Come la paura di Dio sta reinventando la moda americana di lusso

Jerry Lorenzo dell'etichetta Fear of God di Los Angeles vuole essere il prossimo Ralph Lauren. Con l'uscita della sua nuova settima collezione, improvvisamente quel sogno è in vista.

Molti anni fa, il designer Jerry Lorenzo era a Parigi quando è stato presentato ai buyer di Barneys, l'ormai in bancarotta, allora rivenditore essenziale. All'epoca, Lorenzo aveva appena iniziato a lavorare su una linea di abbigliamento che chiamava Fear of God, ma non sapeva ancora molto su come operavano le case di moda e le aspiranti case di moda, che è su un calendario rigido e stagionale: uomini e donne raccolte, rilasciate solo in alcuni orari concordati all'anno. Quando ha incontrato i ragazzi di Barneys, si è offerto con entusiasmo di mostrare loro i vestiti che aveva creato, solo per scoprire che gli era mancata la sua vetrina: 'Beh, non è il nostro calendario degli acquisti, al momento, ma possiamo incontrarci a New York tra una settimana o giù di lì, se vuoi venire a mostrarcelo.» Un incontro di cortesia, in altre parole. Deluso ma imperterrito, Lorenzo disse: Va bene.

come allenare i capelli per tornare indietro

A quel tempo, era noto soprattutto, se non lo era affatto, per organizzare feste a Los Angeles. L'abbigliamento che stava disegnando - T-shirt, felpe, flanelle e canottiere in proporzioni verticali esagerate - sembrava, a prima vista, streetwear, il termine leggermente peggiorativo per l'ondata casual che stava costruendo e che ora ha superato da tempo moda maschile. L'uomo che ha presentato Lorenzo ai compratori di Barneys è stato Virgil Abloh, che ora è il direttore artistico dell'abbigliamento maschile di Louis Vuitton, ma che allora stava lanciando il suo marchio di moda, Off-White, e lavorava come direttore creativo per Kanye West. Anche Abloh era stato preso meno che del tutto sul serio in quel momento, mi ha detto, riferendosi alla designazione streetwear che i loro vestiti avevano ricevuto. Definirlo streetwear, ha detto Abloh, significa in un certo senso dire: quello non è fashion design, quello che fate voi.



Lorenzo non era ancora sicuro se quello che stava facendo potesse essere considerato fashion design, ma dopo Parigi è volato a New York e ha mostrato comunque la sua collezione al grande magazzino. Quali erano le regole, le norme, il modo giusto di fare le cose? Non ne avevo idea, ricordò Lorenzo. Ma credeva nei vestiti, che incanalavano lo scompigliato chic suburbano di Il club della colazione e l'infanzia nomade americana di Kurt Cobain e Lorenzo, e come si è scoperto, anche Barneys. Il negozio ha fatto un'eccezione alla propria regola stagionale e, nonostante quello che avevano detto a Lorenzo a Parigi su come andavano le cose, ha acquistato la collezione sul posto. Ho avuto la fiducia da quel momento in poi che non avevo bisogno di giocare questa partita, ha detto Lorenzo.

L'immagine può contenere Abbigliamento Abbigliamento Costume Persona umana Cappotto e soprabito

In queste foto, Jerry Lorenzo indossa la sua settima collezione Fear of God, caratterizzata da capi che combinano il suo preciso approccio alle proporzioni e alla vestibilità con la sua nuova interpretazione della sartoria.

Giacca (prezzo su richiesta), felpa con cappuccio, $ 595 e pantaloni, $ 795, di Fear of God