Come Tiësto è sopravvissuto a 20 anni di festa per vivere

Il veterano DJ olandese rivela il suo segreto per essere il maratoneta della musica dance.

Per sentire anche Tiësto parlare sulla sua carriera—le feste, i viaggi, più feste, più viaggi, stadi esauriti, suonare alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici del 2004 ad Atene, headliner Coachella, Electric Daisy Carnival, Stereosonic, Tomorrowland e Ultra—è estenuante. Ma il veterano DJ olandese (nome legale: Tijs Michiel Verwest) non descriverebbe in alcun modo il lavoro dei suoi sogni come stancante.

Questa immagine può contenere Avicii, Abbigliamento, Manica, Abbigliamento, Umano, Persona, Manica lunga, Uomo, Cravatta, Accessori e Accessorio

Avicii, il re di Oontz Oontz Oontz



All'età di 47 anni, Tiësto sta ancora abbracciando la sfida di rimanere rilevante in quello che è un pool sempre più crescente di DJ che sperano di raggiungere il suo livello. È ancora entusiasta di esibirsi nel suo prossimo set come lo era quando ha iniziato a fare il DJ di fronte a una manciata di persone in bar e club nel 1994. Questo venerdì, Tiësto celebra il 500° episodio del suo programma radiofonico diffuso in tutto il mondo CLUBLIFE suonando uno speciale set di sei ore allo Ziggo Dome di Amsterdam.



Ancora implacabile e appassionato come quando ha iniziato a fare tutto questo, abbiamo incontrato Tiësto per parlare del perché lo sta ancora facendo e perché vuole continuare a farlo.




Quindi, un set di sei ore. Sembra molto.
Fondamentalmente sarà un riassunto di tutte le mie tracce preferite dei 500 episodi che ho fatto. È vecchia scuola. Ai tempi, giocavo sempre per sei ore. I dj set sono diventati sempre più brevi. Al festival ti danno solo un'ora. È bello suonare di nuovo un lungo set.

Sembra che tu preferisca i set più lunghi.
È un'esperienza diversa. Mi piacciono anche i set da un'ora perché puoi pompare così tante cose in quel tempo. È fantastico per quando vuoi ascoltare qualcosa di nuovo ogni minuto. In un set di sei ore, puoi davvero costruire un viaggio. Quindi puoi passare mezz'ora a uno stile musicale completamente diverso e tornare lentamente. Puoi davvero portarlo dove vuoi, e questo è il bello.



Sei un DJ dal 1994.
Da quando ero un bambino [ ride ].

Avresti mai immaginato di farlo ancora 22 anni dopo?
Assolutamente no. Quando ho iniziato era il mio hobby, e allora i DJ non erano presi sul serio. Non ho mai nemmeno pensato di suonare al di fuori della mia città natale. Arrivare così lontano va oltre un sogno che si avvera. Quando inizi a suonare in bar per 50 persone, e poi suoni davanti a 100.000 persone all'EDC di Las Vegas, è piuttosto intenso. Quando tutti hanno urlato quando ho suonato la musica, mi sono venuti i brividi. Era una sensazione così euforica.

Perché il ruolo del DJ si è evoluto così tanto da quando hai iniziato?
È così affidabile. Tutti possono essere DJ. Se hai ritmo e ti piace la musica, puoi iniziare. È molto accessibile. La parte creativa è ancora molto difficile, ma far funzionare qualcosa è abbastanza facile. È molto più facile che, diciamo, suonare la chitarra o il pianoforte.

«Ci ​​sono un sacco di tentazioni là fuori. Quello che ho imparato è: basta e basta. A volte bevi troppo, sai che il giorno dopo lo pagherai».

Quindi cosa rende qualcuno un grande DJ?
Un grande DJ può adattarsi a una stanza. Ogni stanza è diversa. Il momento in cui suoni quale disco è qualcosa che non puoi davvero imparare. O ce l'hai o non ce l'hai. E devi far andare la folla con brani che non conoscono. Un sacco di DJ scelgono i grandi brani dal successo garantito, ed è quello che suonano tutti. Se hai un paio di tracce là fuori e sai che la folla non ha mai sentito prima, e puoi ancora farle impazzire, allora sei davvero un bravo DJ.

Che dire dello stile di vita e della gestione dei viaggi e delle feste?
È come con qualsiasi cosa nella vita. Se riesci a imparare a mantenere il ritmo, lo stile di vita non è così difficile. Ci sono un sacco di tentazioni là fuori. Quello che ho imparato è: basta e basta. A volte bevi troppo, sai che il giorno dopo lo pagherai, quindi cerchi di trattenerti un po'. È molto impegnativo nel nostro mondo perché ci sono sempre feste.