In difesa del Bologna

Non c'è nessun mistero su questa carne: trattata nel modo giusto, questo salume è una delizia.

Se sei cresciuto mangiando determinati cibi per motivi economici, probabilmente c'era una piccola rotazione di piatti che erano sempre in grande quantità. E mentre alcuni di questi piatti hanno giustamente superato il loro benvenuto nella tua adolescenza e quindi sono stati resi off limits quando hai raggiunto l'età adulta, altri sono riusciti a rimanere nel tuo arsenale. Cose come le uova, ovviamente, hanno un fascino duraturo, che tu sia cresciuto povero o meno, e le mamme furbe come la mia hanno dimostrato presto che due uova possono portare a un pasto completo se servite su qualcosa come un letto di riso.

La farina d'avena è, per vari motivi, ancora una mossa di potere. E se preparato adeguatamente, può cantare tutte le note giuste, come chiede l'inimitabile Jon B. Sei ancora giù? . Ma ci sono livelli in questo; aggiungete un pizzico di pepe nero, magari un po' di rosmarino, parmigiano, e un filo d'olio d'oliva, e boom, RISOTTO. Cospargi una tazza di prosciutto a dadini se ti senti davvero rana. Il punto è che, con un po' di immaginazione, puoi fare magie con alcuni dei cibi apparentemente banali della tua infanzia.



Ma poi ci sono articoli di lotta come lo spam e il peperoncino in scatola, che, se hai osato consumarli ora, potrebbero solo ricordarti i giorni rotti e privati ​​che ti sei lasciato alle spalle. Il loro odore, la loro confezione, anche il solo pensiero di loro può farti fremere di disgusto. Il che mi porta a Bologna, che potrebbe rientrare in questa categoria per te, ma ha visto una sorta di rinascita negli ultimi anni. Non so dirti quante ore ho passato a discutere, dibattere e ossessionare i meriti della buona Bologna. Puoi dire che sono un evangelista bolognese, una voce affamata nel deserto che esorta le anime perdute a smettere di commettere il peccato stanco dell'omissione. Per molti versi, la mortadella è una tela bianca del mondo del cibo, una cosa passata di bontà irrinunciabile a cui basta mostrare un po' di attenzione. E non sono solo. Anche Anthony Bourdain, David Chang e altri luminari del mondo del cibo hanno iniziato a esprimere il loro apprezzamento per la carne rosa e rotonda.



La carne bolognese non è un mistero: deriva dalla mortadella salsiccia italiana, un insaccato grasso di maiale che risale al XV secolo. Agli albori i romani trattavano la sua preparazione come un'arte: pestavano il maiale con mortaio e pestello e poi lo impaccavano a formare un insaccato, aggiungendo ingredienti come cannella, chiodi di garofano, noce moscata, muschio, pepe in grani, sale, zucchero, e formaggio, secondo una ricetta dei primi del 1600 dell'agronomo Vincenzo Tanara. Considerata un tempo un salume di lusso, la mortadella divenne un alimento base molto diffuso grazie alle innovazioni tecnologiche nel XIX secolo e fu presto utilizzata per confezionare tortellini o aggiungere a un ragù alla bolognese. Da allora si è diffuso in tutto il mondo. Ci sono innumerevoli stili e interpretazioni di Bologna, con spezie ed elementi diversi che portano distinzione da regione a regione. C'è la mortadella tedesca, la mortadella libanese, kosher, anche vegetariana (spesso preparata con semi di soia, grano e olio di palma).



Negli Stati Uniti, la bologna è stata per decenni un punto fermo nei pranzi americani, anche se la maggior parte delle persone smette di consumare dopo, diciamo, il loro nono compleanno, o ogni volta che ha smesso di essere una droga portare a scuola un cestino del pranzo di Scooby-Doo. Le persone non riescono a superare la sua consistenza liscia e floscia. Parte di questo è una questione normativa: l'USDA richiede che tutto ciò che è etichettato come 'bologna' sia ridotto a particelle minuscole, come gli hot dog, il che significa che hai, in sostanza, una pasta di carne che è sia economica che di solito carica di sodio.

Ma oggi ci sono chef che lavorano duramente per far rivivere le origini romantiche di Bologna. L'olandese di Filadelfia, di proprietà degli chef Joncarl Lachman e Lee Styer, serve una mortadella con uova Benedict fatte con anelli di mortadella e carne scheggiata. E al Tamarack Tap Room di Minneapolis, che ha un panino alla mortadella nel menu dal giorno in cui ha aperto il ristorante, si tratta di dargli un restyling artigianale. Per noi, dice Ben Berry, direttore operativo di Hospitality Resource Management, proprietaria di Tap Room, 'è stato prendere un oggetto comodo, dargli una svolta e realizzarne una versione per adulti.



mi sono tagliato radendomi come faccio a fermare l'emorragia?