Come abbronzarsi (in sicurezza)

Tutti conoscono i rischi del troppo sole: ecco come avere la tua torta e mangiarla anche tu.

Ecco il punto: quasi tutti conoscono già i rischi del troppo sole: i raggi UV e i loro effetti di invecchiamento sulla pelle, per non parlare del rischio di cancro della pelle. E abbiamo tutti più esposizione al sole di quanto il tuo dermatologo consiglierebbe perché stare al sole è fantastico. Ma il tuo dermatologo ha ragione. Qualsiasi quantità di abbronzatura ti mette a rischio di fotoinvecchiamento e cancro della pelle. È un po' come se qualsiasi quantità di alcol ti mettesse a rischio di cose simili. Ma c'è un modo per bere responsabilmente, così come c'è un modo per abbronzarsi responsabilmente.

Trump aggressione sessuale a 13 anni

Non è un caso, però, che l'abbronzatura intelligente si riduca a capire come funziona la protezione solare in generale. Conoscendo queste cose, puoi applicare questa conoscenza alla tua situazione, che sia su una spiaggia o in cima a una montagna o nel tuo giardino.




1. Aumenta la protezione solare durante le ore di punta

Devi considerare due cose quando decidi con quanta libertà applicare la crema solare: l'ora del giorno e il periodo dell'anno. Il sole è in genere più forte tra le 10:00 e le 16:00. È anche molto più diretto in estate, quando il tuo quadrante del mondo è inclinato verso la nostra stella. A quest'ora del giorno e in questi mesi, dovresti prestare particolare attenzione alla corretta sicurezza della pelle, anche quando ti abbronzi.



Dovresti tecnicamente indossare SPF tutto l'anno. Solo perché è pieno inverno non significa che non siano presenti raggi UV. È meno probabile che ti abbronzi in inverno, ma è comunque comune scottarsi. Tuttavia, spesso puoi cavartela con dosi più basse, come una crema idratante SPF 15 in inverno, rispetto a un SPF 25 o 30 in estate nelle ore di punta, quando l'obiettivo è l'abbronzatura.
Guarda anche:
Il momento migliore della giornata per abbronzarsi
Perché hai bisogno di SPF in inverno?



2. Impara a parlare SPF e UV

Tutti si confondono sulla differenza tra SPF 15 e SPF 30. Spesso c'è anche una mancanza di distinzione tra entrambi i tipi di raggi ultravioletti. raggi UVA sono quelli che affondano più a fondo nella tua pelle e la fanno sembrare più vecchia e più ruvida; questi sono i raggi del fotoinvecchiamento. raggi UVB , d'altra parte, sono quelli che causano scottature e melanoma.

SPF si riferisce alla forza dello scudo di un prodotto contro i raggi UVB. Vuoi trovare SPF che siano ampio spettro e proteggerti dai raggi UVA e UVB. Il numero si riferisce alla quantità di tempo che puoi trascorrere al sole mentre indossi quel prodotto, assorbendo contemporaneamente un minuto di raggi UVB. Questa American Cancer Society fa un buon lavoro nello spiegare chiaramente: se indossi SPF 15 e sei sotto il sole per un'ora, è come essere esposto a 4 minuti di raggi UVB senza SPF . Un'ora indossando SPF 30, quindi, sarebbe come esporsi a soli 2 minuti di raggi UVB senza protezione. Questa matematica si ferma da qualche parte sopra SPF 50, però, perché nessuna singola crema solare ti proteggerà al 100% dai raggi del sole.



Un altro modo di considerare l'SPF è la sua percentuale di copertura: i filtri solari SPF 15 filtrano circa il 93% dei raggi UVB e i filtri solari SPF 30 aumentano il numero al 97%. I prodotti SPF 50 ti danno il 98% e i prodotti SPF 100 sono circa il 99%. A meno che tu non abbia la pelle più chiara di tutte, non hai davvero bisogno di molto oltre il 50%, mai.

Guarda anche:
Le migliori creme idratanti con SPF

le migliori scarpe jordan del mondo
3. Sapere quando applicare e riapplicare

In genere si consiglia di applicare la protezione solare 15 minuti prima dell'esposizione diretta, in modo che abbia abbastanza tempo per penetrare nella pelle. Quindi riapplicare ogni 2 ore per mantenere la massima copertura. Se il tuo obiettivo è abbronzarti, lavora con un SPF 15 o 20 e segui questi stessi parametri. Sarai comunque esposto ai raggi UVB, sfortunatamente, ma questo è il gioco a cui stai giocando. Puoi anche ridurre al minimo il danno.