Glenn Howerton è seriamente intenzionato a essere divertente

La stella dell'A.P. Bio' parla della sua quasi mancanza con il diventare un supereroe Marvel, lasciando 'It's Always Sunny', e cosa avrebbe cambiato delle prime stagioni della commedia cult.

Sembra appropriato parlare con Glenn Howerton nel bel mezzo di una tempesta di neve, così furiosa che tecnicamente sta nevicando. Questo è l'uomo più noto per aver interpretato Dennis Reynolds C'è sempre il sole a Philadelphia , e sebbene al momento sia l'opposto del soleggiato a New York, il personaggio che ha reso famoso Howerton è come un sistema di maltempo che rovina tutto ciò che tocca. È essenzialmente il personaggio principale dello show, e anche il più sgradevole: vanitoso, sfruttatore e incline a accessi di rabbia incredibile. Un uomo che, giustamente, ama considerarsi una forza della natura a sé stante, avendo una volta minacciato di abbattersi su un uomo come lo schianto di mille onde.

È difficile sfuggire a un personaggio come Dennis, soprattutto per l'attore che lo ha scritto e interpretato per dodici stagioni. È stato uno shock quando è stato annunciato che Howerton si sarebbe dimesso dal classico spettacolo FX cult per dirigere la sua sitcom NBC, A.P. Bio , come Jack Griffin, un insegnante misantropo più interessato a distruggere la sua nemesi di Harvard che a insegnare ai bambini una sola cosa. È certamente all'interno della sua timoneria, ma un'ora con Howerton rivela quanto sia premuroso con i ruoli che sceglie e quello a cui è stato indissolubilmente legato, nel bene e nel male, per tredici anni.



tinews si è seduto con Howerton, nonostante il temporale, per discutere di questa nuova fase della sua carriera, dell'errore del sogno americano e di ciò che si rammarica delle prime stagioni di soleggiato .




L'immagine può contenere Human Person Plant e Glenn Howerton

Tinews: So che da bambino ti sei spostato molto.



Glenn Howerton: Sì, ero un monello dell'esercito. Sono nato in Giappone. Ci siamo trasferiti rapidamente in Arizona e nel New Mexico per un po' quando ero molto piccolo. E poi, quando avevo tre anni, ci siamo trasferiti in Inghilterra, una piccola cittadina chiamata Felixstowe. Poi c'è stata la Virginia, e poi ci siamo trasferiti a Seoul, in Corea, per tipo tre anni e poi ci siamo trasferiti a Montgomery, in Alabama.

È divertente, qualcuno ha scritto sulla mia pagina di Wikipedia che parlo otto lingue diverse e non ho mai voluto correggerlo perché pensavo che suonasse così bene. Ma no. Solo inglese.



Trascorrere anni formativi in ​​posti come la Corea deve essere stato strano.

Sai cosa è stato più formativo? Inghilterra. Quando ero in Corea, eravamo in una base dell'aeronautica. Potrei anche essere stato in America. Al contrario dell'Inghilterra, dove ho vissuto in un quartiere inglese e ho frequentato una scuola inglese per un po', e mi sono sentito molto più parte di dove mi trovavo. Ed è stato davvero difficile per me andarmene, perché era dalle tre alle sette, e in quel periodo mi sentivo davvero a posto, tanto quanto può farlo un bambino di sette anni. Poi ce ne siamo andati, che mi ha schiacciato. È stata davvero dura.