Come Cillian Murphy tiene alla porta i lupi famosi

Il talentuoso attore irlandese ha costruito una vita creativa completamente alle sue condizioni. Ora la star di 'Peaky Blinders' deve solo assicurarsi che il successo non lo rovini.

Cillian Murphy vuole fare un'escursione. Ha un posto preferito, un enorme Game of Thrones sorta di collina sulla costa irlandese, non lontano da dove vive con la moglie, i figli e un Labrador di nome Scout. Sono in anticipo di qualche minuto per l'inizio del sentiero, e già la giornata ha assunto una strana impronta. Un hotel abbandonato si trova inquietantemente ai piedi della collina, con le poche finestre non sfondate sbarrate. Un volantino di persona scomparsa sventola su un palo del telefono. Le nuvole arrivano basse. Ridacchio: è come se mi fossi trovato sul set del tipo di film che un giovane Murphy avrebbe perseguitato con il suo distinto mix di calma e minaccia.

Murphy, 43 anni, è un attore di ritorno al passato. In un'era definita dalle star che trasmettono il loro vero sé sui social media, è rimasto accuratamente opaco. Non è su Instagram o Twitter. Non fa foto con i fan, chiede invece se può stringere loro la mano, fare due chiacchiere o firmare qualcosa. Non vuole essere famoso, e infatti rifiuta attivamente l'idea che dovrebbe esserlo.



Di conseguenza, la comprensione pubblica di Murphy sostiene che, poiché di solito è un po' inquietante sullo schermo, e non lo vediamo quasi mai fuori dallo schermo, Cillian Murphy deve essere un tipo inquietante.



Ma eccolo che arriva, balzando sul lungomare con un sorriso, salutando cordialmente, portando la sua borsa. In realtà chiama, Ciao! La giornata sembra illuminarsi.



Murphy, nato in Irlanda, è tornato qualche anno fa, dopo circa 15 anni a Londra. Fa un cenno verso la locanda e mi dice che ha fatto un sacco di riprese lì. Era notoriamente disgustoso, dice. Lo affittavano a troupe cinematografiche perché non dovevi fare alcun progetto. Ci incamminiamo lungo un sentiero fangoso, e lo scenario cambia quasi istantaneamente: una montagna di verde alla nostra destra, il mare d'Irlanda sferzato dal vento alla nostra sinistra. L'hotel è nel nostro retrovisore e siamo stati depositati da qualche parte nel IX secolo.

Cillian Murphy appoggiato su uno sfondo blu.

È incredibilmente lusinghiero essere in quella conversazione, dice Murphy di forse sostituire Daniel Craig come James Bond. E poi, un attimo dopo: penso che dovrebbe essere una donna.



Murphy è compatto, con una sorta di atletismo a spirale per lui. Entrambi indossiamo stivali Blundstone, ma solo i suoi, giustamente pestati, sembrano un paio in cui qualcuno cammina regolarmente. E lo fa: per circa sei mesi all'anno, è felice di fare escursioni, portare a spasso il cane e fare la pasta per i suoi figli. Durante gli altri sei, tende a una carriera che va in una direzione sempre più affascinante. Ha trascorso la seconda metà del 2018 in esterni a Manchester, girando la quinta stagione dell'adorato Peaky Blinders.

La serie della BBC, in streaming su Netflix, presenta Murphy - nei panni del gangster Tommy Shelby dell'inizio del XX secolo - praticamente in ogni scena e consuma una parte sempre più grande della sua attenzione fuori campo ora che è un produttore. Tuttavia, trova il tempo per attività creative più ristrette: il lavoro teatrale ogni volta che può, come lo spettacolo teatrale dall'intensità allarmante Il dolore è la cosa con le piume, che si è svolto a Londra e Brooklyn la scorsa primavera. Poche settimane dopo la nostra escursione, si recherà nello stato di New York per girare il sequel di Un posto tranquillo, di cui non dirà nulla.