Come comunicare nell'era del lavoro da casa, secondo il ragazzo che ha inventato Inbox Zero

Ora tutti devono preoccuparsi anche di Slacks, Zoom, testi e DM, ma l'idea di base è la stessa.

Merlin Mann, l'uomo che ha coniato il termine posta in arrivo zero, non è troppo preoccupato per la sua posta in arrivo ingombra. Mann ha iniziato a scrivere un blog sul concetto, adattato da David Allen's Finire di fare le cose , nei primi anni, quando dovevi sederti al computer e accedere per vedere la tua casella di posta. La posta elettronica è diventata una fonte di stress per così tante persone, dice. È stato fantastico che le persone potessero contattarti. Non è stato bello che tutti possano contattarti per qualsiasi cosa, in qualsiasi momento, con qualsiasi aspettativa.

Quindi ha avuto alcune idee per aiutare le persone a sentirsi meno sopraffatte. L'obiettivo era incoraggiare gli utenti di posta elettronica a prendere decisioni consapevoli su dove scegliere di concentrare le proprie energie. Ogni minuto che dedichi a qualcosa è tempo non speso per diecimila altre cose. La vera posta in arrivo zero, come l'ha sempre vista, è la quantità di attenzione sulla tua casella di posta quando dovresti fare qualcos'altro.



Ma il termine che ha scelto, un termine improprio accattivante che si è diffuso a macchia d'olio, lo ha condannato al destino di guardare le persone che mescolano all'infinito le loro e-mail con l'obiettivo insignificante di avere zero messaggi nella loro casella di posta principale. Dal 2007, quando Mann ha tenuto un Google Tech Talk sulla sua idea, tutti, dai guru della produttività ai principali siti di media, hanno offerto suggerimenti e trucchi per ottenere zero email nella loro casella di posta. Secondo Mann, hanno sbagliato tutto.



quando dovrei fare sesso con il mio ragazzo?

Sono arrivato a considerarlo più una filosofia che una metodologia, dice ora. Si tratta di provare a mettere un paletto nel terreno riguardo alla tua attenzione. È un modo per dire: 'Alcune persone possono avere un po' di me, a volte. Indipendentemente da ciò che il mondo richiede da me, ecco cosa sto offrendo.'



Naturalmente, stabilire dei limiti su quando e per chi siamo disponibili online era già abbastanza complicato quando l'e-mail era la nostra principale fonte di distrazione digitale: sembra tutto un po' strano in questo momento. Nell'era del distanziamento sociale e di Slack, con così tanto del nostro lavoro e della nostra vita sociale spostata online, è ancora più spinoso capire come comunicare e determinare quando e come ci si disconnette.

La risposta, ovviamente, è che dipende. Ecco quindi cinque suggerimenti per costruire e mantenere alcuni confini digitali.



Scegli obiettivi realistici.

Il passo zero è: non mentire a te stesso, dice Mann. Non hai il diritto di aspettarti da te cose che non hai mai fatto prima. Se i DM di Instagram con i tuoi amici sono la tua ancora di salvezza in questo momento, non mettere da parte una giornata completamente senza tecnologia. Se rispondere ai messaggi di Slack sul telefono è spesso utile, non eliminare semplicemente l'app in un impeto di frustrazione domenica mattina: prendi in considerazione l'utilizzo di alcune impostazioni più mirate per combattere il problema esatto che stai riscontrando. (Più su quello sotto.)

quando è il momento migliore per abbronzarsi oggi?

Imposta linee guida esplicite.

Ad un certo punto, dovrai comunicare i tuoi limiti alle persone con cui interagisci online. Se sei responsabile al lavoro, stabilisci regole su come stai comunicando. Ban @here se sta succedendo troppo. Di' alle persone di rispettare lo stato di Assenza. Chiedi al tuo team di programmare le e-mail per il giorno successivo invece di licenziarle alle due del mattino. Se non prendi questo tipo di decisioni, prendi in considerazione la possibilità di chiedere al tuo capo di stabilire alcune linee guida sulla comunicazione.

voglio trasferirmi in tutto il paese

Anche se le linee guida sono un po' più complicate con gli amici, puoi controllare i danni essendo in anticipo sulle aspettative. Bloccato su un enorme testo di gruppo sui piani che non puoi fare? Digli educatamente che devi perderlo e lasciare il gruppo.

Mostra, non dire.