Josh Gordon sulla dipendenza, il suo ritorno nella NFL e l'uso prima dei giochi

In una nuova candida intervista, il wide receiver dei Cleveland Browns parla di riabilitazione, dettagli sulle lotte passate con l'abuso di sostanze e ammette di avere qualcosa nel suo sistema 'probabilmente ogni partita della sua carriera'.

Josh Gordon sa di essere fuori dalle possibilità – almeno, questo è quello che ha detto mercoledì scorso il wide receiver dei Cleveland Browns, spesso sospeso, poche ore prima di incontrare il commissario della NFL Roger Goodell per chiederne un altro.

Con l'eccezione del suo anno da rookie 2012, il 26enne Gordon ha perso alcune o tutte le stagioni della sua carriera calcistica professionistica a causa delle lotte con l'abuso di sostanze. Non gioca una partita di calcio nella stagione regolare dal dicembre 2014, assente per 51 delle ultime 56 partite della sua squadra e trascorrendo più di 100 di quei 1.052 giorni persi in riabilitazione. Quando ha giocato, è stato eccezionale, registrando un record di 1.646 yard nel 2013 (e lo fa in sole quattordici partite).



La scorsa settimana, è venuto a New York per le sue udienze di reintegrazione, cercando ancora una volta di convincere i dirigenti della lega che aveva un controllo sulla sua sobrietà. E ha funzionato. Mercoledì sera, Gordon è stato reintegrato nella NFL con riserva. 'Soggetto al rispetto dei requisiti clinici e di altro tipo': il linguaggio del Dichiarazione NFL ciò significa, tra le altre cose, test antidroga puliti e riunioni degli AA: può rientrare negli studi di Browns non appena il 20 novembre. Naturalmente, è proprio quella conformità che è sempre stata il problema.



Gordon è stato schiaffeggiato con più sospensioni per aver ripetutamente violato la politica sull'abuso di sostanze della lega: due partite nel 2013; dieci partite nel 2014; l'intera stagione nel 2015. Nel 2016 è stato reintegrato (anche se con una squalifica di quattro partite per iniziare la stagione) e sulla via del ritorno a giocare. Poi, durante una passeggiata di squadra per circa due partite, un membro della sicurezza dei Browns lo ha tirato fuori dal campo e gli ha detto che era uscito un mandato per il suo arresto per mancato rispetto di un test di paternità. Ha detto che si chiedeva: 'Chi è questa ragazza? Se c'è un bambino, chi è questo bambino?' Due domeniche di fila, mentre la squadra era in trasferta, lui è rimasto indietro (i giocatori squalificati non viaggiano) e si è 'automedicato'. Quindi, la quinta settimana della stagione, la settimana in cui sarebbe tornato in campo, ha scelto invece di andare in riabilitazione.



È stata la seconda stagione consecutiva di calcio che ha perso, e la seconda stagione consecutiva in cui la NFL ha dovuto fare a meno di uno dei suoi registi più dinamici. A 6 piedi-3, 230 libbre, ha un'altezza che non dovrebbe essere autorizzata a accoppiarsi con la sua corporatura; e ha una corporatura a cui non dovrebbe essere permesso di accoppiarsi con la sua velocità. ( Tim Montgomery , il suo allenatore ed ex olimpionico, dice che potrebbe essere un campione olimpico nei 400 se si allenasse per questo.) L'ultimo ricevitore ad avere la sua combinazione di abilità esplosive in difesa è stato Calvin Johnson, un giocatore così fisicamente dominante che è soprannominato dopo un robot fittizio con cannoni laser al posto delle braccia. Gordon divenne il primo ricevitore con partite consecutive di oltre 200 yard ricevute (237 e 261). Questo è ancora più notevole quando impari che non era sobrio per nessuno dei due. O per qualsiasi gioco. Gordon dice di avere qualcosa nel suo sistema per 'probabilmente ogni partita della sua carriera'.

mad max fury road furiosa braccio

Da quando è entrato in riabilitazione nel 2016 per quel soggiorno di 35 giorni, Gordon è in gran parte sbiadito dalla vista del pubblico. Quando se ne andò a metà-fine ottobre, si trasferì a Gainesville, entrò in 'probabilmente la migliore forma della mia vita', fece domanda per il reintegro della NFL a marzo 2017 (gli fu negato a maggio) ed è rimasto sobrio per sei mesi. Sentiva di meritare una ricompensa. 'Lo volevo nel modo che so fare', dice. 'E questo è droga e alcol.' Ha detto che 'potrebbe entrare in un bar e bere due drink', quindi andarsene, cercando di capire come non tornare a casa, come farlo durare un po' di più. Lo chiama il suo 'fondo'. Quindi è tornato in riabilitazione, questa volta per 'ben più di tre mesi'.