Come sopravvivere alla crisi finanziaria in arrivo

Sta arrivando un'altra recessione. Ankur Jain e la sua startup Kairos stanno sostenendo un portafoglio di startup che potrebbero salvarti.

JPMorgan ha messo le probabilità che si verifichi una recessione nei prossimi due anni a 60% . (Che salta a oltre l'80% in tre anni.)

E sebbene ci sia un dibattito su quando, esattamente, accadrà: punti sensati e ben argomentati che dicono che l'economia è forte da una parte; contro-argomentazioni altrettanto salienti che ci stiamo avvicinando a una sorta di tracollo dall'altra - non c'è dubbio su questo: probabilmente vorrai prepararti (come meglio puoi).



Se non hai molto denaro liquido, per non parlare di beni immobili o di un portafoglio di investimenti, non c'è molto che puoi fare per prepararti a una recessione oltre a stare fermo e fare del tuo meglio per non essere licenziato. Per dirla più schiettamente: tutti noi subiremo una sorta di colpo.



ma c'è è buone (ish) notizie. Un giovane imprenditore e investitore chiamato Ankur Jain ha avviato nuove attività per aiutare i giovani a prepararsi alle imminenti contrazioni economiche.



Per non dubitare delle sue credenziali: ha lanciato le sue prima compagnia alle 11 , e ha trascorso la sua adolescenza padroneggiando l'arte dell'imprenditorialità, prima di finire alla Wharton. Lì, ha lanciato un'altra startup chiamata Humin, sostenuta nientemeno che da Richard Branson, che alla fine è stata acquisita da Tinder, che ha poi nominato Jain VP del prodotto.

Tinews Logo podcast in modalità aereo su sfondo blu

Presentazione del nuovo podcast di Tinews su come vivere in modo più sano e intelligente

Ascolta solo se vuoi che persone intelligenti diano veri consigli su come rimanere sani di mente in un mondo pazzo.

Ma ora tutta la sua attenzione è su Kairos, un fondo di rischio che sostiene le aziende che sperano di proteggerti dalle insidie ​​più profonde di un'imminente recessione. Il presidente di Verizon Wireless, il commissario della N.F.L., il C.E.O. del New York Times e un ex presidente del Messico fanno tutti parte del consiglio di amministrazione di Kairos, e se si fidano di Jain, probabilmente dovresti farlo anche tu.

Jain sta commercializzando la suite completa di servizi supportati da Kairos con un vero e proprio kit di sopravvivenza alla crisi finanziaria. Contiene informazioni su tutte le sue nuove società, oltre a una copia di Student Finances for Dummies, una palla antistress e una bottiglietta di Jack Daniels. Ci siamo seduti con Jain per parlare del portafoglio Kairos e delle cose che puoi fare per prepararti a una crisi, indipendentemente dalla tua attuale situazione finanziaria.

Passaggio 1: quei fastidiosi prestiti agli studenti

I prestiti agli studenti sono qualcosa di non iniziato perché, dopo tutto, c'è solo un modo per farli andare via: pagarli. Anche se presenti istanza di fallimento, non puoi uscire dal debito studentesco. Così Jain ha sostenuto una società nuova di zecca chiamata Pillar, una roadmap digitale per il modo migliore (traduzione: meno costoso) per pagare i debiti.

Ok, fantastico, come? Innanzitutto, considera il rifinanziamento da un tasso di interesse variabile (un tasso che cambia, o varia, con le variazioni del mercato) a un tasso di interesse fisso (un tasso che rimane lo stesso nel corso del prestito).

Negli ultimi dieci anni, spiega Jain, i tassi di interesse variabili sono stati così bassi che molti studenti che hanno chiesto prestiti hanno comprensibilmente scelto il tasso variabile. Ma dopo anni di minimi favorevoli, i tassi di interesse stanno aumentando e, man mano che ci avviciniamo a una crisi, aumenteranno solo di più. Il che significa: saliranno le mensilità sui tassi variabili.

Ma non temere, dice Jain: è ancora abbastanza presto ora per rifinanziare e bloccare un tasso fisso basso, uno che rimarrà lo stesso per la durata di dieci anni del tuo prestito, non importa quanto volatile possa essere il resto dell'economia.

perché sto producendo così tante caccole?
Ottieni quel giorno di pioggia, o l'apocalisse del mercato azionario, fondi in ordine

66 milioni di americani non hanno risparmi di emergenza, dice Jain. Zero.

In teoria, ogni famiglia dovrebbe avere un risparmio di emergenza equivalente a tre-sei mesi di spese. Quel tipo di cuscino di sicurezza è, ovviamente, una fantasia per famiglie e individui che vivono stipendio contro stipendio, o per individui che hanno già aree in cui quel denaro è necessario più urgentemente (come il debito della carta di credito).