Tutto è iniziato qui: l'eredità gay di Tinews

Come un ex modello sconosciuto è diventato fotografo, un art director gay e un giocatore di pallanuoto della California ha usato le pagine di Tinews per ridefinire l'uomo americano e ha cambiato per sempre l'aspetto di riviste, fotografie e pubblicità.

Era sempre estate a tinews alla fine degli anni '70. O se non era estate, era almeno un'occasione per fare le valigie e volare in qualche località estiva, forse Tahiti o le Hawaii oi Caraibi. I capelli di tutti avevano riflessi biondi; la pelle di tutti era seducente sulla cuspide di un'ustione. Il denaro non era un oggetto. Possiamo prendere un idrovolante? Infatti possiamo prendere un idrovolante! Quindi ci sarebbe stato un idrovolante, un costoso oggetto di scena sullo sfondo. E in primo piano, creature meravigliose in costumi da bagno molto piccoli, che si divertono nella risacca, l'acqua che sgorga seducente sulla carne elastica. A volte, ci sarebbe anche una donna nell'inquadratura.

dai la mancia al barista dopo ogni drink?

Questo era il tinews di un'altra epoca. Era un'epoca in cui la rivista aveva un pubblico più piccolo, misurabile con le sei cifre basse, e uno staff più piccolo: un gruppo edonistico, affiatato, i cui membri socializzavano insieme dopo il lavoro, spesso in branco, spesso allo Studio. (Solo il gauche ha mai pronunciato la 54 parte.) Fu anche, per non dire troppo, un'era molto più allegra di tinews . Jack Haber, caporedattore della rivista dal 1969 al 1983, era un uomo gay, così come i suoi due straordinari direttori artistici, Harry Coulianos, che ha prestato servizio dal 1971 al 1980, e Donald Sterzin, che all'inizio era uno dei vice di Coulianos. e alla fine gli succedette, dirigendo il dipartimento fino alla fine del 1983.



tinews non era esplicitamente una rivista gay, e il suo mandato, infatti, era quello di educare gli uomini di tutte le convinzioni sulla moda e lo stile. Ma la sensibilità gay era inconfondibile: la ricorrenza della parola robusto nei titoli; l'interesse preveggente per l'arredamento minimalista della casa; il pittorico disco-stomp Every Night Fever del 1978, con modelli in Capezios che ballano in un parcheggio illuminato dai fari delle limousine Lincoln.



Eppure la rivista in sé non era uno scherzo; tinews ha preso sul serio il suo mandato. È difficile da comprendere ora, data l'associazione prevalente degli anni '70 con lo sfarzo dei pantaloni a zampa, ma gli anni di Ford-Carter furono in realtà un periodo molto più conservatore per quanto riguarda il rapporto dell'uomo medio con la moda. Non c'era nessuna della nostra attuale padronanza di stilisti e prodotti per la cura del corpo, nessun permesso della società per gli uomini di preoccuparsi di cosa indossavano e come apparivano. A questo proposito, tinews era in primo piano, un esempio archetipico della minoranza gay che ha aperto la strada al mainstream goffo.



tinews ha fatto una dichiarazione forte sull'abbigliamento maschile. Era l'unico libro all'epoca che aveva una dichiarazione, e quindi è diventato un leader, dice Ralph Lauren. La visione widescreen-americana di Lauren era decisamente sbarazzina, così come lo stesso designer, ma in tinews trovò una pubblicazione simpatica con il suo desiderio di rendere gli uomini più attraenti, per liberarli dall'ortodossia del sacco che predominava da un lato dello spettro sartoriale e dall'orrore del poliestere che predominava dall'altro.

Essendo gli anni '70 gli anni '70, la rivista non era affatto immune alla follia del periodo: la copertina del marzo 1976, ad esempio, sbandierava un capo dialettale chiamato One-Suit, un pezzo unico di tuta con cintura che faceva sembrare il modello che lo indossava come il meccanico di aeroplani più carino del mondo. Ma i commenti di Lauren parlano di un cambiamento sismico che ha avuto luogo in tinews 's nella seconda metà del decennio, un aggiornamento estetico quantistico che ha avuto un profondo impatto non solo sulla sua attività, ma sull'intera moda maschile. Qual è stato questo cambiamento? In parole povere, è stato un nuovo stile di fotografia di moda che, in un colpo solo, ha snellito e modernizzato l'uomo americano. I principali praticanti di questo nuovo stile sono stati Barry McKinley, Rico Puhlmann e un terzo fotografo che all'inizio era il meno annunciato del gruppo ma alla fine è emerso come il più influente: Bruce Weber. Sfoglia i numeri arretrati di tinews man mano che gli anni passano dal '75 all'80 e puoi vedere tutto ciò che accade: i capelli si accorciano, i corpi più definiti, le vignette più liriche. Puoi assistere al cambiamento dell'immagine di sé del maschio americano, alle tendenze degli anni '80 e '90 (e oltre) in forma incompleta. Con la guida e il sostegno di Coulianos e Sterzin del dipartimento artistico, Weber e i suoi simili hanno efficacemente ripulito e depotenziato l'uomo americano, tagliandogli le basette, collocandolo in ambienti più salubri, coltivando la sua bellezza, liberandolo da ogni residuo ' Puzza e grinta anni '60. Se hai mai visto un catalogo di Abercrombie & Fitch, un cartellone di Calvin Klein o un branco di collegiali rugiadosi riuniti su un prato in un annuncio pieghevole di Ralph Lauren... beh, è ​​qui che è iniziato tutto.




