I contendenti: perché Shia LaBeouf è l'uomo più elegante del decennio

Shia LaBeouf ha trascorso la maggior parte del decennio, scrive Jake Woolf, allontanandosi dal suo destino di protagonista, ma non ha mai smesso di vestirsi come un'icona.

Questa settimana, i lettori di Tinews votano per il loro L'uomo più elegante del decennio —che puoi fare sul nostro Instagram . Qui, i nuovi amici e la famiglia fanno i loro casi personali e profondamente idiosincratici per i contendenti.

All'inizio del decennio, i soldi buoni avevano Shia LaBeouf, fresco di una serie di tre trasformatori film e l'ultima puntata di indiana Jones —diventando il prossimo grande protagonista di Hollywood. Poi, proprio mentre ci si aspettava che imboccasse la rampa d'ingresso nella stratosfera, ha svoltato a sinistra in un dirupo, criticando pubblicamente il trasformatori film e, più tardi, anche Steven Spielberg. Ha intrapreso progetti indipendenti massicci da registi come Lars Von Trier e ha attraversato quella che sembrava essere una crisi esistenziale pubblica, accumulando arresti e progetti di arte concettuale in egual misura. Una parte importante nel far esplodere la sua immagine da star del cinema? Slegato dalle aspettative, ha anche abbandonato le sue scelte di moda pulite. Improvvisamente il suo look consisteva non in abiti selezionati dallo stilista o cardigan attillati, ma in capi classici da operaio come magliette vintage, jeans consumati e cappelli malconci. E poi mescolava qualcosa di totalmente là fuori, come gli stivali militari che ha ottenuto sul set del suo film sulla seconda guerra mondiale del 2014 Furia . Lo stile di LaBeouf era caratterizzato da un impegno del 110%, il più delle volte a vestirsi come se fosse rotolato fuori dal letto e attraverso un Esercito della Salvezza.



L'immagine può contenere Abbigliamento Abbigliamento Persona umana Scarpe Calzature Pantaloni Autobus Trasporto Veicolo Auto e automobile

GVK / Bauer-Griffin



Il grunge pre-distressato è spesso un'ostentazione praticata da celebrità benestanti, ma la versione di LaBeouf sembrava in qualche modo più onesta, come se stesse abbracciando una sorta di verità interiore. Era sempre stato uno scrapper, viveva in un motel mentre realizzava lo spensierato spettacolo Disney Anche Stevens e poi assecondare il suo lato più nodoso mentre realizza film di successo. Mentre in seguito avremmo appreso che le sue scelte di stile erano state attentamente calcolate: questo vestito ha richiesto molto tempo, ha detto in a Intervista radiofonica 2016 - sembrava che in quel momento si fosse imbattuto in qualcosa di nuovo. Ha rifiutato i vestiti preziosi e costosi a favore di beni generici e resistenti. In questo periodo, ovviamente, è nato il termine normcore e lo stile di LaBeouf ha immediatamente acquisito un nuovo senso. E anche se non abbiamo mai saputo cosa significasse, è stato uno dei più grandi (sebbene silenziosi) missionari dell'idea.



Ma poiché normcore è diventato di tutto, dalle normali Adidas Stan Smith allo stile di cappellini da baseball preferito dai papà, e Vetements ha trasformato felpe con cappuccio inadatte in dichiarazioni d'avanguardia sulla classe, LaBeouf ha continuato a fare le sue cose. Si presentava negli scatti dei paparazzi indossando capi basici in eccedenza, scarpe da ginnastica scarabocchiate e felpe con cappuccio rovesciate. Indossava stivali Ugg. Indossava Crocs! Mentre marchi come Gosha Rubchinskiy sembravano ispirarsi direttamente alle foto di LaBeouf per le passerelle, Shia continuava a tuffarsi più a fondo nella sua parte della piscina.