Ecco cosa mangiare prima di un allenamento per la massima energia

Il carburante giusto può aumentare le tue prestazioni e potenziare il tuo recupero.

Quando si pensa a come migliorare la propria forma fisica, la prima domanda che molte persone si chiedono è cosa fare mangiare prima di un allenamento. Questo è comprensibile se sei mai andato a correre con il pranzo che ancora sguazza nelle tue viscere, ma è più profondo di così: se speri di incanalare il tuo LeBron interiore o semplicemente vuoi ottenere di più dalla tua routine di fitness, un grande sblocco viene dalla nutrizione, compreso ciò che stai mangiando prima che inizi il sudore.

La nutrizione pre-allenamento, dalle polveri agli alimenti integrali, può svolgere un ruolo enorme in tutto, dai livelli di energia a metà corsa alla perdita di grasso nel tempo. Non c'è una risposta giusta, invece, ci sono molte scuole di pensiero, da coloro che non riescono a immaginare la vita senza il digiuno prima del fitness a coloro che prendono religiosamente polveri pre-allenamento con ingredienti difficili da pronunciare.



Ma la linea di fondo è che cosa mangiare prima di un allenamento è importante. Cosa e quando mangi prima dell'esercizio fisico può fare una grande differenza per le tue prestazioni e il tuo recupero, afferma Brian St. Pierre, direttore della nutrizione per Nutrizione di precisione , Nelle tre ore che precedono l'allenamento, vorrai mangiare qualcosa che ti aiuti a sostenere l'energia, aumentare le prestazioni, idratare, preservare la massa muscolare e accelerare il recupero.



Qui, gli esperti rispondono alle tue domande sulla nutrizione pre-allenamento.



fCosa dovrei mangiare prima di un allenamento?

gq magazine cittadino dell'anno

Dipende molto da cosa stai per fare. In generale, la tua priorità principale è consumare carboidrati prima di allenarti. Sebbene le proteine ​​siano la chiave post-sudore, assumerne un sacco (tramite un frullato proteico o qualche altra fonte) in anticipo non è una priorità assoluta, dal momento che non è efficace come fonte di energia.



Allo stesso tempo, l'equilibrio è importante. Idealmente, vuoi mangiare un pasto sano da 1 a 3 ore prima dell'esercizio che ha carboidrati, grassi e proteine, dice St. Pierre, aggiungendo che la finestra temporale è qualcosa che puoi individualizzare in base a ciò che ti sembra giusto con il tuo corpo. In altre parole, un pasto completo e salutare che potresti consumare in qualsiasi altro momento.

Ora, se sei come me, un attrezzo ginnico mattutino mattutino, potresti pensare che sia un po' strano aggressivo . Quindi pensa a quali sono i tuoi obiettivi. Mentre una corsa di 30 minuti potrebbe non richiedere un pasto specifico, un allenamento più lungo potrebbe sentirsi meglio con una piccola porzione di carburante facilmente digeribile in anticipo, specialmente se il tuo ultimo pasto è stato più di 2 ore fa, afferma Liz Wyosnick, nutrizionista certificata e il proprietario di Equilibrio , un servizio di consulenza nutrizionale di Seattle.

Cerca cose che digeriscano bene, aggiunge, raccomandando opzioni come metà di una barretta Rx, LaraBar, una banana o due datteri e una piccola manciata di noci. Se l'allenamento include intervalli cardio, pliometria o qualsiasi movimento rapido, è importante assicurarsi che il carburante pre-allenamento si stabilizzi rapidamente.

In un legame? Puoi sempre mantenerlo semplice, suggerisce il dottor Filippo Goglia, co-fondatore di Piani G , che ha lavorato con una sfilza di A-listers come Chris Hemsworth, Chris Pratt, A-Rod e Russell Wilson. 'Mangia un cucchiaio di burro di mandorle e un cucchiaio di marmellata. Questa combinazione di zucchero e grasso fornirà un consumo calorico più elevato, che porta a risultati di allenamento migliori e ti prepara a combattere le voglie di zucchero post-allenamento.'

OK, ma per quanto riguarda il digiuno?

Il cardio a digiuno, come la corsa o il ciclismo a stomaco vuoto, viene in genere eseguito perché le persone vogliono bruciare i grassi. Quando non c'è carburante prontamente disponibile, il corpo attinge alle nostre riserve proteiche sotto forma di massa muscolare, che a sua volta limita la quantità rimasta per riparare e costruire nuovo tessuto muscolare. Fondamentalmente, inizia a divorare se stesso.