Chat di gruppo: la storia orale di Virgil Abloh

Trentanove amici, collaboratori e mentori di Abloh, e l'uomo stesso, raccontano la storia definitiva dell'ascesa del designer.

Nel giugno dello scorso anno, durante la Paris Men's Fashion Week, Fonzworth Bentley ha fatto visita al quartier generale di Louis Vuitton. Erano passati nove anni da quando aveva messo piede in quel posto come membro della squadra di Kanye West, ma questa volta c'era un'atmosfera completamente diversa. La musica trap suonava, i bambini con i tatuaggi sul viso vagavano per i corridoi e l'intellighenzia della moda si preparava a guardare Playboi Carti camminare lungo una passerella arcobaleno di 400 metri. L'uomo dietro i festeggiamenti era stato un membro di quello stesso entourage del 2009: Virgil Abloh, il nuovo direttore artistico maschile di Louis Vuitton.

come gestire petto e stomaco
virgil abloh sulla copertina di gq style spring

Vuoi il nuovo numero? Clicca qui per iscriverti.





La storia dell'ascesa di Abloh all'apice di una delle case più eminenti della moda è anche la storia delle collisioni del settore con celebrità, streetwear e social media. Il direttore creativo nato a Chicago è stato uno degli architetti (letteralmente: ha studiato architettura) che ha lavorato allo sforzo di Kanye West di fondere rap, arte contemporanea e alta moda. Con il suo marchio, Off-White, ha abbattuto il muro di mattoni tra le magliette grafiche e l'abbigliamento firmato e ha collaborato a una delle collaborazioni Nike più calde di sempre. Ha disegnato mobili per Ikea e tenuto corsi presso la prestigiosa Architectural Association School di Londra. E poi la sua nomina a Louis Vuitton ha segnato l'arrivo di un'era completamente nuova nella moda.



È diventato una figura estremamente pubblica, ma è rimasto davvero misterioso. Lavora come DJ e fa costantemente riferimento al suo background di studente di ingegneria e architettura. È onnipresente sui social media, salta istantaneamente da un paese all'altro, apparentemente aprendo per Travis Scott a Houston un momento e incontrandosi con Rem Koolhaas a Rotterdam il prossimo. Anche la linea del curriculum per quello che fa - direttore creativo - è impossibile da definire quanto affascinante. Quindi, per capire meglio chi è Virgil Abloh, cosa fa e come lo fa, abbiamo parlato con lui e con 39 dei suoi più stretti amici, colleghi, ammiratori e mentori.


Capitolo 1:

Aspirante Architetto

Abloh è cresciuto fuori Chicago, dove i suoi primi sguardi sulla cultura provenivano dallo skateboard, dai dischi soul di suo padre e dai libri di graffiti che aveva ordinato tramite il locale Barnes & Noble. Durante i suoi studi di architettura presso l'Illinois Institute of Technology, ha iniziato a fare shopping a New York City e alla fine ha iniziato a scrivere un blog su un'ondata di marchi che vendono abbigliamento da skate senza lo skateboard. Fu in questo periodo che passò dalla progettazione di edifici alla progettazione di magliette .



Il Mies van der Rohe ha progettato la Crown Hall dell'Illinois Institute of Technology Virgil Abloh

La Crown Hall progettata da Mies van der Rohe presso l'Illinois Institute of Technology, alma mater di Virgil Abloh.

B.O'Kane / Alamy Foto Stock

Virgilio Abloh : Faccio spesso riferimento alla mia versione diciassettenne, perché oggi sto facendo in gran parte la stessa cosa. All'epoca facevo il DJ e mettevo le mani sui dischi di mio padre: da Fela [Kuti] a James Brown a Miles Davis. Mi piaceva solo la moda che si intersecava con le culture di nicchia in cui mi trovavo—i miei marchi di moda preferiti erano [aziende di skateboard come] Alien Workshop, Santa Cruz e Droors. Poi c'erano le Nike. Io e il mio amico Chris Eaton eravamo così ossessionati da Jordan che disegnavamo scarpe Nike e le inviavamo a Nike. E Nike direbbe: Oh, non accettiamo design.

Christopher Eaton ( artista e amico d'infanzia ): Appena abbiamo saputo dei graffiti, magari in prima media, tutto quello che volevamo fare era disegnare. Il tag di Virgilio era CEAS1. Non c'era Internet, quindi tutto ciò che vedevamo nelle riviste, lo ritagliavamo e lo infilavamo in una busta di manila. Poi abbiamo iniziato con i libri— Arte con bomboletta spray, bombarda i sobborghi . In passato, li abbiamo ordinati in modo speciale da Barnes & Noble.

Abloh : Sono andato in un negozio a New York chiamato Alife, in Orchard Street, quando era la vera finestra su questa cultura che era un'estensione dello skateboard. All'epoca c'era questa bacheca per la scena in centro chiamata Splay, e se non eri coinvolto, non potevi inviare messaggi, potevi solo visualizzarla. Ma c'erano tutti: A-Ron, Roxy Cottontail, Leah di Married to the Mob, l'intera mafia del commercio al dettaglio di Orchard Street.