I Cleveland Indians devono fare di più che cambiare il nome della squadra Team

Poche persone hanno legami più stretti con l'organizzazione di Nick Francona (il cui padre è il manager della squadra). Qui, sostiene che un rebrand atteso da tempo è solo l'inizio.

6 ottobre 2016. La partita sarebbe iniziata tra pochi minuti. Ho guardato in basso sul campo e ho visto mio padre in piedi vicino all'angolo della panchina. Era un grande gioco sotto ogni punto di vista, ma anche questo aveva una storia in più. Mio padre era alla sua quarta stagione come manager dei Cleveland Indians. Stavano affrontando i Boston Red Sox, la squadra con cui in precedenza era riuscito a vincere due titoli delle World Series.

Boston sarebbe sempre un posto speciale. È difficile superare l'emozione di vincere un campionato con un franchise iconico come i Red Sox. Ma Cleveland era la sua casa di baseball, il posto a cui apparteneva. Ha giocato per breve tempo nella squadra nel 1988, ma la nostra storia familiare con la squadra è iniziata quasi quattro decenni prima quando suo padre, un esterno dei Detroit Tigers, si è unito alla squadra in uno scambio per il leggendario Larry Doby, il primo giocatore nero nel Lega americana.



Mio nonno emerse dalla panchina e si diresse lentamente verso il tumulo dove avrebbe lanciato il primo lancio cerimoniale. Indossava un berretto e una maglia dei Cleveland Indians che gli pendevano liberamente dal corpo. A 82 anni non si muoveva come una volta e mio padre era al suo fianco per aiutarlo. Il suo lancio rimbalzava di circa 10 piedi in meno, ma non importava. I fan hanno urlato e lui ha alzato le braccia trionfante, abbracciando mio padre vicino al tumulo. È stato il momento più felice che potessi ricordare di aver visto uno di loro e un momento che non dimenticherò mai.

I nostri legami con la squadra e Cleveland sono profondi. È una parte importante della storia della mia famiglia. Ma ora, in mezzo a una resa dei conti culturale più ampia che ha consumato il nostro Paese in seguito alle proteste contro la brutalità della polizia innescata dall'uccisione di George Floyd, la controversia sull'uso di nomi e loghi dei nativi americani da parte delle squadre sportive ha nuovamente ricevuto l'attenzione nazionale. Questa volta, il dibattito si svolge in un ambiente di maggiore consapevolezza delle questioni del razzismo sistemico e dell'ingiustizia sociale.

Cleveland ha cercato di mettere finalmente a tacere la controversia decennale sull'uso del logo Chief Wahoo della squadra rimuovendolo dall'uso sul campo dopo la stagione 2018. A quel tempo, il proprietario Paul Dolan ha detto Il semplice commerciante che la squadra era irremovibile nel mantenere il nome Indians.

Ma all'inizio di questo mese, la squadra ha invertito la rotta, annunciando che stava considerando il miglior percorso da seguire per quanto riguarda il nome della nostra squadra. L'improvviso cambiamento di cuore è arrivato come montato a pressione sulla squadra NFL di Washington e sul suo proprietario, Daniel Snyder, da partner commerciali e sponsor per far cadere il nome controverso della squadra.

Tra la squadra di football di Washington annunciando all'inizio di questa settimana che avrebbe effettivamente trovato un nuovo nome e membri di spicco dei Cleveland Indians che abbracciano l'idea per la propria squadra, un cambio di nome sembra essere quasi inevitabile, con media e tifosi già speculando su una potenziale nuova identità. Ma il modo in cui il team affronta questo processo è importante quanto la decisione stessa. Eliminare tranquillamente il nome è la via d'uscita più semplice.

Nell'annunciare la possibilità di un cambio di nome, il team ha dichiarato l'impegno ad abbracciare la nostra responsabilità di promuovere la giustizia sociale e l'uguaglianza. Rispettare tale impegno richiederà all'organizzazione di fare i conti onestamente con il proprio passato in un modo che finora non è stata disposta a fare. Questo non sarà un compito facile, reso ancora più impegnativo dal momento che questo problema è diventato sempre più politicizzato: persino il presidente Trump pesato denunciare potenziali cambi di nome come concessione al politicamente corretto, facendo della questione un microcosmo di ciò che ha chiamato una campagna spietata per cancellare la nostra storia, diffamare i nostri eroi, cancellare i nostri valori e indottrinare i nostri figli.