Ho passato la mia ansia pandemica al mio cane?

Sono stati 15 mesi stressanti. Il mio cane potrebbe dirlo?

Questa storia fa parte di Pensa a te stesso, una serie sulla salute mentale: perché così tanti uomini lottano con essa, come le istituzioni la stanno affrontando e modi pratici per migliorare la propria.

All'inizio di gennaio di quest'anno, il mio stato di origine della Carolina del Nord aveva una media di circa 7.000 nuovi casi di COVID-19 ogni giorno. Il sole stava tramontando davanti al mio compagno e avevo persino finito di lavorare quasi tutti i giorni. Ci sentivamo intrappolati, timorosi del mondo esterno e stufi di essere bloccati a casa. Eravamo irrequieti e iniziavamo a sentire che la vita sarebbe stata sempre così, e nonostante il nostro impegno a fare tutto il possibile per rimanere al sicuro, il nostro mondo era diventato così piccolo che aveva messo a dura prova la nostra salute mentale.



è bruciato dopo aver letto su netflix

È in questo periodo che facciamo entrare i nostri cani in un cortile che condividiamo con i nostri vicini e loro cani. Il nostro mix di Pomerania da 15 libbre ha deciso di attaccare dal nulla il pastore tedesco dei vicini e non si sarebbe fermato finché non l'avessimo staccato. Conosceva il pastore da quando era cucciolo; erano sempre andati d'accordo anche se era diventato gigantesco e turbolento. Ma sembrava che fosse diventata paurosa e paranoica come lo eravamo noi durante la pandemia. Era possibile che, poiché la mia vita era diventata più paurosa e precaria a quasi tutti i livelli, avrei potuto trasferire parte della mia ansia al mio cane?



Anche prima che la pandemia mi permettesse di concentrare troppo del mio tempo e delle mie energie su di lei, ero una di quelle persone che, nel bene e nel male, erano ossessionate dal proprio cane. Il suo nome è Nora Ephron, le è stato dato dal luogo da cui l'ho adottata, ma l'ho tenuto perché in qualche modo sembrava avere l'esatta personalità sfacciata. Negli ultimi sei anni abbiamo attraversato insieme il Paese in auto e in aereo. Ci siamo allontanati molto silenziosamente da un serpente testa di rame che abbiamo incontrato durante una passeggiata. Mi ha permesso di vestirla con una camicia hawaiana delle dimensioni di un cane perché pensavo che l'avrebbe resa bella. Le ho tagliato i capelli, tagliando e ronzando a casaccio la sua pelliccia fino a quando non ho accidentalmente fatto sembrare la sua coda Richard Hell negli anni '70 , poi guardando con orgoglio mentre si pavoneggia per il quartiere, apparentemente pensando che il suo nuovo taglio di capelli la rendesse davvero cool come Richard Hell.



Il punto è che coccolo il mio cane, e il mio cane è sempre stato un po' matto, ma di solito in modi per lo più affettuosi. Ma con il passare della pandemia, il comportamento di Nora è lentamente peggiorato. Ha iniziato a impegnarsi in una serie di schemi machiavellici, dal fingere di essere soffocata dal colletto durante le passeggiate (indossa un'imbracatura) al fingere di non sapere come scendere le scale (lo sa sicuramente). Mentre una volta si accontentava di abbaiare solo ogni volta che pensava che una persona e/o uno scoiattolo stessero cercando di entrare in casa nostra (falsi positivi, tutti), ha iniziato ad abbaiare alle cinque del mattino, apparentemente per il gusto di farlo. La cosa più allarmante, ha continuato a cercare di combattere il cane del nostro vicino, ed è diventata così aggressiva nei suoi confronti che non possono più essere nel cortile di casa anche se qualcuno li supervisiona. La crisi del COVID ha fatto emergere il coraggio quotidiano in molti di noi e il mio cagnolino stava usando il suo per conquistare il mondo.

Per quanto la ami, mentirei se dicessi che Nora è venuta da me con un buono stato di salute mentale. C'era una volta, viveva sotto una casa di proprietà di a accaparratore di cani , cioè una persona che aveva accolto più cani di quanti ne fosse fisicamente in grado di prendersi cura. Questi non sono mai un ottimo ambiente per un cane, e pensare a quello che ha passato Nora prima che la prendessi mi rende incalcolabilmente triste. Come gli umani, i cani sono in grado di sperimentare PTSD a causa di traumi passati , e gran parte di me teme che queste esperienze abbiano dato a Nora un fondamento psicologico roccioso.