L'eruzione dell'isola di Instagram

Erano venuti a Whakaari / White Island in Nuova Zelanda, un vulcano attivo, per selfie ed emozioni. Poi è successo lo scenario peggiore.

Sul ponte di poppa del Fenice, un catamarano di 60 piedi, Geoff Hopkins mise un braccio intorno a sua figlia e fissò con apprensione ed eccitazione la roccia scoscesa che incombeva dal mare proprio davanti a loro. White Island era proprio come la ricordava: esotica, imponente, aliena. Erano a 30 miglia dalla costa della Nuova Zelanda, ma si sentivano più lontani, come se fossero entrati in un regno ultraterreno. Sbuffi di vapore e gas tossici si alzavano nel cielo di mezzogiorno.

Lo skipper Paul Kingi spense i motori e fece scivolare un'ancora sotto le onde, portando la barca a riposare a un centinaio di metri dalla costa. Da qui i turisti che avevano pagato un'escursione di mezza giornata al vulcano sarebbero stati traghettati su un gommone. Ma prima alcune precauzioni: le guide turistiche hanno iniziato a distribuire elmetti e maschere antigas. White Island era un vulcano, dopotutto. Quando Hopkins mise piede su un terreno solido, colse l'odore di anidride solforosa e avvertì il debole rombo delle vibrazioni dal profondo della terra.



Affabile pastore evangelico, Hopkins viveva con la sua famiglia a poche ore di distanza, nella città di Hamilton, da cinque anni. Aveva fatto il viaggio a White Island una volta, 24 anni prima, durante un'escursione con lo zaino in spalla, e non si era mai tolto dalla mente quell'esperienza. Questa volta sua figlia, Lillani, 22 anni, lo aveva sorpreso con i biglietti per il tour. Stavano festeggiando il suo cinquantesimo compleanno.



La coppia si è precipitata su un sentiero polveroso, seguendo una giovane donna della compagnia turistica, che ha guidato il gruppo per mezzo miglio attraverso una pianura di roccia vulcanica che sale dolcemente. Lungo la strada, si sono fermati per scattare foto delle strane caratteristiche del luogo: sbuffi di gas nel terreno, un ruscello che scorreva con acqua bollente, colonne di zolfo giallo e rocce laviche incastonate con cristalli scintillanti e vetro vulcanico nero. La guida li ha avvertiti di non allontanarsi dal sentiero: un passo falso, ha detto, potrebbe far precipitare una persona attraverso un terreno soffice nell'acqua rovente. Poi indicò un container designato come rifugio di ultima istanza nel caso in cui il vulcano eruttasse. Hopkins si chiese se fossero state messe in pratica nuove precauzioni dall'ultima visita. La guida del tour non ne era a conoscenza, ha detto Hopkins, ma ha detto al gruppo di non preoccuparsi. Ha spiegato che gli scienziati hanno monitorato White Island 24 ore su 24.



Dopo 45 minuti di cammino, arrivarono a un promontorio a 60 piedi sopra uno strano lago verde brillante, il suo colore da cartone animato a causa di un cocktail tossico di zolfo, alghe e batteri. Il paesaggio creava foto meravigliose e l'acqua sibilava ai bordi, dove i gas caldi si alzavano nel cielo in una densa foschia. Fino a quel momento, Hopkins e i suoi compagni di viaggio si erano semplicemente trascinati dietro le maschere antigas, ora le indossavano, mettendo la gomma sopra il naso e la bocca, respirando profondamente per trovare aria pulita. Scattarono foto del lago e di se stessi, con l'aspetto di esploratori di mondi lontani, attrezzati per il pericolo. Ma quel giorno di dicembre era stupendo e sereno. Qualunque fosse il pericolo che il posto avrebbe potuto rappresentare non era ovvio. Non a loro.

Alla fine seguirono un sentiero che portava al mare. È lì che, intorno all'1:30 del pomeriggio, Hopkins ha notato un secondo catamarano al largo: era arrivato un nuovo gruppo per il tour pomeridiano. Lui e Lillani furono traghettati di nuovo al Fenice, dove ha tirato fuori il suo iPhone e ha scattato una foto di addio. Ingrandendo l'immagine, riuscì a distinguere una fila di persone, indistinte macchie nere, raccolte in alto sulla cresta, lungo il bordo del lago. Ehi, puoi vedere l'altro gruppo lassù, disse Kingi, lo skipper. Il timestamp sull'immagine indicava le 14:07.