I nuovi anni delle meraviglie di Fred Savage

Come l'ex star bambina ha finito per dirigere artisti del calibro di It's Always Sunny e Party Down, e ha contribuito a costruire il panorama della commedia moderna

Questa immagine può contenere una persona umana Fred Savage Clothing and Apparel

Io e mio padre non abbiamo mai parlato di Fred Savage. Era sempre Kevin, come in Kevin Arnold, protagonista di Gli anni delle meraviglie . Per tutta la fine degli anni '80, passavo spesso il mercoledì sera seduto troppo vicino alla stufa a cherosene del nostro soggiorno, il calore che mi bruciava la schiena, mentre lo schermo brillava di storie di Kevin, Paul e Winnie che cercavano di navigare negli anni '60 e farsi strada nell'adolescenza. Proprio come lo ero io, proprio come mio padre vent'anni prima. All'epoca, era l'unico spettacolo con cui abbiamo veramente legato, e mi sono meravigliato di come lui si fosse meravigliato. Le conversazioni intorno al tavolo da pranzo si sono dissolte in discussioni sul trattamento del Vietnam da parte dello spettacolo. Le riunioni di famiglia lo hanno coinvolto chiedendo a chiunque avrebbe ascoltato se avesse visto l'ultimo episodio, postulando teorie su chi sarebbe finita con Winnie. Anche se non l'avessero fatto, sapeva che l'avevo fatto, e poteva contare su di me per divertirmi con qualche barzelletta.

Tecnicamente, potresti dire Gli anni delle meraviglie era uno spettacolo 'periodo', ma nessuno ne parlava mai in quei termini. Le prime scene del pilot chiariscono che sì, questo spettacolo è stato ambientato in un periodo turbolento della storia americana: lampi di bombe che esplodono, Nixon, marce di protesta, Martin Luther King Jr. e così via sfrecciano sullo schermo nel primi secondi. La voce fuori campo del narratore Daniel Stern arriva immediatamente e dice: '1968. Avevo 12 anni. Quell'anno sono successe molte cose. Denny McLain ha vinto trentuno partite. La Mod Squad ha preso il volo. E mi sono diplomata alla Hillcrest Elementary e sono entrata alla scuola media». Le immagini ti dicono che i tempi cambiano, ogni giorno, ma la voce ti porta dritta nella mentalità di un ragazzino di dodici anni. Le maggiori preoccupazioni per un bambino che cresce nei sobborghi (che vengono menzionati nei primi minuti) erano le ragazze, capire il sesso, non capire i fratelli maggiori, padri brontoloni e madri protettive. mentre io amavo Tratti diversi, I fatti della vita, Cucchiai d'argento , e ho anche guardato la mia giusta dose di Dolori crescenti , tutte ambientate in epoca moderna, Gli anni delle meraviglie era una storia di formazione in modi che la TV non aveva mai fatto prima.



Di recente, però, ho pensato a Fred Savage. Il suo nome è ovunque, all'improvviso. Continua a comparire come regista in tutti i programmi televisivi che amo: C'è sempre il sole a Philadelphia , Famiglia moderna , Lieto fine , il tardivo e compianto festa giù . In un impeto di nostalgia, ho iniziato a pensare a quei momenti davanti alla TV, a quelle conversazioni con mio padre. Mi chiedevo se fossi solo.



'Ti è mai capitato di incontrare persone che ti dicessero che si erano imparentate con il loro padre o figlio attraverso quello spettacolo?' chiedo a Selvaggio.