Come aiutare il tuo partner quando è in lutto

La psicoterapeuta Megan Devine parla dell'impossibilità di allontanare il dolore dal proprio partner, della difficoltà di due persone che affliggono una persona e di come la perdita può avere un impatto sul sesso.

Come tante persone, sono affascinato, consumato e sconvolto dalla morte. Leggo libri a riguardo, ogni tanto scrivo ipotetici elogi per i miei cari nella mia testa, e ho persino un tatuaggio che dice Memento mori —Latino per ricordarsi di morire. E come parte del mio preoccupazione per la morte , mi sono ritrovata a chiedermi come faremo io e il mio ragazzo quando uno di noi perde inevitabilmente qualcuno.

Il modo in cui i partner si presentano o non si presentano dopo una perdita può avere un profondo impatto sulla relazione, rafforzandola o esponendo le crepe. Idealmente, un partner sa cosa fare e cosa dire, ma molte persone lottano con esattamente come rispondere.



Ho chiesto agli amici che hanno perso qualcuno su cosa ha fatto il loro partner che ha aiutato e, dall'altro lato, cosa non lo ha fatto. Quando è morto il nonno della mia amica Sam, il suo ex era piuttosto riluttante a parlarne con lei. Ogni volta che tiravo su mio nonno, sembrava visibilmente a disagio, come se non fosse entusiasta delle emozioni a cui avrebbe dovuto rispondere. Non sorprende che ci siamo lasciati, ha detto, citando queste conversazioni ampollose come una parte importante di quella decisione.



Un altro mio amico, Glenn, ha elogiato quanto fosse meraviglioso il suo compagno, Rob, quando sua madre è morta: La notte in cui è morta, quando ho chiamato, non ha detto nulla. Si è avvicinato e mi ha abbracciato mentre piangevo, si è steso a letto con me così non ero solo. Non ha mai offerto luoghi comuni o condoglianze in alcun modo tipico. Mi ha dato lo spazio per fare i conti con una perdita che ognuno può solo immaginare come gestire a modo suo.



Nelle relazioni a lungo termine, è probabile che uno o entrambi i partner sperimentino la morte di una persona cara; sapere come sostenersi l'un l'altro nel miglior modo possibile è inestimabile. Così ho parlato con Megan Devine, psicoterapeuta e autrice di Va bene che tu non stia bene: affrontare il dolore e la perdita in una cultura che non capisce , su come sostenere il tuo partner durante il dolore.

tinews: Sia io che il mio compagno abbiamo genitori più grandi e relazioni molto diverse con i nostri genitori, quindi ho passato molto tempo a pensare a cosa faremo quando sarà il momento e come ci aiuteremo a vicenda.
Diventare: È un bene che tu ci stia già pensando! Molto probabilmente, i tuoi genitori moriranno prima di te. Il momento di avere conversazioni come queste è prima che qualcuno muoia. Pratichiamo esercitazioni antincendio, in modo che, in caso di emergenza, queste cose non siano nuove per noi. È davvero difficile nel dolore fresco avere una conversazione di alto livello e altamente qualificata sui tuoi bisogni emotivi. Questo è chiedere molto a una persona quando soffre.



Puoi fare delle buone ipotesi, ma finché non ti trovi nella situazione, non lo saprai. Ma aprendo quelle conversazioni in anticipo, sarai in grado di dire cose come, so che ne abbiamo parlato e ho pensato che ne avrei avuto bisogno, ma questo è diverso da qualsiasi cosa mi aspettassi. Possiamo provare questo invece?

E allora può il ruolo di un partner in un momento di dolore essere? Possono davvero fare qualcosa?
Ebbene sì e no. Guardiamo le persone che amiamo, le vediamo soffrire e vogliamo togliere loro quel dolore. Questa è una normale risposta umana. Ma non puoi. In realtà non è possibile.

Tutte le cose che normalmente pensiamo di dire per farlo, come tuo padre non vorrebbe che tu fossi triste, o tua madre ha vissuto una bella e lunga vita, non funzionano. Guarda la seconda metà di quella frase, o quelle che chiamo le parole fantasma. C'è un implicito ... quindi, smettila di sentirti così male.