Sconfiggi il sistema

Come il rapper della Carolina del Nord è salito al livello più alto del mondo hip-hop.

Puoi dire come famoso è per il numero di persone raccolte in una stanza, allestendo le cose, pronte a entrare in azione nel momento esatto del loro arrivo. J. Cole ne ha circa 12 che lo aspettano in uno studio il venerdì dell'NBA All-Star Weekend a Charlotte, nella Carolina del Nord. Mentre è allo Spectrum Center, a definire i dettagli per la sua esibizione nell'intervallo di domenica sera, la sua squadra ha trasformato un tranquillo spazio lounge in una stanza della guerra decorata da West Elm, preparandosi a filmare alcune interviste per un documentario a cui sta lavorando.

Una truccatrice pulisce delicatamente i suoi pennelli, da qualche parte qualcuno sta perdendo udibilmente a Ping-Pong, un cameraman inclina un treppiede all'altezza di J. Cole, diverse persone stanno digitando. Entra impercettibilmente, tutto arti Gumby ed energia morbida, innescando una lenta ondulazione di consapevolezza mentre le persone si rendono conto che è lì. Si fa strada per la stanza, stringendo la mano, schiaffeggiando i palmi delle mani, battendo le spalle, battendo il petto. Si ferma e chiede se qualcuno gli ha ordinato il pranzo. I panini si congelano durante il loro viaggio verso la bocca. Tutti evitano il contatto visivo per un tremulo secondo, sperando che non si accorga di come la stanza puzzi in modo schiacciante di patatine fritte, perché no, nessuno ha ordinato il pranzo a J. Cole.



j. cole sta nel bosco appoggiata a un pianoforte

Cappotto, $ 1,235, di Dries Van Noten / Kurta, $ 150, e pantaloni, $ 35, di Vintage India / Sneakers, $ 150, di Camper / Ring (in tutto), dello stilista
Yamaha Piano courtesy of Ruggero Piano



Va tutto bene, dice, mentre qualcuno insiste perché mangi il panino al pollo appartenente allo sfortunato bastardo che è uscito per trovare un caricabatterie per il telefono. Qualcuno mette le sue Jordan altrimenti decorative per l'uso atletico previsto, correndo per ottenere un menu per lui.



All-Star Weekend è una grande collisione tra NBA e celebrità hip-hop, che si traduce in una supernova di spettacolo e obblighi professionali. Alcune persone prosperano, partecipando a ogni evento, dal grande gioco a una sfilata per i bambini delle celebrità. Ma per Cole, è un fine settimana denso di aspetti della fama che lo mettono a disagio. Il giorno prima, ha fatto quasi tre ore di macchina dal suo divano, sua moglie e il loro figlioletto a Raleigh per adempiere ai doveri richiesti a un eroe locale che si esibisce in un grande evento nel suo stato d'origine.

Sospira. Tutti mi colpiscono. Ho avuto persone che mi scrivevano, tipo 'Fratello, non posso credere che ti esibirai allo spettacolo dell'intervallo dell'All-Star Game'. Non è così pazzesco?' Nella mia mente, sono solo tipo, 'Fratello, questo sembra un lavoro, capisci cosa intendo?' J. Cole è socievole, di sicuro: gli piace uscire da quando è andato out significava rincorrere le ragazze sulla pista di pattinaggio. Ma è notoriamente introverso quando si tratta di eventi come questo. Non mi piacciono i momenti di centro dell'attenzione, dice. Come la telecamera, i pazzi, il mondo che guarda l'arena e io devo fare qualcosa di giusto.