Indya Moore è l'angelo di cui hai bisogno per il 2018

Interpretando Angel nella rivoluzionaria serie FX 'Pose', la star di 23 anni ha portato grazia e resilienza sul piccolo schermo. Ora sta usando la sua nuova piattaforma per cambiare il mondo.

Indya Moore, la star di 23 anni di FX's Posa , ha molto da dire. Tre ore di cose da dire, a quanto pare. Date le esperienze che ha avuto, è comprensibile che Moore voglia parlare, e mastica a lungo gli argomenti, ribadendo i punti che sta facendo con una riverenza quasi sermone. Nativa del Bronx, è entrata in affidamento a 14 anni quando i suoi genitori hanno faticato a riconoscere la sua identità di genere dopo che lei ha fatto coming out come trans (nota che la loro relazione oggi è migliore). Mentre era in affidamento, si è trasferita in tutti e cinque i distretti di New York City, affrontando bullismo e discriminazione. Dopo aver lasciato il liceo a 15 anni, Moore ha iniziato a fare la modella.

È stata una mossa di carriera che l'ha portata a unirsi a una leggendaria sala da ballo, la House of Xtravaganza, ottenendo un ruolo nel film indipendente Chiesa del sabato , e alla fine l'ha vista nel cast del drama FX di Ryan Murphy nominato ai Golden Globe Posa . Nello spettacolo, Moore interpreta Angel, una prostituta trans che si innamora del suo cliente, un uomo bianco cisgender ( interpretato da Evan Peters ), che per caso lavora anche per Donald Trump. Moore porta così tanto pathos e umanità ad Angel che il personaggio si sente tangibile, come se tu fossi effettivamente potuto andare ad Harlem nel 1987 e vederla camminare in una palla.



Posa è stato annunciato all'inizio di quest'anno per aver messo in primo piano le persone trans e queer di colore. Insieme a Moore, lo spettacolo ha presentato al mondo attori come Mj Rodriguez e Dominique Jackson. Posa ha anche fatto la storia quando Janet Mock è diventata la prima donna trans di colore a dirigere un episodio televisivo (ha anche recitato come produttrice e scrittrice nello show).



Per Moore, però, Posa serviva da piattaforma per il suo attivismo. Sui social media, è schietta e vocale, chiamando bigottismo, disuguaglianza, razzismo, omofobia e transfobia con intelligenza, comprensione e cura. È l'incitamento al bigottismo che costituisce la maggior parte di ciò di cui io e Moore parliamo. Capisce che il suo status di donna trans di colore la mette in una posizione unica per entrare in empatia con quasi tutti gli individui emarginati, e vede come suo dovere alzarsi e combattere per quelle persone le cui vite sono politicizzate solo perché esistono. È dietro tutto ciò che fa. Nella sua vita, Indya Moore vuole cambiare il mondo.




ritratto di indya moore in studio

Monica Schipper/Getty Images

tinews: Com'è stato il processo di audizione per? Posa ?
India Moore: C'erano due script che hanno inviato: uno per Angel e uno per Blanca. Mi sono riferito di più alla sceneggiatura di Blanca. All'epoca, sentivo che c'erano dinamiche familiari nella Casa di Xtravaganza che avrebbero potuto essere migliori, e per questo mi sono davvero legato ai sentimenti di Blanca e a come si sentiva nei confronti della sua famiglia di casa e a come voleva dare un esempio di famiglia amorevole senza concorrenza. Ho solo sentito il personaggio di Angel... non volevo essere quella ragazza che era vista come bella o carina. Non volevo far parte di quella narrazione.



Ma ho fatto anche il provino per Angel e mi hanno amato per questo. La sceneggiatura dell'audizione era la scena della cena tra Angel e Stan, quando lei dice: 'Mi consideri una vera donna?' Ricordo che mi ha riportato alla mente tanti momenti della mia vita in cui ho avuto così tanti problemi a navigare nel mondo perché volevo essere vista come una ragazza normale, una donna.