Come la morte di Anton Yelchin cambia Star Trek Beyond

Come possiamo addolorarci per la morte di un attore nel bel mezzo di un franchise di successo?

In un momento chiave in Star Trek Oltre , Kirk guida l'equipaggio della USS Enterprise in un brindisi. 'Agli amici assenti,' dice Kirk, mentre tutti alzano un bicchiere. E poi la telecamera si sposta, anche leggermente, per rimettere a fuoco l'uomo in piedi dietro di lui: Pavel Chekov, il membro della troupe interpretato da Anton Yelchin, morto a 27 anni in uno strano incidente automobilistico il mese scorso.

Questa immagine può contenere Anton Yelchin, Cappotto, Abito, Abbigliamento, Soprabito, Abbigliamento, Umano, Persona, Uomo e Moda

R.I.P Anton Yelchin, attore di Star Trek e un ragazzo a cui tutti dovremmo assomigliare di più

Apprezzando l'uomo che ha detto 'Posso farlo!'

come ottenere una scottatura per andare via velocemente

almeno io pensiero la telecamera girò su Chekov. In retrospettiva, sono quasi sicuro al 100% che fosse nella mia immaginazione. Ma per me, guardando Star Trek Oltre subito dopo la morte improvvisa di Yelchin, la sua interpretazione - e il film stesso - sono stati proiettati sotto una luce diversa. È una risonanza che il team creativo del film non ha mai voluto, ma è ancora lì. Quando il film è iniziato, ogni volta che Chekov è apparso sullo schermo, ho sentito una piccola scossa di dolore. Continuando, questa sensazione si è gradualmente ammorbidita, ma non è mai andata via del tutto.



Niente di tutto questo per criticare il team creativo dietro Star Trek Oltre , che hanno sentito la perdita di Yelchin sia come collega che come amico, e che sono stati immancabilmente premurosi e gentili nei loro tributi a Yelchin durante il circuito promozionale del film. Ma la morte di un attore cambia il contesto in cui si guarda un film, e per i fan del lavoro di Yelchin, Star Trek Oltre sarà sia un tributo che una nuova fonte di dolore. E seduto in un cinema, è difficile conciliare quei sentimenti con quello che Star Trek Oltre vuole essere: un blockbuster di popcorn estivo divertente ed evasivo.



Star Trek Oltre non è certo il primo blockbuster di Hollywood ad arrivare nei cinema all'ombra della morte inaspettata di un membro del cast. Il Harry Potter il franchise ha rivisto il ruolo di Silente dopo la morte di Richard Harris. L'anno scorso, la finale Giochi della fame il sequel è stato rielaborato per ridurre al minimo il ruolo di Plutarco Heavensbee, il personaggio di supporto interpretato da Philip Seymour Hoffman, morto nel febbraio 2014. All'inizio di questa estate, Alice attraverso lo specchio ha caratterizzato la performance finale di Alan Rickman, il cui inconfondibile baritono ha classificato un film altrimenti dimenticabile.

Naturalmente, un film affronta una sfida diversa quando la performance di un attore in ritardo contiene echi della loro morte. Una delle battute finali del Joker a Batman in Il Cavaliere Oscuro —'Penso che io e te siamo destinati a farlo per sempre'—è diventato involontariamente macabro dopo la morte di Heath Ledger. E poi, ovviamente, c'è Furioso 7 —la puntata diretta da James Wan di un franchise ampiamente definito da Stark Trek Beyond il regista Justin Lin, che ha diretto le puntate tre, quattro, cinque e sei. Quando Paul Walker morì durante la produzione di Furioso 7 —in un incidente d'auto, nientemeno—i produttori del film hanno dovuto prendere una decisione difficile: interrompere la produzione o far uscire un film con alcuni inquietanti paralleli con una tragedia della vita reale? Alla fine, hanno concluso che far uscire il film era la decisione giusta, e sono riusciti a dare al protagonista di Walker un'uscita relativamente aggraziata, usando filmati precedentemente girati, insieme a CGI e controfigure, per completare la performance.



Star Trek Oltre è in gran parte costruito come tributo a un'altra icona di Star Trek in ritardo: Leonard Nimoy.

qualcun altro odia kellyanne conway?

Ma la squadra dietro Star Trek Oltre aveva una scelta più semplice da fare. La performance di Yelchin era terminata e nulla nel film ricorda direttamente le circostanze della sua morte. Infatti, Star Trek Oltre è in gran parte costruito come tributo a un'altra icona di Star Trek in ritardo: Leonard Nimoy, morto diversi mesi prima Al di là entrato in produzione.

Questa linea temporale ha permesso agli sceneggiatori Simon Pegg e Doug Jung di intrecciare la morte nella vita reale di Nimoy nel tessuto del film. Come Al di là inizia, Spock (Zachary Quinto) apprende che l'ambasciatore Spock (Nimoy), il suo sé più anziano da una linea temporale alternativa, come visto nei due precedenti Star Trek film: è morto. Questa notizia manda il giovane Spock in un profondo dolore che informa tutto il suo arco narrativo nel film, mentre contempla di lasciare sia la Federazione che la sua ragazza, Nyota Uhura (Zoe Saldana), per passare più tempo a ricostruire la sua cultura con gli altri sopravvissuti. Vulcaniani. La storia cresce con un breve e toccante cenno all'ambasciatore Spock e al resto del cast originale, offrendo un'ultima lettera d'amore sia al personaggio che a Leonard Nimoy.

Star Trek Oltre presenta una delle esibizioni finali di Yelchin, che è sia il modo più semplice che completo per onorare il suo lavoro nel franchise, ma la sua morte incombe anche sul film e sul già annunciato Star Trek 4 dovrà affrontarlo. J.J. Abrams ha detto che il ruolo di Chekov non sarà rivisto, ma che è 'troppo presto' per decidere come risolvere l'assenza del personaggio.

Per quanto posso dire, l'unica modifica che è stata definitivamente apportata a Star Trek Oltre sulla scia della morte di Yelchin avviene diversi minuti dopo la fine del film stesso. Nel mezzo dei titoli di coda appare un simpatico intertitolo che è stato presumibilmente pianificato molto tempo fa: 'In amorevole memoria di Leonard Nimoy'. Quando quelle parole svaniscono, vengono sostituite da una seconda dedica più semplice: 'Per Anton'.