galles. Era lì in Galles, all'inizio della scorsa settimana, dove Hopkins era crollato mentre recitava Dylan Thomas sulla tomba di suo padre; era lì in Galles dove Hopkins era stato quando è stato annunciato il suo premio. Ed era anche lì, nel Galles, dove la mente di Hopkins era andata settimane prima, in risposta alla primissima domanda che gli abbiamo posto, lanciandosi in una serie di riflessioni che in qualche modo riuscivano a sembrare allo stesso tempo profonde, crude, giocose e oneste, suonando come un uomo che aveva raggiunto un punto della sua vita in cui non poteva preoccuparsi di dire nient'altro che quello che pensava davvero. La prima domanda riguardava il periodo della sua vita in cui era stato più felice.



Quando ero un ragazzo, ha risposto, Summers in Wales, tutto questo. Giocavo tra le fattorie e i campi. Era il 1944, 45 anni, alla fine degli anni della guerra. Non ero molto felice a scuola, ma lo ero, sai, da bambino. Ero un po' solitario. Andavo nei campi e su per la montagna. E ricordo anche che una domenica mattina andai a raccogliere more con mio padre. Me lo ricordo sempre.



come sapere quale colore ti sta meglio

tinews: Cosa ne pensi di quei momenti che li hanno resi felici?



Anthony Hopkins : Il passato irredimibile, il passato a cui non potremo mai accedere. Non potremo mai tornare indietro. La tristezza della vita è che andiamo avanti—nasciamo in questo mondo, e alla fine ce ne andiamo, e tu pensi: 'Di cosa si trattava?.' La mia vita... alla fine di tutto, non so cos'è... di cosa si tratta? C'è un significato in esso? Quindi ciò che mi rende davvero felice è—ciò che mi rende gratuito Penso che sia la parola migliore da usare: è la sensazione che nulla sia così importante. Siamo piccoli puntini piuttosto insignificanti nel nostro vasto universo. Ho un detto per me: Niente da vincere, niente da dimostrare, niente da vincere, niente da perdere, niente sudore, niente di grave. Perché non ci sono grandi affari: facciamo grandi affari delle nostre vite. E questa è la libertà che ho, che mi tiene... Non so se la parola felicità sia giusta, ma libera. Libero dal preoccuparti di questo, quello e dell'altro. Sai, essere significativo, tutta quella roba. Va bene. Tu giochi il gioco della vita sulla vita stessa. Ma alla fine non c'è niente da vincere, niente da dimostrare, niente da vincere, niente da perdere, niente sudore, niente di grave. E questa è la mia filosofia. Non chiedere nulla, non aspettarsi nulla e accettare tutto. Questo è tutto.