Nel Vuoto con 100 Gec

Alex Pappademas entra nel vertiginoso universo di Dylan Brady e Laura Les, il duo forse non scherzoso dietro i Gecs.

Dylan Brady dei 100 Gecs fa musica in uno studio di una stanza in un edificio di mattoni squadrato nel Fashion District di Los Angeles, appena a sud di Pico Boulevard. Fabbrica di borse, dice Brady, quando gli è stato chiesto quale fosse l'edificio dello studio. Penso come borse di fascia media. Come la tua borsa tipo JC Penney.

È qui da sei mesi, prima di allora era in un posto più grande, ma tutti gli altri inquilini erano batteristi. Quindi questo è buono, dice. Più piccolo ma migliore.



Per raggiungere la stanza di Brady sali una rampa di scale, poi scendi un'altra rampa di scale. Come visitatore per la prima volta arrivi disorientato dal breve viaggio dal livello della strada, improvvisamente incerto su quale piano ti trovi. È uno spazio di testa ideale in cui incontrare Brady e la sua partner dei 100 Gecs, Laura Les, la cui musica elettronica allegramente disordinata dell'attenzione può distruggere, in pochi secondi, il tuo senso di dove ti trovi.



I collage vertiginosi di generi poco raccomandabili come dubstep, thrash e chiptune nell'album di debutto dei Gecs del 2019, 1000 Gec, non hanno un vero antecedente se non per altre musiche di fine musica, come il gruppo porno-ska-thrash di Mike Patton Mr. Bungle (una non-influenza di cui i Gec sono stanchi di essere interrogati) e Naked City, un jazz-noise ipercinetico outfit cut-up fondato alla fine degli anni '80 da John Zorn (che sembrano pensare che vada bene). La prima volta che ho sentito una canzone da 1000 Gec — era Money Machine, poco meno di due minuti di scherni surreali nel cortile della scuola, chitarra metal spray-cheese, riempimenti di batteria idraulica, voci cariche di Chipmunks alte e innaffiate con AutoTune — pensavo di essere stato punk. Cerco questa sensazione ovunque posso ottenerla. Mi piace essere fatto sentire vecchio, confuso e ostile dalla nuova musica, come se le persone che la producevano non potessero essere serie. Mi piace la musica che mi fa sentire come se qualsiasi musica venga dopo questa musica non suonerà nemmeno come musica per me. (Portami Werther's nella casa dei vecchi e ti parlerò di come provare quella sensazione da Girl Talk e Odd Future.)



100 Gec entrano nel vuoto

1000 Gec è finito in più di qualche critica nelle prime 10 liste di fine anno; il fatto che passerà alla storia come il New York Times Il decimo album preferito del 2019 potrebbe costituire una sorta di fallimento per alienare più completamente gli adulti ragionevoli. D'altra parte, ovviamente lo ha fatto: più lo ascolti, più questo disco poco serio ma appassionato suona come un tonico per un'era dissociativa, un'ascia gigante da cartone animato per il mare ghiacciato dentro tutti noi.