Cuore di un assassino: come Daniel Craig ha cambiato per sempre James Bond

L'uomo che ha trascorso 14 anni nei panni di James Bond si apre su ciò che gli è costato, lottando per finire 'No Time to Die' e sul motivo per cui se ne sta andando ora.

Poco prima di mezzanotte, in un umido venerdì dello scorso ottobre, Daniel Craig ha girato la sua ultima scena nei panni di James Bond. Era una sequenza di inseguimenti, fuori, nel retro dei Pinewood Studios, a ovest di Londra. Il set era un paesaggio urbano dell'Avana: Cadillac e neon. La scena sarebbe stata girata nei Caraibi in primavera, se Craig non si fosse rotto i legamenti della caviglia e avesse dovuto subire un intervento chirurgico. Aveva 37 anni ed era biondo quando è stato scelto come spia più famosa del mondo, nel 2005. Ora ne ha 52, i suoi capelli sono grigi sporchi e sente fitte di artrite. Diventi sempre più stretto, mi ha detto Craig di recente. E poi semplicemente non rimbalzi.

L'immagine può contenere Daniel Craig Magazine Human Person and Skin

Daniel Craig copre il numero di aprile 2020 di Tinews. Clicca qui per



Pigiama, $ 600, di Olatz / Bracciale, $ 7.200, di Tiffany & Co.

Quindi eccolo lì, inseguito in un finto vicolo cubano in Inghilterra in un'umida notte autunnale. Era stato pagato 25 milioni di dollari. Era quello che era. Ogni servizio fotografico di Bond è la sua versione del caos, e la realizzazione di Non c'è tempo per morire, Il quinto e ultimo film di Craig nel ruolo, non era diverso. Il primo regista, Danny Boyle, si è dimesso. Craig si è infortunato. Un set è esploso. Ti sembra come cazzo lo faremo? ha detto Craig. E in qualche modo lo fai. E questo prima che un nuovo virus spazzasse il mondo, ritardando l'uscita del film di aprile di sette mesi, a novembre.

Circa 300 persone stavano lavorando al tratto finale delle riprese a Pinewood, e tutti erano piuttosto fritti. Il regista, Cary Fukunaga, aveva girato il finale del film, il vero addio a Bond di Craig, poche settimane prima. Gli ultimi giorni riguardavano la raccolta di scene che si erano perse o erano state sballate nei precedenti, estenuanti sette mesi. È stato solo un incidente del programma che nei suoi fotogrammi finali come Bond - un archetipo cinematografico che Craig ha trasformato per la prima volta dagli anni '60 - era in smoking, scomparendo nella notte. Le telecamere giravano e Craig correva. Quella corsa ingombrante e disperata. C'era fumo, disse. Ed è stato come, 'Ciao. Ci vediamo... sto controllando.'

Craig non è il tipo che si sofferma su momenti come questi. Per la maggior parte, li blocca. Puoi ignorare queste cose nella vita o puoi in qualche modo... È come la storia familiare, non è vero? lui mi ha detto. La storia diventa sempre più grande. Mi sento un po' così con i set cinematografici: questa leggenda si accumula. Bond è già pieno di leggende. Più uomini hanno camminato sulla luna di quanti ne abbiano recitato la parte, e Craig è stato Bond per più tempo di tutti: 14 anni. (Sean Connery ha fatto due concerti di ritorno, ma il suo incantesimo principale è durato solo cinque.) I film sono anche, follemente, un affare di famiglia, che intensifica solo il senso del folklore. Albert Cubby Broccoli fatti Dott. No, il primo film della serie, nel 1962. Cinquantotto anni e 25 film dopo, i produttori sono sua figlia Barbara Broccoli e il figliastro, Michael G. Wilson, che ha iniziato la sua carriera in Bond sul set di Dito d'oro, nel 1964.

I film vanno in punta di piedi con la Marvel: Craig's Caduta del cielo ha fatto intorno allo stesso botteghino, $ 1,1 miliardi, come Uomo di ferro 3. Allo stesso tempo, sono stranamente artigianali, legati dalla tradizione, da un certo modo di fare le cose. Gli uffici della Eon Productions, che realizza i film, sono a pochi passi da Buckingham Palace. La sigla non è cambiata da mezzo secolo. Le acrobazie sono in gran parte reali. Le sceneggiature sono un incubo. C'è una convinzione britannica un po' demoniaca che tutto funzionerà alla fine. C'è sempre stato un elemento che legava Bond e una preghiera, mi ha detto Sam Mendes, che ha diretto due dei film di 007 di Craig. Non è un modo particolarmente salutare di lavorare. Fare i conti con tutto questo in realtà non aiuta se sei il frontman. Craig ha trascorso molto del suo tempo nei panni di James Bond cercando di non pensare affatto. durante la realizzazione Non c'è tempo per morire, ha registrato alcune interviste con Broccoli e Wilson sui suoi anni nel ruolo. C'erano molte cose che semplicemente non riusciva a ricordare. Smettila di pensare e agisci, ha detto una volta Craig, come se fosse un incantesimo. È quasi così. Perché tante cose stanno succedendo nella tua testa. Voglio dire, se inizi a pensare... questo è tutto. Devi quasi dimenticare. Devi lasciare il tuo ego.