Come affrontare quando sei gay e solo

Tutti si sentono isolati a un certo punto, ma per i membri della comunità LGBTQ la solitudine colpisce più duramente.

La solitudine non discrimina. Poche persone hanno la fortuna di superare la vita senza sentirsi isolate ad un certo punto. Ma ci sono ragioni particolari per cui la solitudine è prevalente nella comunità LGBTQ. Parte del rendersi conto di essere gay, o bi, o trans, o non binario, o qualcosa di diverso da cisgender ed eterosessuale, è accettare di essere diverso - e in qualche modo separato - dalla maggioranza. Molti giovani LGBTQ si nascondono autentici da amici, familiari e compagni di classe prima di uscire allo scoperto, il che è spesso un'esperienza incredibilmente isolante.

Questo senso di isolamento può essere difficile da scrollarsi di dosso ed è anche facilmente innescabile. Ovunque tu viva nel mondo, per quanto grande sia la città, la comunità LGBTQ è disparata con una miriade di tribù diverse. Non è sempre facile trovare la tua nicchia. Colpire i club può essere un'esperienza euforica, ma non porta necessariamente a una soddisfazione a lungo termine. Madonna una volta ha cantato: 'Mi sono ritrovata in stanze affollate, sentendomi così sola', un sentimento con cui molte persone LGBTQ possono identificarsi. In effetti, l'artista Richard Dodwell ha recentemente pubblicato un libro antologico, Non qui , dedicato a documentare la solitudine queer in tutte le sue forme.



Una persona che conosce bene la solitudine è Craig, 33 anni, un insegnante di scuola che vive a Londra. Qui condivide il suo viaggio per superare il senso di isolamento che ha provato crescendo gay in una piccola città del Regno Unito alla fine degli anni '90.




Immagino che sia iniziato quando ero un giovane adolescente. Ricordo che mi sentivo molto solo perché nessuno mi capiva. A quel tempo, non c'erano veri modelli di ruolo gay tranne Graham Norton e Jack di Dawson Creek -e di certo non mi sono identificato con lui perché non ero un giocatore di football. Avevo amici ma erano tutti etero e avevano relazioni. Sembra davvero disgustoso e perverso, ma ricordo che una volta eravamo tutti in giro nella camera da letto di qualcuno e tutti gli altri si limonavano, facendo cose 'da coppia'. Mi sono seduto da solo davanti alla TV. Ricordo di essermi sentito molto isolato perché non avevo nessuno con cui sperimentare alcun tipo di sessualità. Mi sentivo come se fossi completamente da solo.



Questo è andato avanti fino all'età di 16 anni, quando ho iniziato a frequentare bar gay nella mia città natale. Allora, nessuno ha mai chiesto un documento d'identità. Mi sedevo in un angolo sentendomi incredibilmente timido e nervoso finché non mi ero ubriacato abbastanza da alzarmi e magari sedermi al bar. Ma sentivo che dovevo farlo: dovevo uscire. Quindi aspetterei che un ragazzo si avvicini a me, e probabilmente finirebbe con me che tornerò nel suo appartamento per fare sesso. Non ci sarebbe mai stata molta conversazione—alcuni di questi ragazzi erano tra la metà e la fine della trentina, quindi di cosa parleremmo? Ripensandoci ora, sono tipo, 'Cosa stavano pensando? Non è salutare.' Ma all'epoca ero ignaro. Non avevo nulla in comune con questi uomini a causa della differenza di età, ma ero disperato di provare qualcosa con qualcuno per un breve periodo di tempo. Ero disperato di sentirmi desiderato.

Qualche anno dopo mi sono trasferito in una città più grande per studiare. Mi sono fatto muovere perché sapevo che mi avrebbe costretto a conoscere nuove persone. Pensavo che altrimenti sarei rimasto bloccato da solo. Ma ancora una volta, mi sono sentito isolato perché vivevo in un alloggio per studenti con cinque ragazzi etero con cui non mi identificavo. Quindi i comportamenti che avevo già mostrato a casa continuavano in un'altra città, con molta meno supervisione dei genitori. Mi sono fatto un amico gay, al quale sono molto legato ora. Ma allora, non parlavamo davvero delle cose. Non avevamo una vera amicizia. Ad entrambi piacevano le Spice Girls, e questo mi bastava. Andavamo al bar insieme e ci ubriacavamo così tanto che non riuscivamo a ricordare come fossimo tornati a casa.