Jimmy Butler te l'ha detto

Per anni è stato diffamato come un compagno di squadra difficile. Poi Jimmy Butler ha trovato la sua casa ideale con i Miami Heat e improvvisamente ha sfidato i Lakers di LeBron nelle finali. Allora chi è cambiato: siamo stati noi o Jimmy Butler?

Una grande cosa su Jimmy Butler—Miami Heat bucket getter, leggenda della bolla NBA—è che ha un grande apprezzamento per il vino. Quindi ore prima del nostro Zoom programmato, sono uscito e ho comprato la migliore bottiglia che ho trovato a Venice, in Italia (chiamava da casa nel sud della California), che era una miscela bianca che il cassiere di un negozio vicino mi ha consigliato come vino del giorno, Luna dei Feldi. Butler ha finito per abbinarmi una bottiglia di rosso della sua cantina, uno Château Lynch-Bages del 2010. Ho visitato Venezia un paio di anni fa, mi ha detto. Era stupido, amico. Era uno dei miei posti preferiti, anche con i gabbiani dal culo grosso che si tuffavano al cibo. Ero pazzo. Ero tipo, 'In nessun modo questo uccello prenderà' mio pezzo di pizza di tutto il cibo della gente.'

È appropriato che i ricordi di Jimmy Butler di una visita in un posto come Venezia riguardino una lotta con un gabbiano. In una lega piena di personalità fuori dal comune, Jimmy Butler è una delle stelle più feroci ed enigmatiche dell'NBA. Per anni si è fatto un nome come giocatore e compagno di squadra scontroso, esigente e talvolta sconsiderato. L'ultraconcorrente. Il leader abrasivo che sconvolgeva coloro che lo circondavano ovunque andasse (Chicago, Minnesota, Philadelphia). Era il ragazzo che non aveva paura di dire la verità come la vedeva, anche se questo significava rimproverare i giovani compagni di squadra per essere morbidi, come ha fatto notoriamente mentre era sui Timberwolves.