Creare mentre è pulito

Steven Tyler, Julien Baker, Ben Harper, Jason Isbell, Joe Walsh e altri condividono le loro storie.

Questa è una storia sui musicisti sobri, sulla vita che li ha condotti qui e sulla vita che vivono ora, ma qui non c'è una sola storia.

Alcuni bevevano, altri facevano uso di droghe, altri facevano più o meno tutto, e lo facevano in misura molto diversa. Alcuni si trovarono sull'orlo del precipizio, o peggio; altri semplicemente hanno deviato da un percorso o una traiettoria che sono arrivati ​​a considerare imprudente. Alcuni erano puliti prima della fine della loro adolescenza; alcuni sono emersi nella sobrietà solo molto più tardi nella loro vita. Alcuni hanno creato il lavoro che li ha resi prima o più conosciuti prima di essere sobri; alcuni lo hanno fatto da allora. Alcuni vedono qui correlazioni significative; alcuni no.



Nella moderna tradizione della cultura pop, essere un musicista è spesso accompagnato da una serie di aspettative di stile di vita predefinite, di indulgenza e avventatezza, una vita esagerata e una diligente ricerca di forme alterate di coscienza. Alcuni ritengono che queste aspettative abbiano avuto un ruolo in ciò che è loro accaduto, sebbene la maggior parte in ultima analisi consideri le loro decisioni e azioni anche, se non principalmente, una questione della loro psicologia, personalità e predisposizione.



Alcuni si dilettano in un umorismo oscuro sui loro precedenti eccessi; altri parlano in un modo che suggerisce che soffermarsi troppo su questi, dare troppo ossigeno a tali ricordi, sarebbe prendere troppo alla leggera qualcosa che semplicemente non possono rischiare di prendere alla leggera. Che sarebbe avventato o pericoloso rischiare di tornare, anche con il pensiero, in un luogo dove per tutti i tipi di motivi preferirebbero non indugiare. Un corollario è che alcuni sono riluttanti in questo contesto a offrire molti dettagli sulle particolari sostanze che hanno consumato, o che le hanno consumate, o entrambe. (I lettori possono essere consapevoli che in altri momenti, in situazioni diverse o in fasi diverse del loro recupero, alcuni di questi intervistati potrebbero aver dettagliato ulteriori specifiche su come erano soliti alterare la chimica del loro corpo, ma tinews sta rispettando ciò che hanno scelto di condividere in questa particolare circostanza e impostazione.)



Alcuni si avvicinano strettamente al linguaggio dei programmi di recupero; alcuni no. (I lettori potrebbero anche notare che alcuni nella prima categoria preferiscono onorare rigorosamente il …codice anonimo di tali programmi senza nemmeno specificarli.) Alcuni sono ricaduti lungo la strada; alcuni non lo hanno fatto, ma in varia misura rimangono tutti consapevoli e vigili di questa possibilità. Alcuni pensano chiaramente che tutti farebbero meglio a lungo termine a vivere nel modo in cui vivono attualmente; altri considerano dove sono ora una soluzione personale per la propria situazione individuale che non dovrebbe necessariamente essere prescrittiva per gli altri.

Ciò che hanno in comune è che sono tutti, per conto loro, per ora, vivendo sobri. E abbastanza evidentemente tutti credono fermamente, qualunque siano le loro diverse ragioni, circostanze, prospettive e sfide, che la sobrietà ha reso la vita migliore.



Questo non è un articolo che dice a nessuno come vivere; questo non è un articolo che sostiene la saggezza o la follia di percorsi diversi. È semplicemente un articolo in cui un gruppo eterogeneo di persone creative articola come la propria vita è andata fuori rotta, e su alcuni dei modi in cui ciascuno ha trovato per correggerla, e su ciò che credono di aver imparato su se stessi e sul vivere nel processi.

Anche per quegli intervistati che hanno scelto di condire i loro conti con umorismo ironico e storie divertenti, queste non erano interviste spensierate. Invariabilmente queste erano discussioni intense e spesso dolorose su qualcosa che ciascuno chiaramente considerava una parte estremamente importante e centrale di chi sono ora; mentre comunicavano le loro esperienze, erano preparati a scavare in profondità, e spesso senza risparmio.