La performance di Jimmy Fallon di Chance the Rapper di 'Blessings (Reprise)' è un'esperienza religiosa

Il rapper si è esibito su Jimmy Fallon e ha portato in aiuto Anthony Hamilton, Ty Dolla Sign, Raury e Dram.

Chance the Rapper le esibizioni televisive in diretta stanno diventando leggenda. All'inizio di quest'anno, ha reso un sentito tributo a Muhammad Ali agli ESPYs eseguendo una canzone nuova di zecca insieme a un coro gospel. Sopra Contro la scorsa settimana, ha demolito la casa distruggendo l'ufficio di una falsa etichetta discografica mentre eseguiva 'No Problems' con 2 Chainz e Lil Wayne. E la scorsa notte, ha eseguito 'Blessings (Reprise)' su) Jimmy Fallon con un cast stellare di cantanti di sottofondo, tra cui Anthony Hamilton, Ty Dolla Sign, Raury e Dram, che ha portato il già amato dai fan ad un altro livello. La performance inizia sottotono, ma alla sua conclusione, il supergruppo improvvisato si avvicina al pubblico ed è affiancato da un coro gospel.

Ci sono così tante cose incredibili in questo video che lo rendono all'infinito rivedibile. Innanzitutto il mix di gusti e talenti sul palco è epico. C'è la voce vellutata neo soul di Anthony Hamilton accanto al crooning di Ty Dolla Sign e l'indie rock stridulo hip-hop di Raury accanto allo stile trap amante del divertimento di Dram. C'è un'autenticità non provata nella performance, come se cinque tizi decidessero semplicemente di iniziare a cantare e riff, mettendo da parte il loro ego per lasciare che la musica li guidi e non viceversa.



Ovviamente, Chance è l'ancora - e una luce raggiante e splendente di uno a quello - che impedisce a tutto di andare troppo alla deriva nel territorio della jam sesh grazie ai versi appuntiti e deliberati che rappa all'inizio. Ma una volta che la canzone è incredibilmente divertente, il ritornello 'Are you ready for / Your Benedicts / Are you ready? / Per il tuo miracolo' inizia il suo ciclo per diversi minuti, l'atmosfera si trasforma in pura euforia. Chance the Rapper ha praticamente trasformato lo studio 30 Rock in una festa domenicale, anche per i non religiosi. Non siamo sicuri che ci sia qualcun altro nella musica in questo momento che potrebbe fare lo stesso e sembra che si stia divertendo così tanto a farlo.