F*$% Chuck: Le sette peggiori frasi del nuovo romanzo, Dannato

Abbiamo letto il nuovo libro di Chuck Palahniuk così non devi farlo tu. Quelle che seguono sono alcune delle righe più atroci che abbiamo raccolto la forza di riscrivere

Questa immagine può contenere etichetta testo bere alcol bevanda birra bottiglia pubblicità e poster

Chuck Palahniuk non è il peggior scrittore del mondo, ma è sicuramente uno dei più frustranti. Le sue sciocchezze fatte al telefono e a metà si leggono come il diario di un bambino di prima media deviato. Ma, contro ogni previsione, ha portato all'uomo un enorme successo. E per cosa? OK, Fight Club è un grande film, quindi possiamo ringraziarlo per aver scritto il romanzo che lo ha ispirato. Ma contrastiamo la sua rilevanza con questo: un elenco delle peggiori frasi del suo ultimo romanzo, Dannato . La trama ruota attorno a un'adolescente che muore per overdose di marijuana, seriamente, e finisce all'inferno. Quindi siediti, rilassati e cerca di non vomitare su te stesso.

Pagina 33: 'Guardo la cresta del surf e si infrangono in onde marroni sul Lago di Merda.'



Pagina 190: 'Anche attraverso le lenti sporche, appannate da scaglie morte di cuoio capelluto, posso vedere Adolf Hitler accartocciato accanto a me.'



Pagina 206: 'Guardandomi, con le palle avvizzite di Caligola indossate sulla mia cintura, accanto a quei brutti baffi di Hitler che penzolano come un minuscolo scalpo, i miei pugnali e mazze insanguinati assortiti, poi arricciando il naso a bottone, Babette dice: 'Non potresti mai accessoriare per merda. ''



Pagina 43: 'Il gruppo di noi ha aggirato il margine del deserto di forfora unto e squamoso, dove venti roventi caldi come un miliardo di asciugacapelli soffiano le croste di pelle morta in cumuli alti come il Cervino'.

Pagina 175: 'Le collinette spinose di ritagli di unghie delle mani e dei piedi continuano a crescere e si trasformano in valanghe graffianti.'



Pagina 75: 'Sempre arrampicandomi, giro intorno alle pieghe rugose delle grandi labbra, trascinandomi, come il peggior incubo di Jonathan Swift, attraverso i pungenti boschetti di peli pubici arricciati e densi.'

Pagina 176: 'Il nocivo Grande Oceano di Sperma Sprecato continua a diffondersi, inghiottendo il paesaggio infernale che lo circonda.'