Come correre verso una forma migliore

Il piano in nove punti del nostro editorialista di fitness per farti strada verso una forma migliore.

Se sei un essere umano abile, sei un corridore. Vedo che alcuni di voi stanno già stringendo le perle. Me? Un corridore? Cieli, no. Ma gli umani si sono evoluti per muoversi. La corsa è uno dei movimenti integrati più naturali che possiamo fare. Ipso facto: tu, sì, tu!, sei un corridore. Questo non significa che devi correre una maratona. O un 10K. Non devi nemmeno correre un 5K. (Come vedrai, però, dovresti probabilmente iscriverti a qualcosa. ) Ma devi essere in grado di fare jogging lungo il blocco senza dolore.

Ed è qui che vengo in gioco io. Ho preso un sacco di nemici della corsa e li ho trasformati in corridori. E anche io ho dovuto trasformarmi. Sono cresciuto facendo pista ma mi sono innamorato della corsa quando ero ancora un bambino. Questo non è raro, soprattutto se pratichi sport. (Gli allenatori usano la corsa come punizione, giusto?) Poi mi sono infortunato giocando a football al college—mi sono rotto una gamba, tra le altre cose—e quando mi sono laureato, riuscivo a malapena a fare un miglio senza dolore. Quindi ho dovuto insegnare di nuovo al mio corpo come correre. Ora sono riuscito a completare tre maratone in due anni e l'ultima l'ho corsa in poco meno di tre ore con solo otto settimane di allenamento.



Ma non anticipiamo noi stessi. All'inizio, la chiave per correre è la pazienza. Ci vorrà del tempo. Quel tempo passerà comunque, e se fai le cose che dovresti fare, i risultati arriveranno. E questa è la bellezza della corsa: tante cose nella vita sono fuori dal tuo controllo e ci sono così tante cose nella vita in cui non puoi dire se stai migliorando. Con la corsa, se ti impegni, puoi (letteralmente) vedere quanto lontano possono portarti i tuoi piedi. I miei mi hanno portato abbastanza lontano e lungo la strada ho imparato alcune lezioni che spero possano far muovere anche te.




Guarda ora:



Incontra Joe Holder, il nuovo guru del fitness di Tinews

1. Tratta la corsa come a scuola.

Il successo passa attraverso la struttura. Ecco perché la scuola funziona. Ti presenti tutti i giorni. La prossima cosa che sai, pochi mesi dopo, conosci la geometria. E la geometria è da capogiro! L'unico motivo per cui lo sai è perché ti sei seduto ogni giorno. Quindi prendi la struttura della scuola, che è solo una pratica coerente, e renditi uno studente di qualcosa che ami. Potrebbe essere meditare, cucinare o imparare a essere più emotivamente aperti o, in questo caso, correre.

2. Forza te stesso in un quadro.

La Legge di Parkinson dice che il lavoro si espande in modo da riempire il tempo a disposizione per il suo completamento. Quindi, se la tua cronologia per iniziare a correre è un momento vago, ancora da determinare in futuro, allora non andrai mai molto lontano. Ma se ti iscrivi a una gara che si svolge in una data specifica, che si tratti di uno sprint di un miglio o di un'ultramaratona, beh, ora hai un quadro obbligato in cui lavorare. Sai che la gara sta arrivando e che oh, merda, probabilmente dovrei alzarmi dal divano e correre la sensazione diventa un po' più urgente.



finale del sesto episodio del trono di spade