Come 50 anni di abiti hanno plasmato il modo in cui gli uomini pensano al proprio corpo

I designer moderni hanno usato la sartoria per rivelare cose sorprendenti sul fisico maschile.

Non importa quanto sia bello il tessuto, quanto è accurata la costruzione, quanto è alto il prezzo, l'abito è progettato per creare un'immagine del corpo. Tradizionalmente, questa immagine è di mascolinità e forza: una spalla potente, una vita ordinata, un busto allungato. Ma negli ultimi 50 anni, i designer hanno trovato modi nuovi e sorprendenti per rivelare e scoprire qualcosa di più profondo sul fisico maschile.

La rivoluzione avanzata dal maestro della sartoria maschile, Giorgio Armani, è stata che il corpo potesse essere semplicemente rivelato dall'abito, piuttosto che ristretto, esagerato e rimodellato. Quindi non dovrebbe sorprendere che prima che Armani diventasse un titano della moda fosse uno studente di medicina. Con precisione chirurgica, il designer ha strappato le interiora ammuffite dell'abito e ha riorganizzato la gola, la posizione e i risvolti della giacca, ad esempio, per produrre qualcosa di nuovo, una silhouette che drappeggiava elegantemente sulle spalle e fluidamente sui fianchi. Prima, gli uomini in giacca e cravatta erano seri, ottusi, poco appariscenti; in un abito di Armani si sono trasformati in qualcosa di diverso: un oggetto del desiderio.



L'immagine può contenere Abbigliamento Abbigliamento Cappotto Soprabito Abito Cravatta Accessori Accessori Persona umana Pianta e albero

Giorgio Armani Primavera 1992
Slacciando l'abito e lasciandolo drappeggiare, Armani ci ha raccontato di più sul corpo sotto di una spalla strutturata e un petto spesso.

Per gentile concessione di Giorgio Armani

Armani ha fondato la sua azienda nel 1975 e solo cinque anni dopo è stato inserito nel canone della cultura pop come costumista per Gigolò americano. Conosci la scena: Richard Gere che gira mentre si veste. Riguardava tanto il sex appeal di Gere quanto quello di Armani. Rendendo l'abito non costruito e con materiali più leggeri e tattili, ha reso l'abito più erotico e ha enfatizzato il movimento del corpo nei vestiti, afferma Valerie Steele, direttrice del Museo presso il Fashion Institute of Technology di New York City. La tuta divenne quasi come una pelle; emana quasi un'aura di nudità.

Più morbido è l'abito, più duro è il corpo: questa è stata la rivelazione di Armani. Rimuovendo l'architettura ampia e rigida delle spalle e del torace, ha incoraggiato la figura sottostante a essere più strutturata, più muscolosa. In un certo senso era controintuitivo, ma non è un caso che gli anni '80 abbiano visto anche l'ascesa della cultura del fitness pazza per la palestra.

Dai decadenti anni '80 sono arrivati ​​gli edonistici anni '90, e nessun designer ha catturato l'energia libidinosa, intrisa di sudore e notturna del decennio meglio di Tom Ford, che è diventato direttore creativo di Gucci nel 1994. Il veterano direttore del casting James Scully nota che l'ostentazione e la sensualità erano svanite nei primi anni '90. Tom voleva rivedere un uomo in giacca e cravatta, dice. Voleva che fosse sexy. Quando indossavi un abito di Tom Ford, eri diverso, la gente ti guardava in modo diverso.