L'hacker sta guardando

Ogni truffa online inizia più o meno allo stesso modo: un'e-mail casuale, un allegato abbozzato. Ma ogni tanto arriva un nuovo tipo di hacker. Qualcuno che riscrive le regole, non solo il codice. Si intrufola segretamente nel tuo disco rigido, poi nella tua vita. Sta seguendo ogni tua mossa?

Ogni truffa online inizia più o meno allo stesso modo: un'e-mail casuale, un allegato abbozzato. Ma ogni tanto arriva un nuovo tipo di hacker. Qualcuno che riscrive le regole, non solo il codice. Si intrufola segretamente nel tuo disco rigido, poi nella tua vita. Sta seguendo ogni tua mossa?


'Vuoi vedere qualcosa di spaventoso?'



Era un sabato sera, non succedeva molto nel suo quartiere di Long Beach, in California, quindi Melissa Young era a casa a spassarsela con il suo computer. La sua sorellina, Suzy, stava facendo la stessa cosa in fondo al corridoio. La casa era silenziosa, a parte la tastiera che batteva nelle stanze delle ragazze, quando sullo schermo di Melissa comparve uno strano messaggio istantaneo: un messaggio di Suzy. In allegato alla nota c'era un file etichettato semplicemente SCARY.



Melissa si chiese perché la sua sciocca sorella stesse scrivendo messaggistica istantanea dalla stanza accanto invece di limitarsi a piagnucolare - di solito non era così pigra - così si avvicinò per vedere cosa stava succedendo. Suzy si limitò a scrollare le spalle. Non aveva idea di cosa stesse parlando sua sorella. Sì, l'IM proveniva dal suo account, ma non l'aveva inviato. Onesto.



Quella notte, l'amica ventenne di Suzy, Nila Westwood, ricevette lo stesso messaggio, lo stesso attaccamento. A differenza di Melissa, lei l'ha aperto, aspettandosi, diciamo, un video di un tizio che si attacca il labbro al mento su YouTube. Ha aspettato. Niente. Quando ha chiamato la sua amica per sapere cosa si era persa, le cose si sono fatte davvero strane: Suzy non aveva mai inviato nulla. Le ragazze hanno messo insieme gli indizi e sono d'accordo: l'account AOL di Suzy è stato violato. Per le due settimane successive, le ragazze sono rimaste attente al malware, software insidioso in grado di provocare ogni sorta di scompiglio. Ma senza alcun segno di problemi sulle loro macchine, nessuna prestazione lenta, nessun file cancellato, nessun avviso da programmi antivirus, se ne sono praticamente dimenticati.

Passò un mese. Suzy, Melissa e Nila hanno vissuto le loro vite online e offline. Chiacchieravano con gli amici, pubblicavano foto e, quando erano stanchi, si sdraiavano sui letti per riposare. Ma a un certo punto, ognuno di loro ha alzato lo sguardo e ha notato la stessa cosa strana: la piccola luce accanto alla webcam che brillava. All'inizio hanno pensato che fosse una specie di malfunzionamento, ma quando è successo ripetutamente - la luce si è accesa, poi si è spenta - le ragazze hanno sentito un brivido. Uno dopo l'altro, guardarono impauriti negli obiettivi, chiedendosi se qualcuno li stesse guardando e se, forse adesso, stessero guardando negli occhi qualcosa di spaventoso, dopotutto. Nila, per esempio, non stava correndo alcun rischio. Staccò un adesivo e lo attaccò all'obiettivo.



···

Questa immagine può contenere Viso Persona Umana Testa Illuminazione Femmina Elettronica Foto Fotografia e Ritratto