Come correre un po' ogni giorno per due mesi ha cambiato la mia vita

Correndo ogni giorno per 61 giorni durante un lavoro estivo, ho imparato lentamente ad amare lo sport che temevo per la maggior parte della mia vita.

Correre, come il coriandolo o What's Luv? di Fat Joe, può essere un argomento polarizzante. La maggior parte delle persone cade in uno dei due campi: quelli che amano fare il passo ogni mattina e quelli che farebbero di tutto per evitarlo.

Per la maggior parte della mia vita, sono stato saldamente piantato in quest'ultimo campo. Ho superato i 200 libbre per la prima volta come matricola del college di 5 piedi e 4, ma in realtà la battaglia per gestire il mio peso era in corso da anni. La mia taglia, e più specificamente, come mi sentivo riguardo alla mia taglia, si infiltrava in ogni aspetto della mia vita, dai percorsi tortuosi e senza colline che facevo per fare lezione a come sceglievo quali vestiti comprare. Dopo le serate fuori con gli amici, avevo paura di svegliarmi la mattina dopo con le notifiche di nuove foto taggate, perché sapevo che alcune di loro mi avrebbero messo in mostra per essere visto dal mondo.



Mi sono dilettato in diversi tipi di esercizi nel corso degli anni, con vari gradi di successo: calcio da viaggio, pallavolo al liceo e un periodo di insegnamento di lezioni di danza hip-hop, che è ancora il fatto divertente che racconto ai primi appuntamenti. Nella palestra del mio college, ho guardato ore di dimenticabili commedie romantiche mentre mi muovevo sull'ellittica con un'inclinazione del dieci percento.



Ho sempre odiato correre, però. All'età di 12 anni, ricordo di essere entrato in un quartiere 5K con mio padre; Ricordo anche di essermi piazzato per ultimo, seguito solo dalla spazzatrice della polizia che strisciava pazientemente dietro di me. Tre anni dopo, non sono entrato nella squadra di pallavolo juniores perché non riuscivo a correre un miglio in meno di 10 minuti. Ogni volta che mi allacciavo per correre, mi sentivo come se il fallimento, in una forma o nell'altra, fosse l'unico risultato possibile.



L'estate dopo il mio primo anno, però, ho trovato lavoro in un campo notturno nel Connecticut, dove sostanzialmente sono stato pagato per tornare bambino. Trascorrevo le mie giornate tenendo d'occhio i canoisti, supervisionando lo studio di arti e mestieri e facendo intricate liste della spesa degli articoli di cui avremmo avuto bisogno per tirare fuori una staffetta di sei ore per tutto il campo. Quando si trattava di esercitare, senza le scarpe da ginnastica ellittiche né la libreria di streaming Netflix a mia disposizione, la corsa era improvvisamente la mia unica opzione.

Quindi, mi sono fatto una promessa: ogni singolo giorno, sarei corso a un lampione situato a una distanza considerevole lungo la strada, e poi sarei tornato di nuovo alle capanne. Per gli standard della maggior parte dei corridori, non era lontano; Ho stimato che la distanza totale fosse di circa un miglio. Ma ho giurato di spremerlo ogni giorno, non importa quanto tempo ci sia voluto, e non importa quali altre responsabilità legate al campo dovessi adempiere. La serie successiva durò 61 giorni, tutto il tempo che trascorsi al campo quell'estate.



Ho iniziato a sentirmi meglio con la persona che vedevo allo specchio, certo. Ma con mia grande sorpresa, ho imparato ad amare anche la corsa, abbastanza da integrarla alla fine nella mia carriera. Sono passato dal temere lo sport a pianificare le vacanze nei luoghi con le migliori viste di corsa. Ho finito sette maratone e più gare più brevi di quanto possa ricordare, e ora sono un allenatore di corsa certificato. Questi erano i segreti che ho scoperto per cambiare la mia prospettiva.


1. Rendilo una non opzione: Ero molto specifico su quando e dove avrei corso. L'orario: dopo pranzo. Il percorso: quel lungo tratto di strada alberata. Poiché non mi sono permesso di deviare dal piano, è diventato qualcosa che ho fatto senza pensare, come lavarmi i denti o mettere il deodorante al mattino.

Ricerca nel in British Journal of Health Psychology ha scoperto che il 91% delle persone che annotavano quando e dove si sarebbero esercitati ogni settimana ha finito per seguire le proprie ambizioni. Mi sono fatto un grafico giù al capannone delle arti e dei mestieri e l'ho appeso sul retro della porta polverosa della mia cabina. Ogni giorno, con il sudore che ancora mi gocciolava dalle braccia, cancellavo lo sforzo della giornata, un distintivo d'onore, insieme a nuove punture di insetti sulle caviglie.