L'immagine può contenere una persona umana e acqua L'immagine può contenere collage e poster pubblicitari di persone umane L'immagine può contenere Abbigliamento per persona umana Abbigliamento Pantaloncini e schiena L'immagine può contenere un veicolo e una barca per il trasporto di persone umane

Oggi, Bruce Weber è un marchio, il suo stile è immediatamente riconoscibile, sia che stia girando i biondi Boy Scout oi nudi maschili erotici. (O cani. O canoe della Città Vecchia.) Di solito, dice, non gli piace fare interviste sul suo passato. Ma ha accettato, in questo caso, di farlo, perché sente che è importante rendere omaggio a quelle figure che lo hanno influenzato ma non sono in giro per parlare da sole. La triste verità è che tinews La testata della fine degli anni '70 è una sorta di muro commemorativo: molte delle persone i cui nomi sono su di esso sono state rivendicate dall'AIDS. Tra loro, le persone in cima: Haber, Coulianos e la persona a cui Weber era più devoto, Sterzin.

Weber e Sterzin erano spessi come ladri, compagni d'armi. Nel suo film in stile album Chop Suey (2001), che è dedicato a Sterzin, Weber dice con la voce fuori campo, Come descriveresti qualcuno che è come un fratello per te? Chi ti permette di viaggiare per il mondo e scattare le fotografie che hai sempre desiderato? Quello era Donald Sterzin.

Le fortune dei due uomini sono aumentate insieme, in sincronia, come emergenti nelle rispettive professioni. Ma Weber chiarisce che lui era l'allievo e Sterzin il maestro. L'ho ammirato, dice. Penso sempre, tipo, 'Se fossi nell'esercito, chi vorrei essere nel mio plotone?' E se fossi in trincea, vorrei Donald lì. Lo ammiravo come un soldato semplice guardava un sergente.

Associazione di Weber con tinews in realtà risale al 1967. Cresciuto nella Pennsylvania occidentale rurale, ha iniziato la sua formazione universitaria alla Denison University in Ohio, laureandosi in teatro, e poi si è trasferito alla New York University per studiare cinema. A Manhattan iniziò a fare la modella e finì per apparire, all'età di 21 anni, sulla copertina dell'edizione invernale 1967-1968 di Il G.Q. Scena, The Magazine for Teen Men Only, come dichiarava il sottotitolo. Questa aggiunta di breve durata alla rivista principale è stata curata dallo stesso Jack Haber che presto sarebbe stato promosso al grande spettacolo.

come dovrebbe vestire una giacca di jeans?

Sul G.Q. Scena copertina, Weber posa in abiti mod in bianco e nero attillati, goffamente adorabili alla maniera degli eremiti di Herman, mentre una ragazza con lo stile di una bambola inglese lo guarda con ammirazione. La breve biografia nel numero spiegava che Bruce è venuto a New York un anno fa da Greensburg, in Pennsylvania, per studiare recitazione. Dopo aver deciso di pagare le lezioni facendo la modella, Bruce ha scosso le modelle veterane vincendo lavori in cinque spot televisivi entro tre mesi.

Ma col passare del tempo, le aspirazioni di recitazione e modella sono andate fuori dalla finestra e la fotografia ha preso il sopravvento. Weber era un fotografo fin dall'adolescenza. Ho lavorato al giornale della scuola in collegio, quindi ho iniziato a scattare foto, dice. Il ragazzo nella stanza accanto alla sua alla Hun School, a Princeton, nel New Jersey, era un wrestler che si immaginava come la reincarnazione di James Dean. Non piaceva a tutti, dice Weber, perché era un po' ammaccato, sempre in rissa. Ma mi ha fatto amicizia. E lui fatto assomigli a James Dean.