Edward Norton ha capito alcune cose

Uno degli attori più talentuosi e senza stronzate della sua generazione nel suo percorso professionale, ciò che ha imparato e il progetto da cui è ossessionato da 20 anni.

Di persona sembra la voce fuori campo di un film di Edward Norton. Le diatribe anti-consumo di Club di lotta. Il monologo di Fuck You da 25a ora. Un cane dell'isola dei cani. Il discorso è preciso ed energico e un po' nasale e come se fosse sempre proteso in avanti. La voce ricorda che è lo stesso Norton di sempre, anche se è sembrato che tremolasse ai margini per un po', piuttosto che accecarci dal centro della cultura.

I primi tre anni della sua carriera cinematografica sono sorprendenti. Sei film, ciascuno significativo: Paura Primordiale (nomination all'Oscar), Tutti dicono che ti amo (Woody Allen), Il popolo contro Larry Flynt (Milos Forman), Arrotondatori (futuro classico di culto), Storia americana X (un'altra nomination all'Oscar), e Fight Club (David Fincher; classico di culto generazionale). L'effetto cumulativo di quella corsa lo ha lasciato, a 30 anni, con un raro potere di ex. Hollywood rara farò le mie cose energia.



Il mio interesse a lavorare sulle cose tanto per l'esercizio della mia muscolatura, e per il test di me stesso, è di interesse calante, dice Norton, per agire di meno. Non in alcun modo come 'Non ho più nulla da dimostrare'. Ma gli equilibri della vita cambiano, e hai figli, o ti coinvolgi in cose diverse.



Era il 1999, quando Edward Norton era ancora solo un attore. O, almeno per coloro che ammiravano le sue interpretazioni, era prima di tutto un attore. Era serio. Aveva talento. Era, per un certo fan di una certa età, il ragazzo - modellandosi su Brando e Beatty, anche se l'ambizione ha suscitato il roteare degli occhi. Nell'autunno del '99, Norton individuò un nuovo romanzo di Jonathan Lethem intitolato Brooklyn senza madre, su un P.I. con Tourette. Norton era in cima alla prima vetta della sua carriera. Aveva ambizione e spavalderia. Voleva scrivere lui stesso l'adattamento di questo romanzo e anche dirigerlo.



Ma la vita si è intromessa. Passarono gli anni. Ha recitato in molte cose, alcune grandi, altre maligni. Rimase occupato, ma a volte sembrava ambivalente. C'è un'apparizione su Letterman nel 2006, quando era appena tornato a casa da una lunga serie di riprese a Praga e poi in Cina. Sembra soddisfatto ma esausto, e sinceramente preoccupato per la possibilità di esaurirsi come attore. O almeno bruciando fino allo stoppino, dove la sorpresa della sua presenza e la sua capacità di trasformarsi non sono ciò che dovrebbe essere. Non dice nulla a Letterman sulla necessità di ridimensionare fino in fondo, non ancora. Ma sembra entusiasta della licenza di pilota che ha acquisito come qualsiasi altra cosa.

Per tutto il tempo, le sue bozze Brooklyn senza madre ammucchiati in un cassetto da qualche parte, luminosi.



Con il passare del tempo, altri molti anni, Norton inizia a comparire in meno film, con meno persone. Conosci quelli dell'ultimo decennio: piccole gemme di gioielli nei film di Wes Anderson; lavoro vocale che spazia; la parte rara e ricca per il giusto tipo di regista. Appare, ma sembra che si sia attivamente districato dalla vista.

Sì, certo, dice questo autunno, a Toronto. Il mio interesse a lavorare sulle cose tanto per l'esercizio della mia muscolatura, quanto per la verifica di me stesso, è di interesse calante. Non in alcun modo come 'Non ho più nulla da dimostrare'. Ma gli equilibri della vita cambiano, e hai figli, o ti coinvolgi in cose diverse. E inoltre... la mia reazione agli attori che vedo lavorare con costanza è che divento molto immune al suo fascino.

Alla magia e all'efficacia di trasformarsi in qualcun altro, Dico.

Sì, non mi perdo particolarmente. Penso che tu debba quasi recuperare la tua potenza permettendo a una sorta di tabula rasa di cancellarsi. In modo che quando una cosa arriva, può avere una freschezza che ha a che fare con le persone che hanno perso vista di voi.

Questa idea è stata nella sua mente fin dall'inizio. Nelle prime interviste, è alle prese con quanto lui, come questo attore fiorente, dovrebbe o non dovrebbe essere là fuori. Era stato così fin dall'inizio. Ha fatto un famoso provino per il suo ruolo da protagonista in Paura Primordiale senza presentarsi al direttore del casting, esistendo per lei solo come il personaggio del film: una recitazione di una recitazione, per coloro che ricordano la messa in scena del suo assassino di un disturbo di personalità multipla. Era una di quelle rare parti gommose per un giovane attore che erano apparentemente perseguite da ogni membro di una generazione con cui viviamo oggi nella mezza età. McConaughey. Damon. Affleck. Forse qualche altra persona di cui ti ricordi cravatte scolastiche . Eppure un attore teatrale meno noto di nome Edward Norton l'ha ottenuto invece. La performance, sia dentro che fuori la telecamera, è stata, in retrospettiva, una sorta di dichiarazione di intenti. Di come potrebbe collocare i prossimi vent'anni.