The tinews+A: Michael Paterniti sul suo libro, l'amore e altri modi di morire

Michael Paterniti è stato nominato per otto volte al National Magazine Award ed è universalmente considerato uno degli scrittori più originali e riconoscibili del giornalismo narrativo. In occasione del suo nuovo libro, Love and Other Ways...

Michael Paterniti è stato nominato per otto volte al National Magazine Award ed è universalmente considerato uno degli scrittori più originali e riconoscibili del giornalismo narrativo. In occasione del suo nuovo libro, Amore e altri modi di morire —una raccolta di 17 storie degli ultimi 20 anni—Paterniti e il suo editore di Tinews analizzano la realizzazione delle sue storie sulla rivista.


_tinews: _A differenza del tuo ultimo libro, La stanza del racconto , che era una narrativa sostenuta, questo è un libro che è fondamentalmente il migliore dei tuoi ultimi due decenni nel mondo delle riviste. Harper's, The New York Times Magazine, Esquire, e tinews. Diciassette storie selezionate da quasi vent'anni. Come ci si sente quando si torna indietro nel proprio lavoro?



**_Michael Paterniti: _** In realtà è stato molto surreale. Era come se qualcun altro avesse scritto tutte queste storie e il mio compito era fare un paio di domande: una era Perché ha scritto tutta questa roba? E Quali resistono in un modo sensato? Ad esempio, quali hanno il loro tipo di energia, idiosincrasia e dialetto che li rendono meno legati al tempo in cui sono stati scritti. In precedenza, c'era una voce più grande in alcune delle cose che stavo facendo, perché penso che fosse di quel tempo.



come chiedere scusa dopo un litigio?

Stai dicendo, puoi dire quando una storia è stata scritta dall'estetica del pezzo stesso?



Totalmente. È come quando guardi indietro ai capelli grandi e alle band metal. Voglio dire, c'è stata un'indulgenza narrativa che ha fatto parte della storia del giornalismo narrativo, sai? C'è stato un momento in cui ci siamo sorpresi a guardarci allo specchio, come quando lo scrittore è diventato la cosa più importante. E penso che sia stato un momento in cui sono usciti dei pezzi fantastici, ma ha anche creato una sorta di precedente per le persone che, non so, sono eccessive?

Beh, certo, perché c'è anche una qualità da imitatore. E ciò che finisce per succedere a molte delle persone che si sono formate da quel momento è innegabilmente fantastico, ma se fatto male, può essere davvero brutto.



Si. Ma penso a cosa ho nostalgia di quel periodo, che penso di avere a tinews anche fino ad oggi - era questo senso di libertà assoluta. Ad esempio, continuiamo a distruggere il modulo. Continuiamo a spingere nel miglior modo possibile in un nuovo territorio con questa idea. Quindi, per me, parte dell'ossessione sono diventati questi primi piani estesi. Ad esempio, per quanto tempo puoi tenere la telecamera su qualcuno, sull'espressione di dolore o gioia di qualcuno o qualunque cosa accada? Per quanto tempo riesci a tenerlo lì, e cosa succede quando entri completamente all'interno di una singola storia e di un insieme di personaggi? Cosa trovi quando la telecamera non si tira mai indietro? Non so, forse è questa idea di gioco, forse è questa idea di costruzione e creazione. Nella costruzione di molti di questi pezzi, ci ho pensato molto Dove può andare il modulo? O Dove posso andare all'interno di questo modulo?

Hai l'ambizione di uno scrittore di racconti brevi in ​​termini di 'Dove lo porto?' Come faccio a scrivere in modo diverso?'—ma con i vincoli di fatto, osservazione e resoconto. Come lo conciliate?

Beh, voglio dire, una cosa all'interno della struttura, una cosa che sai, è che avrai un controllo dei fatti. E per me, è incredibilmente liberatorio sapere che, prima di tutto, ho bisogno di farlo bene, ma in secondo luogo, qualcuno sta venendo dietro di me per assicurarsi che lo faccia bene.