La magia delle nuove esperienze che cambia il cervello

Le ragioni psicologiche per cui la novità, dal visitare nuovi posti alla socializzazione, ci rende persone più felici e più sane.

Questa storia fa parte di Pensa a te stesso, una serie sulla salute mentale: perché così tanti uomini lottano con essa, come le istituzioni la stanno affrontando e modi pratici per migliorare la propria.

All'inizio della pandemia, quando trascorrevo la maggior parte delle mie giornate confinato nel mio appartamento, ho notato che qualcosa di strano stava iniziando a succedere. Anche le nuove esperienze più banali mi hanno fatto sentire genuinamente euforico. Quando gli alberi fiorivano in primavera, sembravano psichedelico . Vedere il luccichio del sole su un lago vicino era piacevolmente disorientante come sbirciare in un caleidoscopio. prendendo un camminare in un quartiere diverso che non avevo mai esplorato sarebbe stato come fare un viaggio a Marrakech.



jimmy fallon e justin timberlake rap

Prima di questo, non mi descriverei come una persona che godeva dei piaceri semplici. Le precedenti primavere non sono state spese a pensare cazzo sì, guarda quell'albero! ogni volta che vedevo un albero fresco. Storicamente avevo inseguito la costante novità per abietto timore della noia. Quindi, quando esperienze relativamente minori che altrimenti non avrei registrato mi hanno reso euforico, volevo sapere esattamente cosa stava succedendo nel mio cervello -e come potevo far durare quella sensazione.



C'è una connessione tra novità e felicità, mi ha detto la dottoressa Laurie Santos, una scienziata cognitiva che insegna il popolarissimo corso di Psicologia e Good Life a Yale. I nuovi stimoli tendono ad attivare le regioni del nostro cervello associate alle ricompense. C'è molto di più della semplice corsa alla dopamina, però. Anche le cose nuove catturano la nostra attenzione... è più probabile che tu noti le cose e sia presente, ha continuato Santos. Ci sono molte prove che semplicemente essere più presenti può migliorare il nostro umore e la nostra felicità.



Dopo precedenti studi con soggetti animali scoperto che le nuove esperienze sono benefiche per lo sviluppo del cervello, un gruppo di ricercatori ha tentato un esperimento simile negli esseri umani. Hanno arruolato soggetti a New York City e Miami e hanno tracciato i dati GPS sui loro telefoni, mentre inviavano loro messaggi a giorni alterni per chiedere del loro stato d'animo. Lo studio è stato condotto prima della pandemia e pubblicato nel Neuroscienze della natura a maggio 2020.

Quello che abbiamo scoperto è che per ogni persona, nei giorni in cui mostrava una maggiore esplorazione, una maggiore entropia vagante, riferiva di sentirsi più felice. È così semplice, ha detto il co-autore Dr. Aaron Heller dell'Università di Miami. Il suo team ha quindi effettuato un'analisi più sfumata in cui ha raccolto quanti nuovi luoghi hanno visitato i loro soggetti. L'esperienza della novità, o l'andare in posti in cui non eri mai stato prima, sembrava in realtà avere un'associazione ancora più ampia con l'emozione positiva quel giorno.



I ricercatori hanno anche scoperto una relazione bidirezionale tra esplorazione e felicità: le persone di buon umore sono più motivate a esplorare, mentre le persone che esplorano di più finiscono con un umore migliore. La parte migliore? I sentimenti positivi derivanti dall'esperienza di qualcosa di nuovo si sono riversati nel giorno successivo, se non nel giorno successivo.

Al di là della felicità, che è già un buon affare, la novità ha altri lati positivi.

Novità Cambia il modo in cui percepiamo il tempo

Il neuroscienziato Dr. David Eagleman, che ha concentrato gran parte della sua ricerca sulla percezione del tempo, ha scoperto qualcosa di affascinante nelle nuove esperienze: fanno passare il tempo più lentamente. In effetti, questo può far sembrare la tua vita più lunga. Pensa, per esempio, alle estati di quando eri bambino contro le estati di adesso.

miglior prodotto per capelli da pettinare

L'unica volta che scrivi davvero i ricordi è quando qualcosa è nuovo. Per un bambino, alla fine di un'estate, ha tanti ricordi a cui attingere perché tante cose sono nuove. L'estate sembra essere durata un'eternità in retrospettiva, ha spiegato Eagleman. Ma una volta che sei un adulto, conosci le regole del mondo, quindi quando arrivi alla fine dell'estate, pensi, Oh mio Dio, dove è sparito? Perché? Perché non hai filmati su cui attingere. Non puoi davvero ricordare molto in termini di ricordi distintivi dell'estate perché tutto il resto era praticamente di routine.