Cinque anni dopo, A Moon Shaped Pool dei Radiohead sembra un addio segreto Secret

Cinque anni dopo, l'album merita la reputazione di uno dei più sfuggenti e travolgenti della band.

Mi sono convinto di recente che Una piscina a forma di luna è l'ultimo album dei Radiohead. Era una quarantena profonda e le mie abitudini di ascolto erano diventate sempre più nodose. I fatti non hanno sostenuto il mio caso. cazzo spero di no, Thom Yorke ha detto categoricamente nel 2017 a tali sospetti . Di recente, la scorsa primavera, il chitarrista Ed O'Brien ha detto la band aveva discusso sulle sessioni di follow-up, ma senza fretta.

miglior gel per capelli da uomo per capelli spessi
Radiohead

dei Radiohead Una piscina a forma di luna , 2016.Per gentile concessione di Thom Yorke e Stanley Donwood / XL



Eppure c'è qualcosa di straordinariamente definitivo nel nono album della band, pubblicato mezzo decennio fa il mese prossimo. Le sue singole canzoni suonarono, immediatamente, come alcune delle migliori che la band avesse mai registrato, ma a quale scopo? Trasmettono stanchezza, il tipo di trasparenza che arriva quando non hai più nulla da dare, nessun segreto lasciato in serbo. Sette delle 11 canzoni erano in circolazione da anni, a volte da decenni. Sono disposte in ordine alfabetico, come per espirare, ecco le canzoni che questa band ha realizzato, rinunciando a qualsiasi altra coesione narrativa. Il più vicino - la centesima canzone dell'album della band — è True Love Waits, un leggendario live preferito che risale ritorno al 1995 . Dopo che i Radiohead hanno tentato di registrarlo per diversi LP precedenti, è stato respirato in mezzo a un vortice di sbiaditi glissando di pianoforte alla Caretaker. I testi di Yorke abbinano i ricordi del tuo sorriso da gattino pazzo con un ritornello che supplica e si libra in egual misura: Solo / Non andartene / Non andartene. Si può sostenere che la cristallizzazione della canzone qui è una ragione sufficiente per l'esistenza dell'album.



come sbarazzarsi dei brufoli velocemente

Ma i fan dei Radiohead raramente si fermano a un argomento ragionevole. Supercaricati da due decenni di reinvenzione irrequieta e dichiarazioni, sono uno dei fandom più inclini alla cospirazione su Internet moderno, il che sta dicendo qualcosa. Quasi tutti gli album della discografia si trovano in cima a una piramide sommersa di b-side, tagli alternativi e riconfigurazioni dal vivo che suggeriscono versioni molto diverse degli album con cui siamo finiti. I testi appaiono come wormhole attraverso il tempo: riferimenti a Burn The Witch del 2016 compare nelle note di copertina al 2003 Ave al ladro . Questi thread portano a strane conclusioni. Un vasto argomento numerologico suggerisce che OK Computer e negli arcobaleni sono in realtà album di accompagnamento, destinati ad essere ascoltati interlacciati. Per un po', nei primi anni '00, l'esperienza di Kid 17 richiesto due versioni di bambino A essere suonati esattamente a 17 secondi di distanza, rivelando una sorta di sincope galassia-cervello nel DNA dell'album. Cerchiamo di non parlarne il bimestre durante il quale i fan hanno perlustrato i manifesti di spedizione per prove di a sequel mai arrivato per Il re degli arti .



Forse è per questo che ho sentito in Una piscina a forma di luna un addio segreto: non ci sono vere versioni alternative che fluttuano in giro, nessun grande intrigo narrativo, e quindi certamente, ho supposto, devo essermi perso qualcosa . È un album di punti finali, di canzoni portate finalmente a casa. Al primo ascolto nel 2016, sembrava che la band avesse finalmente scalato le marce, gettando via il mantello di The Last Great Rock Band e rilasciando qualcosa di decisamente non concettuale, quasi utilitaristico. Ma orientarmi intorno a quel senso di finalità mi ha aiutato a ottenere i miei ganci in questa strana collezione di terrari, pieni di ritmi in fiore e corde simili a gabbiani. Le tracce, basate sulla costruzione in studio di Il re degli arti , si trasformano attraverso la produzione, come gli arrangiamenti di archi di Greenwood che punteggiano l'inno alla ribellione climatica di Yorke The Numbers, o la graduale introduzione di un groove sinuoso nell'esaustivo titolo Tinker Tailor Soldier Sailor Rich Man Poor Man Beggar Man Thief.