Anche Jon Bon Jovi ha avuto un anno difficile

Il nuovo album della cantante, '2020', vuole testimoniare un brutto periodo della vita americana.

A volte ci vuole un artista per riflettere un evento su di noi, in modo che possiamo davvero vederlo e sentirlo. Potrebbe essere una foto scattata da un giornalista o da un testimone, come il uomo che cade dall'11 settembre. O potrebbe essere un film, come quello di Spike Lee Quando gli argini si sono rotti , che ha portato a casa la realtà lasciata sulla scia di Katrina. Quest'anno, Jon Bon Jovi sta cercando di mostrarci chi siamo con il suo nuovo album 2020 , che affronta la pandemia, le divisioni politiche e la violenza della polizia, tra le altre fratture nell'attuale panorama americano. È il suo tentativo, come dice lui, di testimoniare la storia.

Questo è il secondo disco di Bon Jovi da quando il partner di lunga data e chitarrista Richie Sambora ha lasciato bruscamente la band durante un tour mondiale nel 2013, tra alcune sfide personali e lotte familiari. Ne parla 2020 come la sua prima volta che esce da dietro la persona da rockstar, ed è un disco più personale e meno glam di quello che abbiamo sentito da lui prima.



Ma questo è ancora Jon Bon Jovi: 2020 si apre forte (prime parole: sveglia!) e ti cattura immediatamente con la sua chiarezza pop-rock diretta. L'album è insolito e forse necessario e stimolante—è diventato una specie di zattera di salvataggio musicale personale quest'estate durante un periodo difficile per la mia famiglia. Quando ho visto Jon eseguire 'Do What You Can' e 'Livin' on a Prayer' per un'occasione di beneficenza che ha organizzato per i primi soccorritori e i lavoratori in prima linea nel suo stato natale del New Jersey, quest'estate, mi è sembrato che Bon Jovi potesse connettersi i puntini tra le diverse voci che lottano per essere ascoltate in America e aiutano a dare l'esempio in questo periodo tumultuoso.



Bon Jovi ha anche messo i suoi soldi dove improvvisamente c'erano più bocche da sfamare che mai e meno mani per fare il lavoro. Da marzo, sia lui che sua moglie potevano essere trovati quasi tutti i giorni nei due ristoranti della comunità e nell'enorme banca alimentare supportata dalla sua fondazione vicino alle sue case nel New Jersey e Long Island duramente colpiti. Durante gli interminabili mesi di blocco, ha aiutato a supportare migliaia di persone che ne avevano bisogno, e ora quest'anno ha prodotto una colonna sonora credibile della vita americana. Tinews ha parlato con Bon Jovi di 2020 e 2020.



tinews: Qual è stato il processo per questo disco, ora che sei tu a decidere?

Jon Bon Jovi : Beh, ho consegnato il disco e poi è successo il Covid e ha chiuso il mondo. Quindi sapevo che se avessi avuto un disco d'attualità nel 2020, avrei scritto una canzone sul Covid. Questo è 'Fai ciò che puoi'.



Mi sono ispirato agli operatori sanitari, agli studenti che si sono sacrificati, al commesso del negozio di alimentari che è diventato un lavoratore essenziale, al badante, agli eroi non celebrati che si sono fatti avanti per aiutare i loro vicini e quelli che indossavano semplicemente una maschera, non perché fosse un strumento politico ma perché era un segno di rispetto per il prossimo.

Poi, naturalmente, l'incidente di George Floyd ha colpito, BLM, quindi mi sono seduto per scrivere 'American Reckoning' e, infine, a quel tempo ho detto Amen, l'album è ora completo. Ho preso le due, chiamiamole canzoni d'amore, off the record e ho messo su 'Do What You Can' e 'American Reckoning' e ho detto che ora c'è il mio 2020.

Lo dici come se fosse facile scrivere canzoni pop su una pandemia, sul razzismo sistemico e sulla violenza della polizia.

Penso che l'esperienza mi abbia probabilmente dato questa capacità, ad essere onesti. Ora scopro che non ho più nulla da dimostrare davvero, e non ho nulla da nascondere. E il mondo è in un posto tale che ho sentito di poter testimoniare la storia, purché fossi disposto a farlo essere quel testimone. Io sono solo un testimone della storia.