L'ansia dell'armadio minimalista

Indossare il nero ha aiutato uno scrittore ad affrontare l'ansia. E poi è diventata essa stessa una fonte di ansia.

Dalla scuola media fino ai vent'anni, il semplice atto di vestirsi raramente ha portato a una gloria sartoriale, per lo più un acuto senso di terrore. Quell'ansia sembrava aumentare solo quando mi sono trasferita a New York nel 2011. Le mattine sono iniziate con me che mi agitavo davanti al mio armadio storto a doppia anta cercando di assemblare un vestito coerente e si sono concluse in un impeto di insicurezza e insicurezza estetica. Ho indovinato quali jeans si abbinavano a quale maglietta (e anche a quali scarpe da ginnastica!)

Un atto che avrebbe dovuto richiedere cinque minuti di solito finiva per durare più di mezz'ora. Niente sembrava mai sembrare giusto. E per qualcuno a cui piacciono i vestiti, era un posto frustrante in cui trovarsi. In che modo le persone alla moda che ho visto passeggiare per SoHo hanno padroneggiato questa abilità impossibile? Come uno, mi sono rivolto agli angoli di nicchia di Internet nella speranza di trovare una soluzione drammatica.



Un articolo sul sito web di Need Supply, una boutique online alla moda, mi ha detto che se dovessi ridurre il mio guardaroba a pezzi fondamentali su cui puoi contare giorno dopo giorno, lo stile senza sforzo sarebbe mio. Sembrava troppo bello per essere vero, come una pubblicità a tarda notte che prometteva di risolvere un problema oscuro ma fastidioso. Nella parte superiore della pagina c'era una foto che mostrava un angolo di una stanza spoglio ma molto alla moda: camicie, maglioni, giacche e jeans appesi ad arte su un'elegante asta di metallo che pretendeva di essere una sorta di armadio improvvisato. Tutti i vestiti erano privi di colori primari e motivi. Vivevo a Manhattan da alcuni anni ormai, e in una città piena di cemento grigio e generazioni di abiti completamente neri, questo look schivo all'improvviso aveva perfettamente senso.



Quindi mi sono sbarazzato di tutto nel mio armadio che non fosse una sfumatura di nero, bianco o grigio. Ho venduto quello che potevo su Grailed e poi ho messo in vendita gli avanzi su eBay. Tutto ciò che non è stato venduto è uscito per strada in una scatola aperta contrassegnata come libero. Il mio atto di riduzione sembrava abile e deliberato. Liberata dal caos di fantasie e colori, ero pronta per la mia nuova vita minimalista.



Il mio armadio ora consisteva solo di jeans Levi's neri, un assortimento di magliette basic nere o grigio scuro di Uniqlo, alcuni maglioni, alcune giacche per il freddo, una manciata di semplici scarpe da ginnastica grigie o bianche e due paia di stivali . Queste graffette sono diventate la mia uniforme e ho indossato una versione dello stesso vestito giorno dopo giorno.

Il mio nuovo sistema ha funzionato e lo ha fatto immediatamente. Improvvisamente, come promesso, tutto nel mio guardaroba si è abbinato a tutto il resto. Non importava se era lunedì o venerdì, o se mi sentivo più ansioso in quel particolare giorno: il mio outfit sembrava oggettivamente elegante. Ma il potere di questo guardaroba monocromatico era più di una semplice comodità. Il primo mese di vestirsi in questo modo è stato davvero emozionante. C'era una molla nel mio passo; la mia autostima era aumentata. Un mese è diventato rapidamente un anno, e poi è diventato così radicato nella mia persona che mi sono reso conto che mi vestivo così da anni.



Anche altre persone lo hanno fatto: dalle etichette di abbigliamento per start-up al design moderno degli appartamenti agli spazi per uffici new wave, il 'minimalismo' - che spesso sembra fatto su misura per Instagram - è diventato inevitabile. C'è anche una tendenza filosofica in questo: possedere di meno è visto come virtuoso. Ma anche il minimalismo può avere un rovescio della medaglia.

Di tanto in tanto, ricordavo con affetto le merci del mio vecchio armadio. Ricordo di aver indossato una camicia a quadri rossa ad un appuntamento e mi sentivo come un milione di dollari, e l'abbottonatura a pois blu scuro che era un successo con i miei amici. Ma i ricordi di benessere sono stati facilmente oscurati quando la mia mente è andata all'ansia di vestirsi con cui una volta avevo a che fare. Gli alti erano fantastici, ma i bassi erano troppo bassi. Andare al minimo mi ha aiutato a trovare l'omeostasi sartoriale, quel punto nel mezzo in cui mi sono sempre sentito più a mio agio.