Barneys affronta le lotte con una campagna irriverente in una nuova finestra: NON CHIUSA

Le famose vetrine di Barneys sono tornate e, ragazzi, sono sfacciate.

Barneys New York, l'iconico grande magazzino che ha presentato istanza di fallimento del capitolo 11 ad agosto , ha finalmente rilasciato una dichiarazione sulle sue difficoltà finanziarie, e lo ha fatto come solo Barneys poteva fare: con una sfacciata campagna in una nuova finestra, Dear Shopper. Presenta mantra ispirati a titoli sensazionali, secondo un comunicato stampa, come BARNEYS TIL I DIE, NOT CLOSED e THE EMPEROR HAS CLOTHES.

La campagna è stata guidata dal direttore creativo del negozio, Matthew Mazzucca, in collaborazione con il caporedattore di High Snobiety Thom Bettridge e Colloquio direttore editoriale e direttore creativo globale di Wieden + Kennedy Richard Turley. (Bettridge era l'editore esecutivo di Colloquio fino a quando non si è trasferito per Highsnobiety nel mese di luglio. Turley è anche co-creatore di Civiltà , il giornale d'avanguardia che ha trovato la sua strada verso una collezione di abbigliamento maschile Junya Watanabe all'inizio di quest'estate.) L'obiettivo con cui ci siamo concentrati, ha detto Bettridge in un'intervista telefonica, era che Barneys non è mai stato così facile da riconoscere come lo è adesso spiegando che le difficoltà finanziarie sono un tropo comune americano. Turley ha aggiunto che volevano incoraggiarli ad essere un po' più vulnerabili e in prima linea.



Una lettera agli acquirenti nella vetrina di un negozio Barneys

Barneys New York, Inc.

come radersi per far crescere la barba

È stato davvero difficile orientarsi, ha detto Mazzucca in un'intervista telefonica, della rissa intorno ai problemi finanziari di Barneys. Non abbiamo davvero avuto l'opportunità di parlare per noi stessi. Non solo sulle difficoltà di Barneys in particolare, ha detto, ma sul più ampio ambiente di vendita al dettaglio di New York: certamente non siamo gli unici, ha detto, a sentire le pressioni degli affitti alle stelle e il dominio dell'e-commerce. Volevano esplorare cosa significhi per i veri newyorkesi che questi fattori abbiano determinato così tanti cambiamenti in città. La campagna è nata in circa due settimane, arrivando giusto in tempo per il lancio della New York Fashion Week.

Il team di Barneys ha deciso di utilizzare le finestre piuttosto che una notizia perché sembrava più coeso. Mettere qualcosa sulla stampa, mettere [insieme] qualcosa che può essere scomposto, non mi sembra giusto, ha detto Mazzucca. Questo è qualcosa che ti piace, non puoi smontare e fare una cosa diversa.

I pezzi grossi dell'azienda, incluso l'amministratore delegato Daniela Vitale, non hanno avuto bisogno di essere convincenti: è audace, ha detto Mazzucca, e grazie a Dio per questo!

come prevenire la caduta dei capelli per gli uomini

Inoltre, è, sai, sul marchio . Le battute sulle finestre sono state una firma di Barneys New York per decenni, un tono a lungo impostato dall'ambasciatore creativo Simon Doonan. Più in generale, la pubblicità aspra ma elegante fa parte del DNA di Barneys, poiché si è trasformata da negozio di abbigliamento maschile scontato in un tempio della moda lungimirante alla fine degli anni '70. La società ha messo Andy Warhol negli spot pubblicitari negli anni '80 e negli anni '90 il direttore creativo Glenn O'Brien (anch'egli un Colloquio alum) ha messo la migliore moda della stagione nelle pubblicità dipinte di Jean-Philippe Delhomme, complete di risposte secche e creative dell'alta borghesia: Ruth aveva personalità multiple. Avevano tutti carte di credito.