Barack Obama si sta preparando per il suo terzo mandato

Avrebbe dovuto ritirarsi trionfalmente. Poi è successo Trump. Ora Obama si sta preparando per una battaglia politica che non ha mai pianificato di intraprendere e che non ha intenzione di perdere.

L'immagine può contenere Abbigliamento per persona umana Abbigliamento Mattone e pantaloni

Illustrazione di Eddie Guy

Il giorno dopo l'elezione di Donald Trump, la mattina è spuntata con una pioggerellina a Washington, D.C. E al 1600 di Pennsylvania Avenue, alcune dozzine di membri dello staff della Casa Bianca si sono accalcati nell'ufficio dell'ala ovest di Josh Earnest, addetto stampa del presidente Obama.



Erano un gruppo con gli occhi annebbiati, sia per mancanza di sonno che per eccesso di trauma, che lottavano ancora per cogliere la storica sorpresa della vittoria di Trump solo poche ore prima. Earnest fece del suo meglio per sollevare il morale, ricordando agli aiutanti che avevano ancora del lavoro da fare, che avevano bisogno di scorrere il nastro. Era nel bel mezzo del suo discorso di incoraggiamento quando giunse la notizia che il gruppo era ricercato in fondo al corridoio. Barack Obama li aveva convocati per il suo ufficio.



La squadra ha arrancato attraverso il corridoio della Casa Bianca, includendo nei loro ranghi un certo numero di membri junior che non erano mai stati prima allo Studio Ovale, tanto meno hanno incontrato Obama. Entrarono in fila, fiancheggiarono il muro perimetrale e volsero gli occhi verso il presidente, che si trovava di fronte alla scrivania di Resolute insieme al vicepresidente Joe Biden. Obama si era alzato fino a tardi anche la notte prima, a guardare i risultati delle elezioni. Verso le tre del mattino, aveva telefonato sia a Hillary Clinton che a Trump. Ma Obama non ha mostrato né stanchezza né disperazione. Invece, ha proiettato un energizzato senso di calma.



paura e delirio in giacca di las vegas

Questa non è l'apocalisse, ha detto Obama allo staff. Ha ricordato loro che, nonostante i risultati delle elezioni, la maggioranza degli americani ha sostenuto il lavoro svolto. E ha sottolineato che il paese aveva precedentemente resistito a periodi durante i quali c'erano stati leader e presidenti di cui la gente aveva avuto paura. L'America è sopravvissuta, ha detto, perché è un paese forte. Storia, continuò, a zig zag. Obama ha camminato per l'ufficio, stringendo la mano ai suoi dipendenti e ringraziandoli per i loro sforzi. A chi piangeva offriva abbracci.

Era un ruolo familiare per Obama. Durante il suo periodo alla Casa Bianca, spesso sembrava meno comandante in capo che consolatore in capo. Da Tucson a Newtown a Charleston, aveva servito coloro che vivevano all'indomani delle sparatorie di massa; a coloro che avevano perso le loro case a causa di uragani o incendi o altri disastri naturali, aveva offerto parole di conforto e una spalla su cui piangere. Come Valerie Jarrett, vecchia amica e mentore di Obama da Chicago, che ha trascorso tutti gli otto anni con lui alla Casa Bianca come suo consigliere anziano, mi ha detto di recente: Non c'è nessuno che vuoi con te quando succede qualcosa di traumatico più del presidente Obama.



E non ha mai interpretato quel ruolo più che all'indomani delle elezioni. Nelle telefonate e negli incontri faccia a faccia, Obama ha dovuto rassicurare non solo il suo staff, ma anche i leader americani e stranieri, che la fine non è vicina. Penso che lo creda davvero, mi ha detto Dan Pfeiffer, un ex consigliere senior della Casa Bianca. Le persone che lo conoscono sanno che è un ottimista nel cuore. Ma tutta la speranza di Obama, tutta la sua fede nella forza dell'America, non possono nascondere un fatto innegabile: per la prima volta in otto anni, mentre Obama cerca di confortare gli americani che stanno attraversando un evento traumatico, sa in fondo alla sua mente che anche la sua vita è irrevocabilmente cambiata. Questa volta, non è una città dell'Oklahoma rasa al suolo da un tornado; è lui.


Prima di Donald Trump, Barack Obama aveva grandi progetti per il suo post-presidenza. A soli 55 anni, sarebbe stato tra i più giovani ex presidenti della storia americana, unendosi a personaggi del calibro di Teddy Roosevelt, Ulysses S. Grant e Bill Clinton, ed era ansioso di riempire le sue giornate. Scriverebbe un libro di memorie dei suoi anni alla Casa Bianca, un libro che dovrebbe incassare fino a $ 20 milioni e che Obama, secondo un intimo, spera che corrisponda a Grant per l'eloquenza letteraria.

Lavorerebbe alla sua fondazione, che forse farebbe anche più bene del gruppo gestito dai Clinton (pur probabilmente evitando qualsiasi cosa che assomigli alle polemiche). Se la Clinton Foundation mirava a riunire molte persone importanti e ricche e raccogliere da loro denaro da gettare contro la povertà e le malattie in tutto il mondo, afferma Jon Favreau, l'ex scrittore di discorsi di Obama che ora sta consigliando la fondazione del suo vecchio capo, penso che l'Obama La Fondazione riguarderà molto di più la base, il cambiamento dal basso verso l'alto, più in linea con l'organizzazione della comunità.

Più di ogni altra cosa, Obama, e soprattutto sua moglie Michelle, era pronto per una pausa. E mentre non aveva intenzione di prenderne uno così lungo come Roosevelt, che poco dopo aver lasciato la Casa Bianca è andato in un safari africano di un anno, ha pianificato una lunga vacanza. Non vede l'ora che arrivi il 21 gennaio, quando lui e sua moglie possono uscire e rilassarsi e possono semplicemente stare alzati e parlare fino a quando vogliono, dice Jarrett, e lui non deve preoccuparsi di cosa lo aspetta in un grande briefing book la mattina successiva.

C'era una sorta di quadro per come sarebbe stato il suo post-presidenza, che era subordinato alla vittoria di Clinton. Poi è successo Trump e questo ha buttato tutto nella spazzatura.

Obama, certo, farà ancora tutte queste cose, ma ora saranno fatte all'ombra di Trump; il suo angolo di riposo è diventato improvvisamente molto più acuto. Puoi bloccare il progresso per generazioni se vinci tre di fila, dice Pfeiffer delle sottigliezze di consegnare le chiavi della Casa Bianca a un successore che ha servito nella tua amministrazione, come ha fatto Hillary Clinton in quella di Obama. Alcune delle battaglie che sarebbero state risolte con una vittoria della Clinton continueranno ora per i prossimi 4-20 anni. Un altro consigliere di Obama dice: C'era una sorta di quadro per come sarebbe stato il suo post-presidenza, che dipendeva dalla vittoria di Clinton. Poi è successo Trump e questo ha buttato tutto nella spazzatura. Ora è il piano B.

Spoiler dell'episodio 14 della sesta stagione di Walking Dead

Nelle settimane successive alle elezioni, questo Piano B ha preso forma, poiché Obama si è consultato con una serie di persone, da attuali ed ex consiglieri a storici, su come dovrebbe comportarsi nel suo post-presidenza, facendo gran parte del suo pensiero durante le lunghe giornate sul campo da golf durante la sua vacanza alle Hawaii a dicembre.