Dentro la mente zen di Michael Imperioli

Cosa fai dopo aver recitato in 'I Soprano', probabilmente il più grande programma televisivo di tutti i tempi? Se sei Michael Imperioli, un po' di tutto.

Un lunedì mattina di fine agosto, Michael Imperioli siede a gambe incrociate davanti a drappi rosso rubino non dissimili da sipari di teatro, in procinto di insegnare a 400 persone provenienti da tutto il mondo come respirare. Questo è molto bello, grazie, dice, dopo aver elencato i vari luoghi remoti - Indonesia, Italia, Buenos Aires, Brooklyn - da cui gli spettatori si stanno sintonizzando per la sua lezione inaugurale gratuita di Meditazione 101. Indossa una t-shirt nera con una collana di perline di legno mala intorno al collo, i suoi capelli ondulati argentati e gli occhiali stretti con la montatura nera gli danno un'aria vagamente professorale.

La maggior parte delle volte stiamo seduti e non facciamo nulla, siamo distratti, Imperioli intona al suo pubblico virtuale. Con i nostri telefoni, con i social media, con i nostri piani, con le nostre paure, con i nostri pensieri, con le nostre fantasie, con le nostre preoccupazioni per il futuro, con le nostre proiezioni su ciò che verrà dopo, con i nostri rimpianti per il passato. Imperioli fa una pausa e ci permette di marinare la nostra realtà dispiaciuta e confusa al telefono prima di offrire un'alternativa: invece di essere persi nella proiezione e persi nel rimpianto e persi in tutti questi pensieri e distratti da essi, quello che faremo è osserva quei pensieri e osserva la mente e diventa consapevole di essi.



Il che ci porta a una buona domanda, continua. Cosa è la mente ?



È allettante immaginarlo come un possibile futuro per Christopher Moltisanti , Il personaggio di Imperioli su I Soprano , se solo fosse rimasto fedele al suo percorso di sobrietà e crescita personale. (Puoi quasi sentire Paulie Walnuts di lato: stai ascoltando questo, T? Chrissy dice che siamo intrappolati in un ciclo karmico senza fine di sofferenza.) Questa è la vera natura della celebrità, per il pubblico che vuole associare un attore con il loro ruolo più famoso, un impulso che è esponenzialmente esagerato quando l'attore in questione ha interpretato quel ruolo per sei stagioni in quella che è ampiamente considerata la più grande serie televisiva di tutti i tempi.



L'immagine può contenere Michael Imperioli Abbigliamento Scarpe Calzature Abbigliamento Persona umana Mobili e interni

In verità, Imperioli ha sempre avuto poco in comune con Christopher, scusatemi, Christafaaa —il rozzo, sciovinista, tragicamente condannato alla mafia e nipote del boss del crimine Tony Soprano. Imperioli, che ora ha 54 anni, è buddista, vegetariano e felicemente sposato, padre di tre figli che ama lo shoegaze e il teatro. L'ho trovato davvero affascinante. Era esattamente quello che volevo fare in quel momento, dice Imperioli del personaggio in una videochiamata pochi giorni prima della sua sessione di meditazione. L'attore è nello stesso studio con le tende rosse nella sua casa di Santa Barbara, indossa un abito quasi identico e parla in un modo sincero ma mai serio. Guardando indietro, mi sento così lontano da lui, dice. Quasi non riconosco nemmeno quel ragazzo.

E ha guardato indietro negli ultimi tempi. Ad aprile, Imperioli ha lanciato il podcast settimanale Soprani parlanti con l'ex co-protagonista Steve Schirripa, alias Bobby Bacala, che li fa rivedere la serie per la prima volta da quando è stata presentata per la prima volta nel 1999. Il loro tempismo era fortuito : Soprani parlanti lanciato durante i primi giorni del blocco del coronavirus, quando così tante persone stavano rivisitando lo spettacolo o facendo un'abbuffata introduttiva, quel pubblico è aumentato di quasi tre volte. Da James Gandolfini della prematura scomparsa nel 2013, Imperioli è il membro del cast più importante impegnato nell'eredità di uno spettacolo il cui fandom è devoto e in costante crescita. Il che significa che può fare un commento usa e getta su Instagram su quanto Gandolfini si sia divertito ad ascoltare i Green Day, in particolare, l'album Dookie su vinile e si tradurrà in un ciclo di notizie di tre giorni su quanto James Gandolfini si sia divertito ascoltando per Dookie su vinile.