Cillian Murphy ha realizzato un altro film catastrofico che si è avverato

Con 'A Quiet Place II' finalmente pronto per l'uscita, l'attore parla del suo ruolo nel thriller insolitamente preveggente.

La scorsa primavera, Cillian Murphy era a New York per promuovere un film. All'epoca, le notizie sul coronavirus che si diffondeva in tutto il mondo erano proprio queste: notizie. E così, dopo una gita di un giorno al Museum of Modern Art - sembrava meno affollato - Murphy arrivò in un caffè di Lower Manhattan per parlare del suo nuovo film: Un posto tranquillo II , il sequel del successo a sorpresa del 2018 su una famiglia costretta a un isolamento prolungato e snervante. Tutto considerato, si sentiva bene. Non c'era nessun posto a New York in cui sentissi un senso di vera ansia, ha detto. Ovviamente le cose potrebbero cambiare da un momento all'altro.

Le cose sono cambiate quasi immediatamente: Murphy è tornato presto in Irlanda, dove avrebbe trascorso gran parte del prossimo anno aspettando la pandemia a casa con la sua famiglia. L'uscita del film è stata posticipata, prima a settembre, poi ad aprile successivo e poi di nuovo a settembre, prima di tornare nei cinema questa settimana.



come radersi i testicoli senza tagliarsi

Il fatto che Murphy sia entrato nel sequel in primo luogo lo sorprende ancora. Aveva visto e adorato il primo, e aveva quasi trovato il coraggio di inviare un'e-mail a Ufficio star John Krasinski, che lo ha scritto e diretto. Il fatto che Murphy non abbia mai inviato quella nota lo ha reso ancora più sorprendente quando Krasinski, di punto in bianco, ha inviato un'e-mail per offrirgli un ruolo nel sequel.



Il film riprende da dove si è concluso il primo, con Evelyn Abbott di Emily Blunt, i suoi due bambini piccoli (Noah Jupe e la brillante attrice sorda Millicent Simmonds) e il suo neonato di poche ore che lotta per sopravvivere in un mondo assediato da alieni che attaccano a il minimo suono. Mentre il film iniziale era per lo più confinato nella casa della famiglia, il sequel vede la famiglia che si avvia verso ciò che resta del mondo. (Dal momento che gli alieni si divertono con il suono, i notiziari sono difficili da trovare.) Sono alla ricerca di sopravvissuti come il personaggio di Murphy, Emmett, che, avendo perso la propria famiglia, ha trasformato un'acciaieria abbandonata in una fortezza individuale che non è interessato a condividere. È, come il primo film, una corsa elettrizzante, piuttosto terrificante, ma nel suo trattamento delle idee sulla famiglia, sulla comunità e sulla miseria dell'isolamento, è anche di nuovo risonante in un modo che avrebbe potuto non essere come un pre-pandemia pubblicazione.



Più di un anno dopo il nostro incontro iniziale, Murphy ha chiamato da Manchester, in Inghilterra, dove sta completando la sesta e ultima stagione di Peaky Blinders . Questa intervista incorpora entrambe le conversazioni.

Quindi abbiamo parlato a New York il 10 marzo 2020.



Si. Non riesco nemmeno a ricordare di cosa abbiamo parlato.

E il mondo si è fermato l'11. Ricordi cosa accadde alla fine di quel viaggio a New York, come andò a finire?

Bene, ricordo che l'autista mi disse quando arrivammo all'aeroporto: 'Questo è il tempo più veloce in cui sono mai arrivato al JFK'. Siamo arrivati ​​al JFK in 25 minuti. E poi sono salito sull'aereo e tutti sembravano terrorizzati. E poi sono arrivato a casa e poi hanno chiuso le scuole e hanno chiuso il paese in Irlanda, e Peaky Blinders è stato rinviato. E poi il film è stato rinviato. E poi tutti sanno che questo è il resto della storia.

ogni quanto lavare i capelli con lo shampoo?

Questo è un film su come affronti il ​​disastro e su quanto ti sforzi per proteggere la tua famiglia. Mi chiedo come sia stato avere questo film nella parte posteriore della testa nell'ultimo anno, quando molti di questi problemi sono stati molto presenti nelle nostre menti.