Non chiedermi il mio nome su Instagram

Scambiare le maniglie invece dei numeri di telefono è una stronzata poco impegnativa e senza impegno.

Se eri un ragazzino nell'era delle chiamate telefoniche, probabilmente hai vissuto con la raffica quasi costante di avvertimenti sul pericolo di estranei che gli adulti attaccavano all'inizio di Internet. Da bambino impressionabile, ho preso a cuore quegli avvertimenti, solo per vederli amplificati negli ultimi anni dalla proliferazione della retorica misogina negli spazi online: come posso fidarmi di un avatar Twitter senza volto per non essere un incel segreto, o un uomo? attivista per i diritti umani o qualche creatura del web altrettanto spaventosa? Quindi, quando un uomo di recente ha chiesto l'accesso al mio Instagram nel bel mezzo di un primo appuntamento, sono saltato fuori tranquillamente dalla mia pelle e l'ho lasciato seduto sul mio sgabello da bar. Aprire quella finestra sulla mia vita personale a una persona che conosco da tanto tempo mi sembra inutilmente rischioso. Ho bisogno di tempo per decidere se una nuova persona conosce il mio cognome, o dove esco, o più o meno dove vivo, e Instagram dipinge un ritratto dettagliato di tutto ciò.

Sfortunatamente per me, immergersi direttamente in una pergamena infinita dell'attività quotidiana di uno sconosciuto è abbastanza pratica comune adesso. Poche settimane dopo la suddetta debacle della data, a diverso tizio mi ha accecato con un notiziario inquietante: Ci scambiamo le maniglie di Instagram invece dei numeri ora, non lo sapevi? Ero a dir poco inorridito nel sentire questo, anticipando preventivamente le sciocchezze da fottuto che avrebbe potuto incoraggiare dirigendo anche lo spettro di un possibile impegno.



Chiedere un numero sembra antiquato, Pieter* ha spiegato quando sono tornato indietro e gli ho chiesto quale fosse l'accordo. Il tuo interesse per l'altra parte è inequivocabile. Ottenere l'handle di Instagram, è più sicuro. È un modo meno invasivo di perseguire qualcuno, ha detto. Sai di più su qualcuno prima di mandargli un messaggio e chiamarlo. Guardando ciò che qualcuno ritiene condivisibile, puoi rapidamente e discretamente ottenere un abbozzo della tua potenziale compatibilità, tracciando i tuoi prossimi passi (o la tua ritirata) da lì, in teoria, un approccio più pulito ed efficiente al romanticismo, ottimizzato per i nostri tempi moderni.



Ma questo è esattamente ciò che mi ha fatto sentire così nauseato per questa pratica in primo luogo. Posso capire il fascino di scoprire presto che il tuo makeout al bar trascorre esclusivamente il tempo sui social media mettendo in scena foto assetate della propria faccia o dei propri muscoli flessi in uno specchio da palestra. Ma valutare un possibile adattamento in base al modo in cui una persona si presenta online, prendendo una parte meticolosamente curata per l'intero essere umano, è un terreno precario su cui costruire un giudizio. E questo è prima tieni conto della trasparenza forzata di Instagram: le conferme di lettura che non puoi disabilitare nei tuoi messaggi diretti; la conferma quando qualcuno guarda (o no) le tue storie; il registro pubblico dell'attività e della posizione recenti di ciascun utente.



Chiedere a uno sconosciuto il suo Instagram mi sembra un modo intimo per evitare l'apparizione di Doing Too Much, in quanto annuncia l'intenzione di stalkerare senza comunicare apertamente interesse romantico. Rimuove tutta la pressione dalla domanda è , e invece fa pressione su ask eee . In definitiva, è un'estensione del nostro desiderio sempreverde di sembrare freddamente indifferenti quando ci controlliamo a vicenda.

Flirtare è sempre stata una danza di auto-esposizione, ma anche di autoprotezione, secondo Moira Weigel, studiosa post-dottorato presso la Harvard Society of Fellows e autrice di Lavoro d'amore: l'invenzione degli appuntamenti . È il precario equilibrio tra l'essere aperti sul desiderio, ma anche preservare l'ambiguità o la negabilità plausibile, che è davvero al centro di tutti quei sentimenti solitamente eccitanti e orribili che ci costringono a interagire. Fare quella danza su Instagram piuttosto che chiedere semplicemente il numero di telefono di qualcuno sembra un altro esempio di protezione da rifiuto, sovraesposizione o vulnerabilità, dice.