Indietro nel giorno

Prima che la stranezza rivendicasse la sua eredità, Michael Jackson capiva il suo talento - e cosa era disposto a fare per questo - meglio di quanto abbiamo mai fatto

Come parli di Michael Jackson a meno che non inizi con Prince Screws? Prince Screws era uno schiavo della piantagione di cotone dell'Alabama che divenne un fittavolo dopo la guerra civile, probabilmente nella terra del suo vecchio padrone. Suo figlio, Prince Screws Jr., acquistò una piccola fattoria. E il figlio di quell'uomo, Prince Screws III, partì da casa per l'Indiana, dove trovò lavoro come facchino Pullman, parte dell'esodo dei neri del sud verso le città industriali del nord.

Si è verificata un'interruzione della linea. Quest'ultimo principe Viti, quello che è andato a nord, non avrebbe avuto figli. Aveva due figlie, Kattie e Hattie. Kattie diede alla luce dieci figli, l'ottavo maschio, Michael, che avrebbe chiamato i suoi figli Prince, per onorare sua madre, che adorava, e per segnalare una restaurazione. Quindi il ridicolo soprannome dato da un uomo bianco al suo schiavo nero, il modo in cui potresti nominare un cane, è stato conferito da un re nero ai suoi figli ed eredi dalla pelle chiara.



Abbiamo preso il nome per un'affettazione e l'abbiamo deriso.



Non per implicare che fosse al di sopra della presa in giro, ma di tutte le cose che rendono Michael inconoscibile, pensare che lo conoscessimo è forse la più ingannevole. Sospendiamolo.



Inizia non con la miniserie dell'infanzia delle infinite sessioni di pratica di padre Joseph, ma con la successiva e, a quanto pare, altrettanto formativa infanzia della Motown, da, diciamo, 11 a 14 anni trascorsi, quando non in viaggio, il più delle volte da solo, dietro la sicurezza pareti, con insegnanti privati ​​e taccuini segreti. Bambino sognatore, colleziona animali esotici. Gli piacciono gli arcobaleni e la lettura. Comincia ora a collezionare animali esotici.

I suoi fratelli maggiori erano un tempo bambini che sognavano la celebrità infantile. Michael non conosce mai questa sensazione. Quando raggiunge qualcosa come l'autoconsapevolezza, è una star bambino. La stella bambino sogna di essere un artista.



Da solo, mette su dischi classici, perché trova che calmano la sua mente. Gli piacciono anche le vecchie cose del sud che canta suo zio Luther. Suo zio lo guarda e pensa che sia triste per la sua età. Questo è in California, così povero, marrone Gary, con la sua aria velenosa che potresti sentire a miglia di distanza - un'esposizione di un decennio a cui potrebbe aver già danneggiato il suo sistema immunitario in modi fatali - è il passato.

Pensa alle cose e a volte ne parla con i suoi amici Marvin Gaye e Diana Ross quando sono insieme. Ascolta album e confronta. Gli album che lui e i suoi fratelli fanno hanno alcune belle melodie, per vendere dischi, poi molti numeri consapevolmente di second'ordine, per soddisfare il formato. Considerando che Tchaikovsky e persone del genere, non hanno gestito materiale lento. Ma devi scrivere le tue canzoni.

Michael ha sempre creato melodie nella sua testa, piccoli riff e ritmi, ma non è la stessa cosa. Il modo in cui Motown si occupa dei Jackson 5, le canzoni finite vengono consegnate al gruppo, da squadre di compositori in varie città. I fratelli vengono introdotti per cantare e aggiungere accenti.

Michael vuole accedere all''anatomia' della musica. Questa è la parola che usa ripetutamente. Anatomia . Cosa c'è dentro la sua struttura che lo fa muovere?

Quando ha 17 anni, chiede a Stevie Wonder di lasciarlo spiare mentre Canzoni nella chiave della vita si fa. C'è Michael, timidamente timido e deferente, che si appiattisce come una falena contro il muro dello studio Motown. In qualche modo la cecità di Stevie diventa commovente in questo contesto. Senza dubbio è per lunghi periodi inconsapevole della presenza di Michael. Non gli chiede mai di suonare uno shaker o altro. Non menziona mai Michael. Ma Michael lo sente.

La maggior parte dei fratelli Jackson sta lasciando la Motown in questo momento, per un'altra etichetta, dove hanno sfruttato un po' più di influenza creativa. La prima cosa che fa Michael è scrivere 'Blues Away', una canzone ingiustamente dimenticata, destinata a diventare una delle tracce meno datate che i Jackson fanno insieme. Un bel riff di pianoforte per mancini con archi e un ritornello affannoso—Burt Bacharach che interpreta Stevie nella prima discoteca, e qualche altro fattore che era proprio di Michael, che dimorava nei suoi ritmi vocali dal suono introverso. Testi dolci e leggermente criptici che contengono una prima nozione di malinconia come ritiro finale e inviolabile: Vorrei essere tuo domani / Quindi ti sto dando un po' di tempo per superare oggi / Ma non puoi portarmi via la tristezza.