Il nuovo Hardy Boy preferito di Tinews

Elogio di Tom Hardy: dinamo mutaforma, futuro cattivo di Batman e la salsa segreta nel dramma di spionaggio già piuttosto strepitoso Tinker Tailor Soldier Spy

Questa immagine può contenere Tom Hardy Human Person Sport Sports Helmet Abbigliamento Abbigliamento Wrestling Sumo e Head

Tom Hardy non ha una grande parte in Tinker Tailor Soldato Spia , il nuovo adattamento di Tomas Alfredson del thriller di John Le Carre sulla corsa alla scoperta di una talpa sovietica di alto livello nell'intelligence britannica. Ma i registi non assumono Hardy per scomparire nel legno, non se sanno cosa è bene per loro, comunque. Ha un modo di far girare i film intorno a lui per tutto il tempo che è sullo schermo.

Nei panni dell'agente ribelle Ricki Tarr, che si imbatte nel mondo grigio di 'The Circus' come un giocoliere in un obitorio, riesce a pronunciare una delle battute chiave della sceneggiatura: 'Non voglio finire come tutti voi, ' racconta George Smiley, il maestro della spia George Smiley, che è interpretato da Gary Oldman come se la porta della morte fosse solo un altro schedario della Guerra Fredda per lui. Sentendo Hardy pronunciare la sua battuta, non si può fare a meno di immaginare che, per estensione, si rivolga ai membri veterani dell'istituto di recitazione leale britannico di Sua Maestà che sono stati scelti così appropriatamente come i vecchi ragazzi di gloria di Le Carre. Dopotutto, se ci pensi, recitare, non spiare, è la migliore occasione del Regno Unito per mantenere l'influenza mondiale.



I suoi eminenti co-protagonisti offrono il lavoro blue-chip che ci aspettiamo da loro, che sia meticoloso (Oldman), disinvolto (Colin Firth nei panni dell'arci-cad Bill Haydon) o rozzo (John Hurt come Control, il mentore dall'anima invernale di Smiley). Eppure non è da poco sul loro talento indovinare che Hardy non ha intenzione di finire come nessuno di loro loro , o. Probabilmente è ancora meglio conosciuto negli Stati Uniti per il suo turno malizioso come Eames, inizio il languidamente inesprimibile falsario di identità. E ai Trekkies, sempre una razza a parte, per aver giocato a Shinzon in Star Trek: Nemesi nel 2002. Ma Tinker Sarto arriva sulla scia della sua interpretazione che avrebbe dovuto essere una svolta all'inizio di quest'anno nei panni del cupo figliol prodigo nell'ambizioso film epico di arti marziali di Gavin O'Connor, Guerriero —un film che troppe poche persone hanno visto, ma che vale la pena scoprire in DVD solo per la rissa a tre per gli onori di recitazione tra Hardy, il patriarca Nick Nolte e l'emergente australiano Joel Edgerton.



Hardy è sempre fantasioso e il suo miglior colpo in Guerriero era trattare la telecamera come una minaccia indiscreta. Più si nascondeva, più eravamo coinvolti. Gli piace anche rendersi irriconoscibile da un film all'altro, ma la sua apparizione in Guerriero era un mutaforma anche per i suoi standard. Con i capelli sciolti e un viscido alcolizzato, era americano in modo convincente come uno sfasciacarrozze.